Florovivaisti Italiani: più unità e potere decisionale contro emergenze fitosanitarie

Florovivaisti Italiani: più unità e potere decisionale contro emergenze fitosanitarie

18/04/2019 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 863 volte!

L’iniziativa in Sicilia sul nuovo Regolamento Ue

 

Mag­giore col­lab­o­razione tra le forze in cam­po per garan­tire le pro­duzioni e la com­pet­i­tiv­ità delle imp­rese, un liv­el­lo uni­forme di servizi fitosan­i­tari sul ter­ri­to­rio, più potere deci­sion­ale in caso di emer­gen­ze come la xylel­la, un coor­di­na­men­to tra tut­ti i servizi san­i­tari ital­iani. Queste le azioni nec­es­sarie per lo svilup­po del set­tore floro­vi­vais­ti­co nazionale, emerse in occa­sione del con­veg­no “Il nuo­vo regime fitosan­i­tario nel futuro del floro­vi­vais­mo”, orga­niz­za­to dall’Associazione Floro­vi­vaisti Ital­iani in col­lab­o­razione con Cia-Agri­coltori Ital­iani Sicil­ia Ori­en­tale e con il patrocinio del Comune di Maz­zarrà Sant’Andrea, in provin­cia di Messi­na.

E’ impor­tante che il set­tore sia rap­p­re­sen­ta­to a liv­el­lo isti­tuzionale -ha det­to Mario Maio­rana, vicepres­i­dente dell’Associazione Floro­vi­vaisti ital­iani, davan­ti a una platea di rap­p­re­sen­tan­ti del set­tore, docen­ti, tec­ni­ci e impren­di­tori-. Per i floro­vi­vaisti è fon­da­men­tale far­si ascoltare sen­za divi­sioni e par­ti­co­lar­is­mi, la sfi­da per il futuro deve essere affronta­ta con coe­sione”. Per ques­ta ragione, ha con­tin­u­a­to Maio­rana, “l’Associazione Floro­vi­vaisti ital­iani farà da pun­to di incon­tro delle istanze dell’intero set­tore”.

Il nuo­vo rego­la­men­to fitosan­i­tario europeo, che entr­erà in vig­ore il 14 dicem­bre 2019, non serve a bloc­care le mer­ci in entra­ta a pri­ori, per pro­cedere all’ingresso solo in segui­to all’accertamento del ris­chio. Serve, piut­tosto, a deter­minare i rischi con­nes­si agli organ­is­mi nocivi e a ridurli ad un liv­el­lo sosteni­bile.

Cia-Agri­coltori Ital­iani, in col­lab­o­razione con il Copa Coge­ca e con altri 8 Sta­ti mem­bri a liv­el­lo di Con­siglio Ue, è rius­ci­ta a far includ­ere alcu­ni organ­is­mi nocivi all’interno del­la lista delle piante ad alto ris­chio.

Il set­tore floro­vi­vais­ti­co è un set­tore all’avanguardia con gran­di prospet­tive di svilup­po -ha sot­to­lin­eato il pres­i­dente nazionale Cia-Agri­coltori Ital­iani Dino Scanavi­no nelle sue con­clu­sioni-. Per accel­er­are questo proces­so, ma anche per affrontare le nuove sfide e le nuove emer­gen­ze a liv­el­lo fitosan­i­tario, è impor­tante aggre­gare la fil­iera, anche attra­ver­so la costruzione di OP ded­i­cate”.

Con­di­vi­di:
error0