La Sapienza mette al bando la plastica e aderisce alla campagna #StopSingleUsePlastic

La Sapienza mette al bando la plastica e aderisce alla campagna #StopSingleUsePlastic

17/04/2019 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1321 volte!

Plastica? No, grazie!

Sapienza aderisce alla campagna #StopSingleUsePlastic lanciata dalla Crui per disincentivare l’utilizzo della plastica monouso, borracce di alluminio, erogatori di acqua nei corridoi e caffè alla spina da consumare con la propria tazza.

Al bando bottiglie e bicchieri di plastica durante eventi e cerimonie.

 

La Sapien­za è pronta a varare una serie di inizia­tive nel seg­no del­la sosteni­bil­ità, in sin­to­nia con l’accordo siglato dal­la Con­feren­za dei Ret­tori delle uni­ver­sità ital­iane (Crui) con l’Associazione Mare­vi­vo e il Con­sorzio nazionale interuni­ver­si­tario per le scien­ze (Con­is­ma) per aderire alla cam­pagna #StopS­in­gleUse­Plas­tic.

Il pro­gram­ma Plas­tic Free — spie­ga il Ret­tore Euge­nio Gau­dio — si inserisce in una serie di inizia­tive per la sosteni­bil­ità che van­no oltre ques­ta impor­tan­tis­si­ma sfi­da. Siamo infat­ti impeg­nati a coor­dinare azioni in un quadro uni­tario anche sul fronte ener­geti­co, con un piano impo­nente di con­ver­sione alle energie rin­nov­abili, sul tema dei rifiu­ti e infine sul piano didat­ti­co, con il prog­et­to di lezioni ded­i­cate alla sosteni­bil­ità in tut­ti i cor­si di lau­rea”. 

Il pro­gram­ma del­la Sapien­za, approva­to dal Sen­a­to acca­d­e­mi­co il 16 aprile, è arti­co­la­to e prevede diver­si inter­ven­ti:

- dis­tribuzione alle future matri­cole di bor­rac­ce in met­al­lo per dis­in­cen­ti­vare l’uso delle bot­tiglie di acqua min­erale; le bor­rac­ce saran­no dis­tribuite in occa­sione di Porte Aperte e inserite sta­bil­mente nel cat­a­l­o­go del mer­chan­dis­ing Sapien­za;

  • aumen­to degli eroga­tori di acqua sen­za bic­chieri di plas­ti­ca pre­sen­ti nelle strut­ture dell’Ateneo;
  • dif­fu­sione di mac­chine del caf­fè con l’opzione sen­za bic­chieri per incen­ti­vare l’uso di tazze per­son­ali;
  • pre­mio alle soci­età di ris­torazione attive all’interno delle uni­ver­sità che abban­do­nano l’uso di plas­ti­ca monouso.

In pro­gram­ma anche la mes­sa al ban­do di bot­tiglie e bic­chieri di plas­ti­ca al tavo­lo dei rela­tori in tutte le con­feren­ze che si svol­go­no all’interno dell’Ateneo, la pro­gres­si­va sos­ti­tuzione nel Sapien­za Store di gad­get per ren­der­li eco­com­pat­i­bili e l’adeguamento a cri­teri plas­tic free degli ordi­ni di can­cel­le­ria degli uffi­ci.

La Sapien­za pun­ta così ad antic­i­pare la “Strate­gia euro­pea per la plas­ti­ca” che, se approva­ta in via defin­i­ti­va, vieterà a par­tire dal 2021 la ven­di­ta di moltissi­mi arti­coli in plas­ti­ca monouso.

Già dal prossi­mo anno acca­d­e­mi­co è pre­vis­to un cor­so inte­gra­to sulle scien­ze del­la sosteni­bil­ità in tutte le facoltà” pre­cisa Liv­io de San­toli, proret­tore alle Politiche ener­getiche “inoltre da gen­naio sei grup­pi di lavoro si stan­no con­frontan­do per pro­porre azioni sulle tem­atiche più ril­e­van­ti del­la sosteni­bil­ità: rifiu­ti, cibo, mobil­ità sosteni­bile ed ener­gia”.

Con­di­vi­di:
error0