Selezione 2019: ecco le 47 eccellenze dell’olio extravergine toscano

Selezione 2019: ecco le 47 eccellenze dell’olio extravergine toscano

16/04/2019 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 734 volte!

FIRENZE — Sono 47 gli oli extravergi­ni di oli­va che rap­p­re­sen­tano l’eccellenza  del­la pro­duzione Toscana. I 47 oli  sono sta­ti scelti fra i 70 cam­pi­oni pre­sen­tati alla “Selezione regionale degli oli extravergi­ni di oli­va 2019” pro­mossa dal­la Regione Toscana con la col­lab­o­razione di Pro­mo Firen­ze, Azien­da Spe­ciale del­la Cam­era di Com­mer­cio di Firen­ze. Gli oli cer­ti­fi­cati apparten­gono a tutte le cat­e­gorie delle cer­ti­fi­cazioni toscane dell’olio extravergine di oli­va: DOP (Chi­anti Clas­si­co, Luc­ca, Seg­giano, Terre di Siena) e IGP Toscano.

La Selezione 2019 è sta­ta uffi­cial­mente pre­sen­ta­ta oggi a Firen­ze pres­so la sede di Toscana pro­mozione tur­is­ti­ca, a Vil­la Fab­bri­cot­ti. Tut­ti gli oli selezionati sono sta­ti pre­miati con un attes­ta­to dall’assessore regionale all’agricoltura.  Sono state inoltre asseg­nate altre 14  men­zioni spe­ciali nelle sezioni ded­i­cate al “Bio”, a “Orig­ine”, “Monocul­ti­var” e “Biofeno­li”.

L’assessore regionale all’agricoltura ha evi­den­zi­a­to il liv­el­lo di eccel­len­za rag­giun­to dalle nos­tre pro­duzioni: i 47 oli selezionati, e le 14 men­zioni asseg­nate rap­p­re­sen­tano un pic­co­lo record nel­la sto­ria del­la selezione degli oli e dimostra­no che lo stan­dard qual­i­ta­ti­vo del­la nos­tra regione ha com­pi­u­to un ulte­ri­ore pas­so in avan­ti. E’ un buon viati­co, ha aggiun­to, per tut­to il set­tore e un otti­mo bigli­et­to da visi­ta per le attiv­ità di pro­mozione sui mer­cati mon­di­ali: questi oli saran­no infat­ti ambas­ci­a­tori del­la qual­ità toscana nel mon­do.

Al ter­mine del­la pre­mi­azione è sta­to pos­si­bile effet­tuare una breve degus­tazione degli oli pre­miati, accom­pa­g­nati dal pane gen­til­mente offer­to dal Con­sorzio del Pane Toscano DOP.

Olio extravergine Dop e Igp: la selezione

Alla selezione han­no potu­to parte­ci­pare tut­ti i pro­dut­tori toscani di oli extravergi­ni di oli­va cer­ti­fi­cati in una delle 5 Dop e Igp reg­is­trate per la Toscana. Ogni impre­sa ave­va la pos­si­bil­ità di parte­ci­pare con un mas­si­mo di 2 oli. Per effet­tuare l’analisi sen­so­ri­ale sui cam­pi­oni, nec­es­saria alla real­iz­zazione del­la selezione, sono state cos­ti­tuire appo­site Com­mis­sioni regionale  di assag­gio che han­no val­u­ta­to gli oli.

I 47 oli selezionati proven­gono da tutte le Dop toscane (10 per Chi­anti clas­si­co, 3 per Terre di Siena, 1 per Seg­giano, 1 per Luc­ca e 32 per l’Igp Toscano),  rap­p­re­sen­tano dunque il meglio del­la pro­duzione regionale per l’ultima cam­pagna olearia, ottenu­ta attra­ver­so una par­ti­co­lare atten­zione ded­i­ca­ta dalle aziende alle fasi di colti­vazione, rac­col­ta, trasfor­mazione, con­ser­vazione e con­fezion­a­men­to del prodot­to.

Il pos­i­ti­vo lavoro svolto ha con­sen­ti­to la pub­bli­cazione del rel­a­ti­vo cat­a­l­o­go, sia in lin­gua ital­iana che in lin­gua inglese, che rac­coglie tutte le schede descrit­tive di ogni olio selezion­a­to e che rap­p­re­sen­ta uno stru­men­to di val­oriz­zazione per tutte le aziende pro­dut­tri­ci che han­no super­a­to la selezione, ma anche un canale prezioso per dif­fondere, sia in Italia che all’estero, la cor­ret­ta conoscen­za dell’olio d’eccellenza toscano.

Olio extravergine Dop e Igp: le carat­ter­is­tiche

Il pat­ri­mo­nio olivi­co­lo regionale è for­ma­to da oltre 15 mil­ioni di piante, delle quali più del 90% è cos­ti­tu­ito da poche vari­età: Fran­toio, Moraio­lo, Lec­ci­no, Mau­ri­no, e Pen­dolino. Negli oliveti toscani sono comunque pre­sen­ti anche numerose altre vari­età minori che sono state cen­site e stu­di­ate attra­ver­so appro­fon­dite indagi­ni. Si trat­ta di un immen­so pat­ri­mo­nio geneti­co, selezion­a­to e riprodot­to local­mente nel cor­so dei sec­oli, che for­ma con l’ambiente nat­u­rale un insieme inscindibile. In questo con­testo in Toscana nasce l’olio extravergine di oli­va, con il suo gus­to incon­fondibile.

Olio extravergine: la pro­duzione

In Toscana sono oltre 50.000 le aziende pro­dut­tri­ci di olio extravergine di oli­va, su oltre 91.900 ettari, delle quali il 3,7% appli­ca il meto­do di pro­duzione bio­log­i­ca dis­tribui­ta su oltre 8.300 ettari. La pro­duzione media annua si è attes­ta­ta attorno ai 140.000 quin­tali (ma le stime del 2018 par­lano di una cifra com­p­lessi­va di 190.000)  con un val­ore del­la pro­duzione regionale di cir­ca 120–130  mil­ioni di euro (4,9% sul val­ore del­la pro­duzione agri­co­la regionale), dati che pos­sono subire for­ti vari­azioni di anno in anno in base alle con­dizioni cli­matiche che si riflet­tono poi sul prez­zo di mer­ca­to.

Tra i numeri del mon­do olivi­co­lo occorre ricor­dare anche i fran­toi in attiv­ità (sono cir­ca 400), gli assag­gia­tori d’olio (oltre 700) e il vivais­mo olivi­co­lo (quest’ultimo, con­cen­tra­to preva­len­te­mente a Pes­cia, rap­p­re­sen­ta una quo­ta ril­e­vante del­la pro­duzione nazionale. Con­sis­tente anche la quo­ta di olio bio­logi­co: cir­ca 7.000 quin­tali prodot­ti da 1.860 aziende su una super­fi­cie di 8.338 ettari.

Con­di­vi­di:
error0