Legambiente mappa i sentieri italiani: dalle Cinque Terre a Pantelleria

Legambiente mappa i sentieri italiani: dalle Cinque Terre a Pantelleria

09/04/2019 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 920 volte!

Con un sem­plice click si potran­no vedere alcu­ni dei pae­sag­gi più bel­li del­la Peniso­la a par­tire da quel­li del Cam­mi­no di San Benedet­to, del par­co delle Cinque Terre, l’Iso­la d’El­ba, l’Iso­la di Pan­tel­le­ria (Tp) per arrivare a quel­li del­l’Archeograb a Roma lun­go l’Ap­pia Anti­ca. Sono questi i cinque itin­er­ari scelti da Legam­bi­ente per essere map­pati nel­l’am­bito del Trekker Loan Pro­gram di Street View e che ben rac­con­tano la bellez­za del­la Bel­paese, tra mare e ter­ra, e quel­la del­la natu­ra ital­iana. Per­ché i luoghi scelti da Legam­bi­ente incro­ciano anche aree nat­u­rali pro­tette di grande pre­gio come il Par­co Nat­u­rale delle Cinque Terre, il Par­co Nazionale del­l’Arcipela­go Toscano, il Par­co nazionale di Pan­tel­le­ria, il Par­co regionale del­l’Ap­pia Anti­ca e quel­lo dei Sim­bru­i­ni, solo per citarne alcu­ni.

Legam­bi­ente ha map­pa­to itin­er­ari gra­zie al Trekker Loan Pro­gram di Street View per offrire a tut­ti gli aman­ti del­la passeg­gia­ta nuovi per­cor­si da vis­itare a pie­di e visu­al­iz­zare “vir­tual­mente” anche sul pro­prio com­put­er nav­i­gan­do su Google Maps.

Le immag­i­ni dei sen­tieri sono state “map­pate” in questi mesi dai volon­tari del­l’as­so­ci­azione che han­no per­cor­so diverse vie con il Trekker di Street View, uno spe­ciale- zaino “tec­no­logi­co” dota­to di 15 foto­camere posizion­ate nel­la parte supe­ri­ore del­lo zaino che per­me­t­tono la nav­igazione a 360* dei siti cat­turati. Il tut­to è sta­to pos­si­bile gra­zie anche al prezioso aiu­to di enti par­co, ammin­is­trazioni ed enti locali, asso­ci­azioni ter­ri­to­ri­ali, cir­coli e region­ali di Legam­bi­ente, il diret­tore di Vil­la Adri­ana e Vil­la d’Este e le guide CAI che han­no accom­pa­g­na­to e aiu­ta­to i volon­tari in ques­ta “avven­tu­ra”.

Gra­zie alle immag­i­ni rac­colte e vis­i­bili dal 9 Aprile chi vor­rà, dig­i­tan­do su Google Maps i sen­tieri map­pati da Legam­bi­ente, potrà visu­al­iz­zare i rel­a­tivi per­cor­si, val­u­tarne con­dizioni e dif­fi­coltà, ma anche vedere la bellez­za di questi luoghi, sta­bilire come attrez­zarsi per affrontare al meglio e ben preparati una gita fuori por­ta in uno di questi luoghi.

Il viag­gio di Legam­bi­ente inizia dal Cam­mi­no di San Benedet­to che attra­ver­sa il “cuore” del­l’I­talia cen­trale, lun­go l’Ap­pen­ni­no, dal­l’Um­bria pas­san­do alla fas­cia inter­na del Lazio, per giun­gere a Mon­te­cassi­no, al con­fine con la Cam­pa­nia.

Da non perdere la passeg­gia­ta all’in­ter­no del­la Ris­er­va Nat­u­rale di Monte Catil­lo, un’area pro­tet­ta di 1320 ettari com­pre­sa nel comune di Tivoli che prende il nome dal Monte Catil­lo dal quale si può osser­vare una bel­lis­si­ma vista sul­la cit­tà di Tivoli e sul­la cam­pagna romana. Una per­la del­la Ris­er­va è la “Sug­her­a­ta di Siriv­i­dola” con il suo bosco di sug­heri immer­so nel verde. Per chi volesse vedere uno dei luoghi toc­cati da San Benedet­to, c’è Subi­a­co sit­u­a­to su uno sper­one di roc­cia cal­carea, a dominio del­la Valle del­l’Aniene, e sovras­ta­to dal­l’im­po­nente Roc­ca Abbaziale.

In Lig­uria pro­tag­o­nista il Par­co delle  Cinque Terre, tra le mete più vis­i­tate per il mare, i borghi arroc­cati, i muret­ti a sec­co e i vigneti, e scelte da Legam­bi­ente anche per rac­con­tare un pae­sag­gio stra­or­di­nario che tes­ti­mo­nia l’ar­mo­nia pos­si­bile nel­l’in­ter­azione tra uomo e natu­ra. Tra i sen­tieri map­pati, in col­lab­o­razione con il CAI del­la Spezia il Sen­tiero Verde Azzur­ro e i sen­tieri di col­lega­men­to con i san­tu­ari,  immer­si nel­la mac­chia mediter­ranea lun­go la cos­ta lig­ure.  Oppure quel­lo che por­ta al pic­co­lo bor­go Mon­es­teroli del­la cos­ta dei Tra­mon­ti, nel Par­co Nazionale delle Cinque Terre.  Per rag­giunger­lo occorre per­cor­rere la scali­na­ta di oltre mille scali­ni che por­ta al pic­co­lo bor­go a pic­co sul mare, molto dif­fi­cile da rag­giun­gere

Il viag­gio di Legam­bi­ente si spos­ta anche su due isole. Sul­l’Iso­la d’El­ba, la mag­giore delle isole che com­pon­gono l’Arcipela­go toscano e teatro del fes­ti­val nazionale del Cam­minare, per far sco­prire ad esem­pio il San­tu­ario delle far­falle, ded­i­ca­to alla memo­ria di Ornel­la Cas­nati, forte­mente volu­to da Legam­bi­ente ed inau­gu­ra­to nel mag­gio del 2009. C’è poi la mac­chia mediter­ranea che cir­con­da Mar­ciana Mari­na ric­ca di pro­fu­mi e col­ori da esplo­rare attra­ver­so il “sen­tiero dei pro­fu­mi” e per chi invece volesse sco­prire la parte più sel­vaggia e insoli­ta del­l’iso­la toscana, da non perdere la passeg­gia­ta che por­ta al Monte Calami­ta (413 m s.l.m.)verso le antiche miniere del­l’El­ba.

Altra iso­la, altre bellezze: come quelle di Pan­tel­le­ria, in Sicil­ia, dove per altro sven­tolano le cinque vele asseg­nate lo scor­so da Legam­bi­ente e Tour­ing Club Ital­iano con Il mare più bel­lo. Qui tra i sen­tieri map­pati c’è quel­lo che por­ta alla Mon­tagna Grande (836 metri s.l.m), la vet­ta più alta di Pan­tel­le­ria sit­u­a­ta qua­si al cen­tro del­l’iso­la vul­cani­ca. Cop­er­ta da un bosco sem­pre­verde, la Mon­tagna Grande offre a tut­ti gli appas­sion­ati del­la natu­ra una incred­i­bile vari­età di pae­sag­gi e veg­e­tazione. Altro itin­er­ario sug­ges­ti­vo è quel­lo che por­ta al Monte Gibele (650metri s.l.m): un vul­cano ormai spen­to che si rag­giunge attra­ver­so un per­cor­so che con­duce diret­ta­mente al cratere, con una base ricop­er­ta di una fiorente flo­ra spon­tanea. Da entrambe queste mon­tagne si gode un bel­lis­si­mo panora­ma del­l’iso­la defini­ta la Per­la nera del Mediter­ra­neo.

Ed infine non pote­va man­care un omag­gio alla grande bellez­za del­la cit­tà Eter­na da sco­prire per­cor­ren­do l’Archeograb, il trat­to arche­o­logi­co del GRAB (Grande Rac­cor­do Anu­lare delle bici) ed uno degli itin­er­ari più sug­ges­tivi di Roma dis­eg­na­to e pen­sato per gli appas­sion­ati del­la Roma Anti­ca e con­siglia­to soprat­tut­to per gli appas­sion­ati cicloam­a­tori. È un anel­lo di cir­ca 16 chilometri che ruo­ta attorno all’Ap­pia Anti­ca, la più famosa delle vie con­so­lari, uti­liz­zan­do qua­si esclu­si­va­mente per­cor­si in sede pro­tet­ta (parchi urbani o strade vietate alla cir­co­lazione veico­lare).

Legam­bi­ente ringrazia: Legam­bi­ente Arcipela­go Toscano, il Par­co Nazionale Arcipela­go Toscano, Par­co Nazionale Cinque Terre, CAI La Spezia, Par­co Nazionale Iso­la di Pan­tel­le­ria, CAI Pan­tel­le­ria Servizio per il Ter­ri­to­rio di Tra­pani del Dipar­ti­men­to Regionale del­lo Svilup­po Rurale e Ter­ri­to­ri­ale — Regione Sicil­ia, Legam­bi­ente Tivoli, Legam­bi­ente Mon­di Pos­si­bili, Casone Valle del­l’Aniene, Andrea Bru­ciati — Diret­tore Vil­la d’Este e Vil­la Adri­ana, Asso­ci­azione Vivere per l’Aniene, Asso­ci­azione Ami­ci del Cam­mi­no di San Benedet­to

Elenco completo dei sentieri mappati dai volontari di Legambiente

 

Cammino di San Benedetto (Umbria e Lazio)

I sen­tieri e le strade per­cor­si e map­pati sono:

 

Le Cinque terre (Liguria)

I sen­tieri e le strade per­cor­si e map­pati sono:

 

Pantelleria (TP) Sicilia

I sen­tieri e le strade per­cor­si e map­pati da Legam­bi­ente sono:

 

Isola d’Elba (Arcipelago Toscano)

I sen­tieri e le Strade per­corse e map­pate dai volon­tari di Legam­bi­ente sono:

Archeograb (Roma- Appia Anti­ca) Un anel­lo di cir­ca 16 chilometri che ruo­ta attorno all’Ap­pia Anti­ca, la più famosa delle vie con­so­lari, uti­liz­zan­do qua­si esclu­si­va­mente per­cor­si in sede pro­tet­ta (parchi urbani o strade vietate alla cir­co­lazione veico­lare).

Con­di­vi­di:
error0