LAZIO. PIÙ FONDI AI COMUNI CONTRO IL DISSESTO FINANZIARIO

LAZIO. PIÙ FONDI AI COMUNI CONTRO IL DISSESTO FINANZIARIO

20/03/2019 0 Di puntoacapo
Vis­ite: 196

Ok dalla commissione Bilancio a diverse modifiche di leggi regionali. Contributi per la Valle dell’Aniene e per il patrocinio legale in favore delle donne vittime di violenza

La com­mis­sione Bilan­cio, pro­gram­mazione eco­nom­i­co-finanziaria, parte­ci­pazioni region­ali, fed­er­al­is­mo fis­cale, demanio e pat­ri­mo­nio, pre­siedu­ta da Mar­co Vin­cen­zi (Pd), ha dato parere favorev­ole alla pro­pos­ta di legge regionale n. 116 del 21 feb­braio 2019 con­cer­nente “Dis­po­sizioni finanziarie di inter­esse regionale e mis­ure cor­ret­tive di leg­gi region­ali varie”. Il provved­i­men­to mod­i­fi­ca la nor­ma­ti­va regionale, tenen­do anche con­to, come ha spie­ga­to l’assessore al Bilan­cio, Alessan­dra Sar­tore, degli impeg­ni pre­si con il gov­er­no per evitare sovrap­po­sizioni di dis­ci­plina con la nor­ma­ti­va statale.

Con l’articolo 1 s’interviene sulle dis­po­sizioni del­la legge regionale 12/2013 in mate­ria di pre­ven­zione del disses­to finanziario dei comu­ni, dispo­nen­do un incre­men­to dell’apposito fon­do, per un impor­to pari a un mil­ione di euro per cias­cu­na annu­al­ità 2019 e 2020. L’articolo 2 inte­gra, per quan­to di com­pe­ten­za, la dis­ci­plina statale rel­a­ti­va alle antic­i­pazioni di liq­uid­ità di enti locali e regioni, anche per con­to dei rel­a­tivi enti del servizio san­i­tario. La pl 116 prevede l’istituzione di due apposi­ti fon­di per la parte­ci­pazione degli enti ter­ri­to­ri­ali ai pro­gram­mi uni­tari di val­oriz­zazione del pat­ri­mo­nio immo­bil­iare pro­mossi dal­la stes­sa Regione, ai quali parte­ci­pa anche l’Agenzia del demanio. L’autorizzazione di spe­sa per tali fon­di è pari a 3,6 mil­ioni di euro nel tri­en­nio 2019–2021.

Una vari­azione di bilan­cio è vol­ta a con­sen­tire gli inter­ven­ti di manuten­zione stra­or­di­nar­ia dei Cen­tri per l’impiego (due mil­ioni di euro per l’anno in cor­so). Altre norme del­la pl 116 preve­dono: l’autorizzazione agli enti stru­men­tali e alle soci­età parte­ci­pate al paga­men­to in for­ma rateiz­za­ta dei deb­iti nei con­fron­ti del­la Regione; la cop­er­tu­ra finanziaria dell’esenzione dal paga­men­to del­la tas­sa auto­mo­bilis­ti­ca regionale per deter­mi­nate tipolo­gie di veicoli uti­liz­za­ti dai sogget­ti diver­sa­mente abili e delle minori entrate derivan­ti dalle nuove agevolazioni introdotte dal gov­er­no per le auto storiche tra i 20 e i 29 anni di età.

Dieci gli emen­da­men­ti e due i sube­men­da­men­ti approvati dal­la com­mis­sione. Con un arti­co­lo aggiun­ti­vo pro­pos­to dal­la con­sigliera Eleono­ra Mat­tia (Pd), accom­pa­g­na­to da un sube­men­da­men­to di 50 mila euro per cias­cu­na annu­al­ità del tri­en­nio 2019–2021 dall’assessore Sar­tore, si intende sostenere eco­nomi­ca­mente il patrocinio legale in favore delle donne vit­time di vio­len­za e atti per­se­cu­tori. È sem­pre del­la con­sigliera Mat­tia l’articolo aggiun­ti­vo volto a far val­utare l’esperienza di care­giv­er che si prende volon­tari­a­mente cura di una per­sona non auto­suf­fi­ciente, ai fini dell’acquisizione del­la qual­i­fi­ca di Oper­a­tore socio san­i­tario o altre fig­ure sim­i­lari. Con un emen­da­men­to pre­sen­ta­to da Vin­cen­zi e Antonel­lo Aurigem­ma (FI) si prevede uno stanzi­a­men­to di 650 mila euro, per la con­ces­sione di con­tribu­ti a fon­do per­du­to alle imp­rese che oper­a­no nel­la Valle dell’Aniene. L’istituzione di un fon­do per la real­iz­zazione dei piani di elim­i­nazione delle bar­riere architet­toniche è invece ogget­to di un emen­da­men­to pre­sen­ta­to dal­la con­sigliera Valenti­na Cor­ra­do (M5s).

Nel cor­so del­la sedu­ta, la com­mis­sione ha altresì esam­i­na­to la pl 114, “Mod­i­fiche alla legge regionale 7 mar­zo 2016, n.1 (dis­po­sizioni per favorire la con­cil­i­azione nelle con­tro­ver­sie san­i­tarie e in mate­ria di servizi pub­bli­ci) e suc­ces­sive mod­i­fi­cazioni”, dan­do il pro­prio parere favorev­ole alle dis­po­sizioni di natu­ra finanziaria, così come prevede l’articolo 59 del Rego­la­men­to dei lavori del Con­siglio regionale. Parere favorev­ole anche alla pro­pos­ta di delib­er­azione con­sil­iare n. 27, “Legge regionale 24 novem­bre 1997, n. 42 – piano tri­en­nale di ind­i­riz­zo in mate­ria di beni e servizi cul­tur­ali 2019–2021”, con­dizion­a­to all’accoglimento di un emen­da­men­to di natu­ra finanziaria illus­tra­to dall’assessore Sar­tore e anch’esso approva­to dal­la com­mis­sione. Entram­bi i provved­i­men­ti dovran­no tornare alle rispet­tive com­mis­sioni di mer­i­to, per il parere defin­i­ti­vo, pri­ma dell’invio all’Aula con­sil­iare.

La sedu­ta è sta­ta aggior­na­ta a mart­edì 26 mar­zo 2019 alle ore 10, per il pros­eguo dell’esame del­lo Schema di delib­er­azione n. 42, “Adozione delle linee gui­da per l’applicazione dell’articolo 19, com­ma 7, del­la l. r. 12/2016, con­cer­nente l’alienazione delle opere o delle costruzioni real­iz­zate su ter­reni apparte­nen­ti al pat­ri­mo­nio regionale”.