AUTISMO. FERRARA (OISMA): SI PUÒ PLASMARE SENZA COERCIZIONE

AUTISMO. FERRARA (OISMA): SI PUÒ PLASMARE SENZA COERCIZIONE

11/03/2019 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 289 volte!

SE NE PARLERÀ A ROMA IL 6 APRILE AL CONVEGNO DE LA SAPIENZA CON IDO

Siamo bio­logi­ca­mente deter­mi­nati per essere inde­ter­mi­nati”. Ecco il mot­to del con­veg­no ‘Plas­mare la com­p­lessità, autismo tra mente e cor­po’, orga­niz­za­to a Roma il 6 aprile dal­l’U­ni­ver­sità degli stu­di La Sapien­za, l’Is­ti­tu­to di Orto­fonolo­gia (IdO) e l’Osser­va­to­rio ital­iano stu­dio e mon­i­tor­ag­gio autismo (Ois­ma), in occa­sione del­la gior­na­ta mon­di­ale che ricorre ogni anno il 2 aprile. Il con­veg­no si svol­gerà nel­l’Aula Gerin de La Sapien­za in Viale Regi­na Ele­na 336 dalle 8.30 alle 16.30.
“È una frase del pro­fes­sore François Anser­met e ci può ras­si­cu­rare- spie­ga Rosaria Fer­rara, pres­i­dente Ois­ma- per­ché tut­to muta nel­la vita, anche noi muti­amo. Non usi­amo mai due volte lo stes­so cervel­lo, l’interazione con gli altri lo fa mutare in con­tin­u­azione. In quest’ottica deve essere inseri­ta anche la ter­apia, la riabil­i­tazione e le attiv­ità cre­ative. Si può plas­mare anche l’autismo sen­za una coer­cizione- con­clude- ma bisogna far­lo garan­ten­do il dirit­to alla felic­ità di questi sogget­ti, che non va mai dimen­ti­ca­to”.
In aiu­to delle famiglie l’O­is­ma pre­sen­terà il 6 aprile un prog­et­to di map­patu­ra delle strut­ture più accred­i­tate e indi­cate sul ter­ri­to­rio nazionale per trattare ogni sin­go­lo caso speci­fi­co. Dai Cen­tri che pro­muovono la riabil­i­tazione a quel­li che pun­tano sul­la social­iz­zazione e l’inserimento lavo­ra­ti­vo.
Il 6 aprile l’autismo sarà osser­va­to da due prospet­tive dif­fer­en­ti: quel­la del ter­apeu­ta e quel­la del­la famiglia. A garan­tir­lo sono i numerosi esper­ti che pren­der­an­no parte alla gior­na­ta di stu­dio: Nico­la Pur­ga­to, respon­s­abile del­la comu­ni­ta’ educa­ti­va riabil­i­ta­ti­va Anten­na 112 di Venezia (Mestre); Chiara Man­gia­rot­ti del­la Fon­dazione Mar­tin Egge; Gian­ni Car­bone, docente di Econo­mia de La Sapien­za, che appro­fondirà gli aspet­ti del­la dis­abil­i­ty man­age­ment e le mis­ure da pren­dere per favorire l’in­ser­i­men­to lavo­ra­ti­vo dei gio­vani con autismo; Mag­da Di Ren­zo, respon­s­abile del servizio Ter­apie del­l’I­dO; Rosaria Fer­rara, psi­colo­ga e pres­i­dente Ois­ma; Enri­co Non­nis, neu­rop­sichi­a­tra infan­tile e diret­tore del­l’U­ni­ta’ Com­p­lessa di Salute men­tale del­l’e­ta’ evo­lu­ti­va del­la Asl Roma 3. Tante e diverse le pro­fes­sion­al­ità per­ché l’autismo è una ques­tione com­p­lessa, che richiede più sguar­di. Ci sarà, infine, l’at­trice Sab­ri­na Par­avici­ni con il figlio Nino, asperg­er, per pre­sentare il loro film ‘Be kind’.
L’in­gres­so è libero e sarà pos­si­bile rice­vere un attes­ta­to di parte­ci­pazione. Per rice­vere infor­mazioni scri­vere a info@oisma.it; il pro­gram­ma è sul sito IdO