Condanna Casamonica, Luigi Ciatti: Roma più sicura

Condanna Casamonica, Luigi Ciatti: Roma più sicura

26/02/2019 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 459 volte!

Processo Casamonica, Luigi Ciatti: “Grazie a questa condanna oggi c’è una Roma più sicura”

Il presidente di Ambulatorio Antiusura e legale della famiglia Roman:
“Denunciare e scegliere la legalità è l’unica opzione vincente”

 

“Con la con­dan­na di Anto­nio Casa­mon­i­ca, pos­si­amo dire che il cer­chio si chi­ude e che oggi c’è una Roma un po’ più sicu­ra dove chi pen­sa di pot­er fare il bel­lo ed il cat­ti­vo tem­po di regole e dirit­ti viene puni­to “: così Lui­gi Ciat­ti, pres­i­dente di Ambu­la­to­rio Antiusura ONLUS che dal 1997 assiste cit­ta­di­ni vit­time di sovrindeb­ita­men­to, usura e crim­i­nal­ità finanziaria a mar­gine del­la sen­ten­za di con­dan­na del­la VI sezione penale del Tri­bunale di Roma, che ha oggi con­dan­na­to l’e­spo­nente del­la nota famiglia romana a 7 anni di reclu­sione per i reati di lesioni e vio­len­za pri­va­ta aggra­vate dal meto­do mafioso.  Accolte le richi­este del Pub­bli­co Min­is­tero, che già nel­la prece­dente udien­za ave­va effet­tua­to con la sua ampia req­ui­si­to­ria un quadro pun­tuale dei “fat­ti di inaudu­ta grav­ità” che si era­no ver­i­fi­cati nel Roxy Bar di via Barzi­lai, alla Roman­i­na. Gli espo­nen­ti delle famiglie Casa­mon­i­ca e di Sil­vio si sono resi pro­tag­o­nisti dell’aggressione subi­ta dal­la parte lesa S.R., dife­sa dall’avv. Dora Ven­cia, e dei dan­ni appor­tati all’e­ser­cizio com­mer­ciale del­la famiglia Roman. Ambu­la­to­rio Antiusura, insieme alla Regione Lazio e a Con­f­com­mer­cio Roma han­no offer­to sosteg­no e assis­ten­za legale alle par­ti civili e oggi salu­tano l’e­si­to favorev­ole di un proces­so defini­to “rompighi­ac­cio”.

“Ha fat­to bene il pub­bli­co min­is­tero a ricor­dare come la Cas­sazione sot­to­linei che non ser­va essere for­mal­mente affil­iati alla crim­i­nal­ità orga­niz­za­ta di tipo mafioso per incor­rere in una con­dan­na rel­a­ti­va al 416-bis, se  è pre­sente quel­la par­ti­co­lare atti­tu­dine in gra­do di provo­care ter­rore per man­tenere il con­trol­lo del ter­ri­to­rio”, con­tin­ua Ciat­ti: “Alla Roman­i­na le vit­time sono state tes­ti­moni di scene ter­ri­bili. Ho sen­ti­to in questi minu­ti Rox­ana che mi ha rib­a­di­to la fidu­cia nel­la gius­tizia ital­iana e mi ha con­fer­ma­to quan­to sia impor­tante dif­fondere il mes­sag­gio: denun­cia­re questi fenomeni, scegliere la legal­ità rimane l’u­ni­co modo per lib­er­are i quartieri dal­la pre­sa del­la crim­i­nal­ità orga­niz­za­ta. Con­tin­uer­e­mo a difend­ere le vit­time”, con­tin­ua Ciat­ti, e ad impeg­nar­ci sul ter­ri­to­rio per­ché le vit­time non si sen­tano sole. Con Rox­ana entr­ere­mo nelle scuole per incon­trare i ragazzi, rac­con­tare la sto­ria di Rox­ana e far capire loro che la legal­ità è l’unica scelta vin­cente”.

 

Per infor­mazioni:

http://www.ambulatorioantiusura.it

ambulatorioantiusura@tiscali.it

3386765100 (Tc)