In Sicilia il primo parco giochi al mondo vietato a Facebook a Balestrate

In Sicilia il primo parco giochi al mondo vietato a Facebook a Balestrate

20/02/2019 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 379 volte!

Stop a telefoni e chat o scatterà una multa simbolica per finanziare iniziative di solidarietà. Una “macchina del tempo” misurerà la durata del distacco da internet e social. Il progetto a Balestrate, nel Palermitano, a cura di un comitato di genitori che ha fatto ricorso al crowfunding. L’appello dei promotori: è ancora possibile effettuare donazioni 

 
Nasce in Sicil­ia il pri­mo par­co giochi al mon­do vieta­to a Face­book. Tele­foni­ni ban­di­ti, divi­eto di chattare, social e siti web off lim­its. L’idea è di un comi­ta­to di gen­i­tori che ha real­iz­za­to il prog­et­to che sorg­erà a Balestrate, provin­cia di Paler­mo, gra­zie a una rac­col­ta fon­di di enti pub­bli­ci e pri­vati e una inizia­ti­va di crow­fund­ing. 
 
Il par­co sorg­erà nell’atrio di una scuo­la ele­mentare e sarà acces­si­bile a tut­ti. La pri­ma pietra ver­rà pos­ta a giorni gra­zie alla disponi­bil­ità dell’amministrazione locale che ha mes­so a dis­po­sizione uno dei cantieri di lavoro finanziati dal­la Regione sicil­iana. L’iniziativa con­sen­tirà di portare a ter­mine i pri­mi inter­ven­ti murari, poi toc­cherà ai volon­tari definire il prog­et­to molto più ambizioso il cui cos­to si aggi­ra sug­li 80 mila euro.
 
Pre­visti alberi, pavi­men­tazione con erbet­ta nat­u­rale, pan­chine e gaze­bo in leg­no, illu­mi­nazione a ener­gia solare, giostre, scivoli e alta­l­ene acces­si­bili a tut­ti e sen­za bar­riere architet­toniche. All’ingresso un armadi­et­to servirà a depositare tele­foni, tablet e stru­men­ti elet­tron­i­ci e un cronometro con­terà i minu­ti durante i quali il vis­i­ta­tore sarà rimas­to libero dal­la tec­nolo­gia e si sarà riap­pro­pri­a­to del pro­prio tem­po.
 
“È un invi­to alla social­ità – dicono i gen­i­tori che stan­no curan­do il prog­et­to – un modo per tornare a stare insieme, a dialog­a­re, a essere pre­sen­ti l’uno con l’altro. Ormai è nor­male ritrovar­si alla fer­ma­ta dell’autobus, in casa, a una fes­ta, e accorg­er­si che intorno stan­no tut­ti con lo sguar­do cala­to ver­so un tele­fono. Vogliamo regalare un mon­do nuo­vo e una nuo­va prospet­ti­va soprat­tut­to per i più pic­coli”.
 
Una parte del­la pavi­men­tazione sarà ris­er­va­ta ai giochi di una vol­ta per avvic­inare i bam­bi­ni agli anziani. Il par­co giochi ospiterà anche una rac­col­ta fon­di per­ma­nente che sarà ali­men­ta­ta dalle don­azioni dei vis­i­ta­tori e dalle even­tu­ali “multe” che saran­no inflitte a chi non rispet­ta la rego­la più impor­tante del par­co: vieta­to chattare, vieta­to Face­book.
In Sicilia il primo parco giochi al mondo vietato a Facebook
In Sicilia il primo parco giochi al mondo vietato a Facebook
In Sicilia il primo parco giochi al mondo vietato a Facebook
In Sicilia il primo parco giochi al mondo vietato a Facebook
Con­di­vi­di: