Sardegna, latte: Cia, sostegno a pastori sardi. Battistoni (Fi): non possiamo voltare le spalle

Sardegna, latte: Cia, sostegno a pastori sardi. Battistoni (Fi): non possiamo voltare le spalle

12/02/2019 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 346 volte!

CIA: Coinvolgere tutta la filiera per risolvere emergenza ed evitare ripercussioni in Lazio e Toscana

C’è grande pre­oc­cu­pazione per le man­i­fes­tazioni attual­mente in cor­so in Sardeg­na. Cia-Agri­coltori Ital­iani condi­vide la protes­ta degli all­e­va­tori per il crol­lo del prez­zo del lat­te, insuf­fi­ciente anche a coprire i costi di pro­duzione.

Le aziende agropas­torali sono il pilas­tro dell’agricoltura sar­da, ma i pas­tori non pos­sono con­tin­uare a pro­durre sen­za red­di­to adegua­to: così si mette a ris­chio l’economia di tut­ta la regione. I prezzi pagati ai pro­dut­tori (50–60 cen­tes­i­mi al litro) rischi­ano di creare for­ti dis­in­ves­ti­men­ti sul ter­ri­to­rio e causare l’abbandono degli all­e­va­men­ti in molte zone rurali, con ril­e­van­ti dan­ni, anche al tes­su­to sociale.

Cia prende atto dell’apertura di un tavo­lo tec­ni­co ded­i­ca­to da parte del Min­istro per le Politiche agri­cole, ali­men­ta­ri, fore­stali e del tur­is­mo Gian Mar­co Centi­naio e offre la sua disponi­bil­ità a con­certare insieme al gov­er­no e alle isti­tuzioni ter­ri­to­ri­ali una soluzione in tem­pi rapi­di per affrontare l’emergenza sar­da.

E’ nec­es­sario che il con­fron­to negoziale sia aper­to a tut­ti i sogget­ti inter­es­sati per arrivare a inter­ven­ti imme­diati di ris­toro per gli all­e­va­tori e, soprat­tut­to, a un piano di set­tore che preve­da mis­ure con­di­vise per miglio­rare le con­dizioni di pro­duzione, con una nuo­va arti­co­lazione e dif­feren­zi­azione degli sboc­chi di mer­ca­to.

Cia-Agri­coltori Ital­iani è inoltre pre­oc­cu­pa­ta dalle riper­cus­sioni che la situ­azione potrà avere nelle altre due regioni ital­iane, Toscana e Lazio, dove la zootec­nia ovi­cap­ri­na è uno dei set­tori trainan­ti dell’economia locale. In questo momen­to è nec­es­sario agire con seri­età e con­cretez­za per indi­vid­uare soluzioni effi­caci, avvian­do un con­fron­to sulle strate­gie di lun­go peri­o­do per il com­par­to lat­tiero-caseario.

Battistoni (FI): non possiamo voltare le spalle ai pastori sardi

Il Sen­a­tore Francesco Bat­tis­toni, Capogrup­po Com­mis­sione Agri­coltura Forza Italia e Respon­s­abile Dipar­ti­men­to Nazionale Agri­coltura Forza Italia ha così com­men­ta­to la protes­ta dei pas­tori sar­di:  “Quan­to sta succe­den­do in Sardeg­na è la dimostrazione di come scelte indus­tri­ali sbagli­ate pos­sono portare alla scom­parsa di interi com­par­ti pro­dut­tivi. Non pos­sono e non devono essere i pas­tori a pagare il prez­zo di queste scelte irre­spon­s­abili ed è gius­to che ven­ga riconosci­u­ta a ques­ta stra­or­di­nar­ia mate­ria pri­ma il gius­to impor­to. Non pos­si­amo pro­fes­sar­ci ambas­ci­a­tori del Made in Italy e delle nos­tre eccel­len­ze agroal­i­men­ta­ri e poi voltare le spalle ai nos­tri all­e­va­tori rischi­an­do di chi­ud­ere oltre 12mila all­e­va­men­ti pre­sen­ti in Sardeg­na”.

Con­di­vi­di:
error0