VIRTUS  La connessione tra il reale e il virtuale dal 7 al 12 febbraio a Milano

VIRTUS La connessione tra il reale e il virtuale dal 7 al 12 febbraio a Milano

04/02/2019 0 Di puntoacapo
Vis­ite: 277
Giovedì 7 feb­braio 2019 alle ore 18.00, dopo il MACRO di Roma si inau­gu­ra, pres­so la Fab­bri­ca del Vapore - Spazio The Art Land — lot­to 10 a Milano, la mostra  dal tito­lo: Vir­tus | La con­nes­sione tra il reale e il vir­tuale — Con la direzione artis­ti­ca di Antoni­et­ta Campi­lon­go, è pro­mossa dall’Associazione Neworld, Nwart, con il patrocinio del Comune di Milano nell’ambito del prog­et­to Spazi al Tal­en­to.
Con la col­lab­o­razione degli artisti invi­tati a parte­ci­pare, per 6 giorni saran­no esposti  gli svilup­pi del mon­do del web nel­la visione odier­na e ciò che pro­duce oggi in cam­po artis­ti­co. Gli artisti, ognuno con il pro­prio lin­guag­gio espres­si­vo inter­preterà il mon­do vir­tuale attra­ver­so l’arte e la cre­ativ­ità.Aree mul­ti­dis­ci­pli­nari: Arti visive, video, per­for­mance.Artisti: Mar­co Bil­leri, Antonel­la Bosio, Juna Cap­pil­li, Isabel Carafì, Vin­cen­za Costan­ti­ni, Pino de’ Notari­is, Schirin Fate­mi, Lucia Fer­rara, Ignazio Fre­su, Vale­ria La Torre, Mar­co Lod­do, Fab­rizio Loia­cono, Maria Car­la Mancinel­li, Tina Milaz­zo, Fla­viana Pesce, Adri­ana Pig­nataro, Simon­et­ta Piz­zarot­ti, Loredana Rac­i­ti, Con­sue­lo Rodriguez, Ger­ar­do Rosato, Gio­van­na Sil­vestri, Rena­ta Soli­m­i­ni, Anna Tonel­li, Flo­ra Tor­risi, Jack Tuand, Angela Valen­ti­ni, Lisa Yachia, Grace Zan­ot­toPERFORMANCE Antepri­ma video e per­for­mance: ·   Rap­tus in Lap­sus Ideazione per­for­mance: Juan Diego Puer­ta Lopez — Per­former: Lara Fer­rara — Ideazione video: Lara Fer­rara — Per la regia di: Juan Diego Puer­ta Lopeznoto reg­ista teatrale colombiano.I suoi spet­ta­coli sono sta­ti in tournée in tut­ta Italia, sus­ci­tan­do un grande inter­esse sia del pub­bli­co che del­la crit­i­ca. Ha ader­i­to alla mostra mul­ti­me­di­ale TORTURE con tre per­for­mance da lui dirette, con­tra le tor­ture nel mon­do per i dirit­ti umani con il patrocinio di Amnesty Inter­na­tion­al. — Diret­tore del­la fotografia e mon­tag­gio: Andrès Arce Mal­don­a­do, sua la regia deI lun­gome­trag­gio “Falene” (selezion­a­to al fes­ti­val di Mont­pel­li­er e al Rain­dance di Lon­dra) e “Car­ta Bian­ca” vinci­tore al Riff (Roma Indipen­dent­Film Fes­ti­val ) del pre­mio del­la dis­tribuzione, proi­et­ta­to al cine Fes­ti­val di Bogotà. Ultime sue regie il docu-film “Berni­ni rac­con­ta Berni­ni” ed “Il mio reg­no” prodot­to da Sil­iàn e prossi­ma­mente in usci­ta. — Descrizione video, per­for­mance: Auto instal­lazione video, un per­cor­so com­pos­i­to, un’opera errante che coin­vol­gerà il pub­bli­co ad intrapren­dere un’esperienza di attra­ver­sa­men­to e parte­ci­pazione imme­di­a­ta e spon­tanea. Una fusione tra opera e per­for­mance durante la quale si potrà osser­vare ascoltare ed entrare a far parte di un col­lega­men­to glob­ale, in diret­ta, tra l’opera e il luo­go che la ospi­ta. Intera­mente gira­to nel­la strut­tura del ex man­i­comio San­ta Maria del­la Pietà — Si ringrazia la ASL Roma 1 per la gen­tile con­ces­sione.·  Chang­ing Togeth­er : Nan­otech Bur­ka VS Cli­mate changeSuper Bur­ka Girl project di Grace Zan­ot­to. Live A/V set by Kata­ton­ic Silen­tio.Se le soluzioni all’interno del sis­tema sono così dif­fi­cili da trovare, allo­ra dob­bi­amo cam­biare il sis­tema stes­so. Nan­otech Bur­ka è una cel­lu­la abi­ta­ti­va mobile in sim­biosi con la natu­ra, gra­zie all’applicazione delle nan­otec­nolo­gie può affrontare gli ele­men­ti rima­nen­do imper­mutabile. Fuo­co e Ghi­ac­cio, Aria e Acqua, Neve e Lava, tut­to scorre e nul­la è trop­po pic­co­lo per non pot­er fare la dif­feren­za. Come un’arca che attra­ver­sa il tem­po, trasportan­do l’umanità ver­so la com­pren­sione dell’ineluttabile sim­biosi con il Piane­ta. Pre­sen­tazione di Kata­ton­ic che col­lab­o­ra alla per­for­mance: Kata­ton­ic Silen­tio è un’artista mul­ti­me­di­ale, sound design­er e dj di base a Milano, co-fon­da­trice del col­let­ti­vo Cyber­s­peak Music.  Tra le espres­sioni musi­cali e cul­tur­ali che la spin­gono ed ali­men­tano tro­vi­amo le arti dig­i­tali, la sound art, la musi­ca elet­tron­i­ca, ambi­ent e sper­i­men­tale. Musi­cal­mente, i suoi set spaziano da atmos­fere dense e pro­fonde a veloci pas­sag­gi cin­e­mati­ci. 
Inter­ven­to: Her­itage BIM (H — BIM
La visione olis­ti­ca nel restau­ro sosteni­bile del­la metodolo­gia BIM appli­ca­ta agli edi­fi­ci stori­ci. Casi stu­dio di palaz­zo Gulineli — Canon­i­ci Mat­tei. Architet­to Cris­tiano Fer­rariVIDEO· Third Eye Fly­ing di Maria Kor­po­ralIn questo video, l’artista agisce con quel­lo che chia­ma il suo “ter­zo occhio”: una pic­co­la video­cam­era col­le­ga­ta alla fronte. Sul­la pista dell’aeroporto stori­co Tem­pel­hof di Berli­no decol­la e vola nel­lo spazio. Vedi­amo ciò che vede attra­ver­so il suo ter­zo occhio, quan­do rag­giunge l’area di cui Man Ray ha par­la­to nel suo “Pepys Diary” (1959): “In qualche parte del­lo spazio le immag­i­ni di tut­ta la sto­ria pas­sa­ta dell’umanità viag­giano sulle onde dell’etere”. Musiche: “The Geom­e­try of Time” di Michael J. Stew­art — Sceneg­giatu­ra orig­i­nale: Maria Kor­po­ral·  Writ­ing on the Moon di Daniela de PaulisCom­mis­sion­a­to per il pro­gram­ma radio­fon­i­co ‘Ether Snuiv­en’, Writ­ing on the Moon è ispi­ra­to al roman­zo di Ita­lo Calvi­no ‘Cos­mi­comiche’ e in par­ti­co­lare al pri­mo capi­to­lo, ‘La Dis­tan­za del­la Luna’. Il video mostra le parole men­tre ‘cadono’ dal­la super­fi­cie del­la Luna, come sug­ger­i­to dal roman­zo, che uti­liz­za con­cetti sci­en­tifi­ci, costru­en­do sto­rie fan­ta­siose intorno a loro. Le parole, con­ver­tite in suono e trasmesse ver­so la Luna come onde radio da una stazione in Brasile, sono rif­lesse dal­la super­fi­cie lunare, rice­vute dal radiote­le­sco­pio di Dwingeloo nei Pae­si Bassi e visu­al­iz­zate men­tre tor­nano dal lun­go viag­gio, cre­an­do una poet­i­ca cas­ca­ta visi­va, in un atto gio­coso di libere asso­ci­azioni. La dis­tor­sione delle let­tere è causa­ta dal­la lun­ga dis­tan­za per­cor­sa dalle onde radio (cir­ca 800.000 Km) e dalle irre­go­lar­ità roc­ciose del­la super­fi­cie lunare, che dis­perde i seg­nali radio in tut­to lo spazio cir­costante, dopo che essi ne han­no toc­ca­to il suo­lo. Le parole, che pos­sono essere lette ver­ti­cal­mente, riecheg­giano sim­boli­ca­mente la con­dizione spe­ciale del­la Luna descrit­ta nel roman­zo, per cui gli ogget­ti sem­plice­mente cadono dal­la sua super­fi­cie, ver­so la Ter­ra.… 
SCHEDA TECNICA
Tito­lo: VIRTUS La con­nes­sione tra il reale e il vir­tualeA cura di: Antoni­et­ta Campi­lon­go Luo­go: Fab­bri­ca del Vapore – spazio The Art Land — lot­to 10 — Via G.C. Pro­cac­ci­ni 4 – 20154 Milano — Ingres­so liberoDura­ta: Dal 7 al 12 feb­braio 2019Inau­gu­razione: giovedì 7 feb­braio ore 18.00 – 21.00Orari di aper­tu­ra: Ven­erdì 11.00 — 19.30 — Saba­to 11.00 – 20.00 – Domeni­ca ore 11.00 — 20.00 – Lunedì /martedì 14.30 – 18.30Prog­et­to: Asso­ci­azione NeworldOrga­niz­zazione: Asso­ci­azione Neworld — ecolo­gia e sociale — NWartPatrocinio: Nell’ambito del prog­et­to Spazi al Tal­en­to Fab­bri­ca del Vapore — Comune di Milano