AL POLICLINICO TOR VERGATA APRE IL PUNTO BIBLIO

AL POLICLINICO TOR VERGATA APRE IL PUNTO BIBLIO

04/02/2019 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 300 volte!

Padrini dell’evento Marco Presta e Antonello Dose del Ruggito del Coniglio Rai Radio 2 

 Leg­gere un libro, con­sultare un quo­tid­i­ano, ascoltare musi­ca o vedere un film o un doc­u­men­tario. Un pat­ri­mo­nio librario cir­ca 2 mil­ioni di testi, piu’ di 100 mila film e musi­ca, un pat­ri­mo­nio dig­i­tale di 400 mila ebook, qua­si 8 mila tra quo­tid­i­ani e peri­od­i­ci, 130 mila trac­ce audio. Ma anche appro­fondire la conoscen­za del nos­tro organ­is­mo e su come ten­er­ci in for­ma e in buona salute: tut­to questo è pos­si­bile al Pun­to Bib­lio, che è sta­to inau­gu­ra­to oggi al Poli­clin­i­co Tor Ver­ga­ta. 
La ria­per­tu­ra del­la bib­liote­ca a un anno di dis­tan­za è sta­ta resa pos­si­bile gra­zie alla col­lab­o­razione tra Poli­clin­i­co Tor Ver­ga­ta, Uni­ver­sità degli Stu­di di Roma “Tor Ver­ga­ta” — Macroarea di Let­tere e Filosofia, Con­sorzio per il Sis­tema Bib­liote­cario dei Castel­li Romani — SBCR e Asso­ci­azione Volon­tari per il Poli­clin­i­co Tor Ver­ga­ta. 

All’inaugurazione era­no pre­sen­ti anche due ospi­ti di eccezione come Antonel­lo Dose e Mar­co Pres­ta, i con­dut­tori del pro­gram­ma di Rai Radio 2, il Rug­gi­to del Coniglio che sono inter­venu­ti sull’efficacia ter­apeu­ti­ca del­la let­tura e dell’ironia. 

Con il Pun­to Bib­lio la bib­liote­ca pub­bli­ca entra all’interno delle mura ospedaliere, offren­do a tut­ti col­oro che fre­quen­tano il Poli­clin­i­co Tor Ver­ga­ta (oper­a­tori, stu­den­ti, pazi­en­ti, vis­i­ta­tori) la pos­si­bil­ità di usufruire di un vero e pro­prio servizio bib­liote­cario. Il Poli­clin­i­co Tro Ver­ga­ta crede forte­mente nell’apporto benefi­co di tut­to ciò che, col­lo­can­dosi tra la per­sona e la malat­tia, riesca a influen­zare pos­i­ti­va­mente lo sta­to d’animo di chi sof­fre e di chi se ne prende cura, agen­do non solo sul cor­po ma sul­la per­sona nel­la sua total­ità. 

La bib­liote­ca rein­ven­ta così, all’interno dell’ospedale, la pro­pria natu­ra di pre­sidio ter­ri­to­ri­ale, diven­tan­do un aut­en­ti­co spazio cit­tadi­no inser­i­to den­tro la strut­tura ospedaliera, una vera e pro­pria “med­i­c­i­na per l’anima” come recita­va l’iscrizione pos­ta sopra l’ingresso del­la bib­liote­ca di Tebe. 

Il Pun­to Bib­lio PTV, col­lo­ca­to all’ingresso prin­ci­pale del Poli­clin­i­co Tor Ver­ga­ta, è aper­to dal lunedì al saba­to dalle 9:30 alle 13:00 e for­nisce un servizio di presti­to di lib­ri, e‑book, quo­tid­i­ani e peri­od­i­ci dig­i­tali, video, tramite acces­so alla piattafor­ma dig­i­tale Media Library Online. 

La bib­liote­ca può con­tare sul­la pre­sen­za di stu­den­ti tiroci­nan­ti di Let­tere dell’Università di “Tor Ver­ga­ta” che han­no acquisi­to, anche gra­zie alla super­vi­sione del­la Direzione del­la Bib­liote­ca del­la Macroarea di Let­tere, com­pe­ten­ze bib­liote­co­nomiche e che si occu­pano di accogliere gli uten­ti, facil­i­tarne le ricerche e 
ori­en­tar­li alla scop­er­ta e all’uso degli stru­men­ti dig­i­tali di reper­i­men­to testi. Per usufruire dei servizi del Pun­to Bib­lio è nec­es­sario iscriver­si al Con­sorzio per il Sis­tema Bib­liote­cario dei Castel­li Romani — SBCR

«Con ques­ta inizia­ti­va — dichiara Giuseppe De Righi, Pres­i­dente del Con­sorzio SBCR — colmi­amo un vuo­to: la bib­liote­ca, icona priv­i­le­gia­ta del­la cul­tura, si fa prossi­ma ai pazi­en­ti, ai san­i­tari, agli oper­a­tori e a tut­ti col­oro che fre­quen­tano il Poli­clin­i­co Tor Ver­ga­ta. Il Con­sorzio SBCR vuole dare spes­sore al pro­prio impeg­no avvic­i­nan­do gli stru­men­ti del­la cul­tura alle per­sone, nei loro ambi­en­ti quo­tid­i­ani. L’iniziativa si real­iz­za gra­zie alla coop­er­azione tra isti­tuzioni: un bel seg­nale di unione d’intenti, che rende effi­cace l’impegno di tut­ti. 
 
Quan­do poco più di un anno fa è sta­to chiu­so il Pun­to Bib­lio — dichiara il Diret­tore Gen­erale del Poli­clin­i­co Tor Ver­ga­ta Tiziana Frit­tel­li- tan­ti cit­ta­di­ni, gli oper­a­tori e le loro famiglie, che ne ave­vano apprez­za­to l’utilità e i van­tag­gi, ave­vano chiesto a viva voce la ria­per­tu­ra. In quell’occasione ave­vo promes­so che mi sarei impeg­na­ta in pri­ma per­sona per garan­tire che le attiv­ità sareb­bero riprese. Abbi­amo lavo­ra­to a lun­go per questo obi­et­ti­vo e oggi pos­so dir­mi molto sod­dis­fat­ta di vedere i risul­tati del lavoro che tut­ti gli attori, con grande entu­si­as­mo e pas­sione, han­no mes­so in gio­co”. “Gra­zie all’impegno di tut­ti – pros­egue Tiziana Frit­tel­li — siamo rius­ci­ti a ripristinare un servizio, a cos­to zero per gli attori pub­bli­ci coin­volti, che offre ai cit­ta­di­ni una aut­en­ti­ca oppor­tu­nità di cura ulte­ri­ore ed inte­gra­ta che si riv­olge all’individuo nel suo com­p­lesso. Riten­go doveroso riv­ol­gere in par­ti­co­lare un sen­ti­to ringrazi­a­men­to alla del­e­ga­ta alla Cul­tura del Ret­tore dell’Università di Tor Ver­ga­ta Mari­na Formi­ca per il sup­por­to ideati­vo assi­cu­ra­to al prog­et­to, nonché all’Associazione Volon­tari per PTV per il gen­eroso con­trib­u­to e la disponi­bil­ità con cui costan­te­mente sup­por­t­ano le inizia­tive del Poli­clin­i­co.»