“DIMMI DI TE”, DA NAPOLI LA STORIA D’AMORE DI LUCA TRAPANESE E LA PICCOLA ALBA SU RADIO ITALIA ANNI ’60

DIMMI DI TE”, DA NAPOLI LA STORIA D’AMORE DI LUCA TRAPANESE E LA PICCOLA ALBA SU RADIO ITALIA ANNI ’60

28/01/2019 0 Di Marco Montini
Vis­ite: 190

Nuo­vo anno e nuove sfide per Car­ol Mar­i­ta­to su Radio Italia Anni ’60. La nota speak­er radio­fon­i­ca e can­tautrice romana, che recen­te­mente ha pre­sen­ta­to il suo sin­go­lo, è da inizio anno alla con­duzione di “Dim­mi di Te”, trasmis­sione di attual­ità e appro­fondi­men­to sui temi giudiziari, politi­ci, sociali, eco­nomi­ci e cul­tur­ali. Un for­mat radio­fon­i­co inno­v­a­ti­vo e ambizioso, che vede set­ti­mana per set­ti­mana ospi­ti ed esper­ti di lev­atu­ra nazionale e inter­nazionale. “Dim­mi di te” va in onda tut­ti i mart­edì, dalle ore 14 alle ore 15 su Radio Italia Anni ’60, in fre­quen­za a Roma sui 100.50 Fm e in diret­ta stream­ing sull’App per dis­pos­i­tivi mobili, sul sito www.radioitaliaanni60roma.it e sul sitowww.radiosanremoweb.it. Impor­tante l’ospite del­la prossi­ma pun­ta­ta di “Dim­mi di Te”, quel­la di mart­edì 29 gen­naio. In stu­dio inter­ver­rà Luca Tra­panese che rac­con­terà il suo rap­por­to spe­ciale con Alba. Una sto­ria d’amore con la A maius­co­la, una sto­ria d’amore con un cuore grande così. Il cuore di Luca Tra­panese, 40 anni, di Napoli, gay e sin­gle. Un uomo stra­or­di­nario che ha accolto nel­la sua vita la pic­co­la Alba, bim­ba affet­ta da sin­drome di down, abban­do­na­ta sin dal­la nasci­ta in ospedale e rifi­u­ta­ta da ben sette famiglie. La bim­ba adesso ha 20 mesi ed è diven­ta­ta la pro­tag­o­nista del libro “Nata per te”, edi­to da Ein­au­di e scrit­to a quat­tro mani da Papa Luca con il bra­vo Luca Mer­cadante. La sto­ria di Alba e Luca è toc­cante, bel­lis­si­ma, mer­av­igliosa. Tra­panese, che a Napoli ha fonda­to tre asso­ci­azioni di volon­tari­a­to a sosteg­no dei dis­abili, dunque la rac­con­ta a cuore aper­to: dal suo pri­mo incon­tro da bri­v­i­di con Alba, una emozione uni­ca la definisce, fino a oggi con la pic­co­let­ta che ama cantare e bal­lare. Non res­ta che sin­toniz­zarvi su Radio Italia Anni ’60.