SICILIA, CARAMANICA (RA): “SU RANDAGISMO REGIONE SICILIA E MUSUMECI DEVONO FARE DI PIU’”

SICILIA, CARAMANICA (RA): “SU RANDAGISMO REGIONE SICILIA E MUSUMECI DEVONO FARE DI PIU’”

22/01/2019 0 Di Marco Montini
Vis­ite: 287

È giun­to il momen­to che le isti­tuzioni si ren­dano con­to che la pre­ven­zione al randag­is­mo, in Sicil­ia come in tut­to il Sud Italia, non è un prob­le­ma da del­e­gare ad altri o di cui dis­in­ter­es­sar­si. Lo stes­so con­cet­to di Sta­to Civile impone che il fenom­e­no ven­ga atten­zion­a­to e risolto una vol­ta e per sem­pre. Ma per far questo, sec­on­do noi, è total­mente inutile pro­mul­gare nuove leg­gi quan­do le prece­den­ti non han­no mai trova­to appli­cazione. La pre­ven­zione al randag­is­mo, così come pre­vista nel­la nor­ma­ti­va regionale sicil­iana del 2000, avrebbe por­ta­to gli stes­si risul­tati che si pos­sono riscon­trare nelle regioni del Nord-Italia soltan­to se fos­se sta­ta appli­ca­ta. Quel­lo che è man­ca­to è la volon­tà. Prob­a­bil­mente i nos­tri politi­ci snob­bano i nos­tri ami­ci ani­mali per­chè non por­tano voti? Al momen­to per quan­to meno con­tenere il fenom­e­no si reg­is­tra uno spre­co di risorse che, se cor­ret­ta­mente uti­liz­za­to, invece avrebbe por­ta­to a ben altri risul­tati. Ma c’è di più: la Sicil­ia, la cui vocazione tur­is­ti­ca non è mes­sa in dis­cus­sione, sta suben­do una mor­ti­fi­cazione oltre che un dan­no eco­nom­i­co notev­ole da tut­ti quei tur­isti che per protes­ta dichiara­no pub­bli­ca­mente di non vol­ere più andare in Sicil­ia fino a quan­do non si por­rà fine a questo scem­pio, rispet­tan­do gli ani­mali. La sen­si­bil­ità è cam­bi­a­ta e questo per for­tu­na, ma c’è anco­ra chi è miope e non vuole vedere in prim­is pro­prio chi ci gov­er­na. Ma tut­ti gli ani­mal­isti han­no det­to bas­ta ed è arriva­ta Riv­o­luzione Ani­mal­ista sot­to la cui egi­da il popo­lo ani­mal­ista scen­derà nelle piazze e non solo, al fine di tute­lare gli ani­mali”.

Così, in una nota, il seg­re­tario nazionale di Riv­o­luzione Ani­mal­ista, Gabriel­la Cara­man­i­ca.