LAZIO, COTRAL, LOTTA AI “FURBETTI” SUL BUS

LAZIO, COTRAL, LOTTA AI “FURBETTI” SUL BUS

14/01/2019 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1107 volte!

OBBLIGATORIO CONVALIDARE BIGLIETTI E ABBONAMENTI A BORDO

Pagare tut­ti per viag­gia­re meglio. Dal 2019 è obbli­ga­to­rio con­va­l­i­dare non solo i bigli­et­ti ma anche gli abbona­men­ti a bor­do dei bus Cotral. Un modo per ren­dere imme­di­ata­mente evi­dente chi paga e chi no e per fornire all’azienda infor­mazioni nec­es­sarie ad orga­niz­zare al meglio il servizio. In questi giorni scat­terà la fase infor­ma­ti­va attra­ver­so la cam­pagna di comu­ni­cazione “Con­va­l­i­da e met­ti ko l’evasione” che illus­tr­erà con quat­tro diver­si sogget­ti sui bus, sul web e sui canali social azien­dali le modal­ità di acces­so ai mezzi. 

Ogni vol­ta che si prende il bus sarà dunque obbli­ga­to­rio salire dal­la por­ta ante­ri­ore e con­va­l­i­dare il pro­prio tito­lo di viag­gio alle macchinette oblit­er­a­tri­ci. L’obiettivo è quel­lo di coin­vol­gere i cli­en­ti nel­la lot­ta all’evasione tar­if­faria, sen­si­bi­liz­zan­doli sulle buone pratiche di uti­liz­zo del servizio e atti­van­do il con­trol­lo sociale. In questo modo l’azienda intende anche rispon­dere alle richi­este del­la clien­tela di incre­mentare la lot­ta ai “furbet­ti” per accrescere la qual­ità del servizio.

Autisti con­trol­lori. Con­tem­po­ranea­mente alla cam­pagna di comu­ni­cazione, gli autisti con­troller­an­no bigli­et­ti e abbona­men­ti dei passeg­geri su tutte le corse in parten­za dai capo­lin­ea di Roma e del Lazio. Il con­trol­lo a vista dei titoli di viag­gio sarà este­so anche alle fer­mate in lin­ea entro due mesi, com­ple­tan­do l’iter par­ti­to nel mar­zo 2018. Saran­no escluse eccezional­mente le corse “che reg­is­tra­no par­ti­co­lari situ­azioni di eser­cizio e di traf­fi­co” come sta­bil­i­to nell’articolo 36 del con­trat­to col­let­ti­vo nazionale degli aut­o­fer­ro­tran­vieri. 

Lot­ta all’evasione. Cotral ha intrapre­so nel 2016 una serie di azioni mirate a recu­per­are risorse dall’evasione tar­if­faria e dal paga­men­to delle sanzioni. In soli due anni i risul­tati sono sta­ti sor­pren­den­ti. Nel 2018 — ad esem­pio — rispet­to al 2016 sono sta­ti ven­du­ti il 48% di bigli­et­ti Cotral in più, per un val­ore di oltre 4 mil­ioni di euro. Impor­tan­ti risul­tati eco­nomi­ci sono sta­ti ottenu­ti anche dal miglio­ra­men­to del proces­so di riscos­sione delle multe che ha por­ta­to nelle casse dell’azienda 1 mil­ione di euro nel 2018. Questi risul­tati sono sta­ti resi pos­si­bili dall’intensificazione delle attiv­ità di con­trol­lo, dall’introduzione dell’autista con­trol­lore e dall’estensione del­la rete di ven­di­ta. Oggi Cotral può con­tare su 2660 pun­ti ven­di­ta nel Lazio e nelle regioni lim­itrofe. E non solo, dal­la scor­sa estate tut­ti i cli­en­ti pos­sono richiedere on line la pro­pria card e acquistare diret­ta­mente sul sito dell’azienda il pro­prio abbona­men­to Metre­bus Lazio men­sile o annuale. 

Per­son­ale ammin­is­tra­ti­vo. I fun­zionari alle dirette dipen­den­za del­la Pres­i­den­za saran­no in cam­po pres­so i capo­lin­ea per sostenere le attiv­ità di comu­ni­cazione volte a sen­si­bi­liz­zare la clien­tela e per sup­port­are il per­son­ale di eser­cizio. “Per la pri­ma vol­ta in Cotral — dichiara la Pres­i­dente, Amalia Colace­ci — i fun­zionari dell’ufficio comu­ni­cazione, delle risorse umane e i col­lab­o­ra­tori del mio staff saran­no in stra­da al fian­co dei col­leghi autisti e ver­i­fi­ca­tori nelle inizia­tive di con­trasto all’evasione tar­if­faria. L’obiettivo è esten­dere entro due mesi il con­trol­lo a vista a tut­to il nos­tro servizio.”