Marino. Frattocchie. Pugno in faccia di denuncia di Cavacchioli sull’Appia Antica. Breve commento del vicesindaco Tiberi.

Marino. Frattocchie. Pugno in faccia di denuncia di Cavacchioli sull’Appia Antica. Breve commento del vicesindaco Tiberi.

07/01/2019 0 Di Maurizio Aversa

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 798 volte!

Il dott. Mar­co Cavac­chi­oli, arche­ol­o­go, è da sem­pre impeg­na­to nel ter­ri­to­rio mari­nese e dei Castel­li romani nel­la pro­tezione e tutela e stu­dio e sal­va­guardia del grande giaci­men­to arche­o­logi­co che esiste qui in ogni dove. Mar­co Cavac­chi­oli, evi­den­te­mente, ritiene che la misura è col­ma, e sfer­ra un pug­no. Un pug­no in fac­cia a chi usa com­por­ta­men­ti da soci­età cul­tural­mente povera. Ma, riman­da, nel suo denun­cia­re soprat­tut­to alle forze politiche e sociali che deten­gono il potere isti­tuzionale ed eco­nom­i­co nel nos­tro Paese. Per questo ha deciso di dare una forza esplica­ti­va, con pochi trat­ti di com­men­to e con  48 fotogram­mi mon­tati in loop, che nes­suno rius­cirà a scor­rere sen­za riflet­tere, sen­za schier­ar­si, sen­za chieder­si, sen­za assumere un po’ di coscien­za in più di quan­do non ave­va vis­to questo sem­plice mon­tag­gio ragion­a­to. Dice l’archeologo: “Un video, sequen­za di immag­i­ni che rac­con­tano lo sta­to del­l’ul­ti­ma parte del Par­co Appia Anti­ca, a Frat­toc­chie, dove il trac­cia­to anti­co si inabis­sa sot­to una cop­er­ta d’as­fal­to e seg­na una frat­tura net­ta con il con­tem­po­ra­neo. Ter­ri­to­rio for­gia­to dal­l’a­n­ar­chia urban­is­ti­ca sul­lo schema di una bidonville, nucleo di mon­nez­za, degra­do e ter­ra di nes­suno. Degra­do architet­ton­i­co e topografi­co gen­i­tore di degra­do ambi­en­tale.” ; e poi con­clude: “Eter­no para­dos­so e con­trasto tra le più alte creazioni del­l’ingeg­ne­r­ia romana e le più bieche e per­verse pul­sioni umane di dev­as­tazione. Area orfana di un con­cet­to, di un obi­et­ti­vo, di una strate­gia, zup­pa di parole vac­ue e procla­mi ster­ili. Area defib­ril­la­ta e tenu­ta in rian­i­mazione da uomi­ni e donne per i quali arren­der­si è morire.”. E’ cer­to che il richi­amo a Plinio e Warhol, che campeg­giano all’interno del blog “Appia Bovil­lae Mari­no Blog” di Cavac­chi­oli,(https://vimeo.com/309435532) sono l’esatta sin­te­si del­la denun­cia e del “che fare” di cui si urla sot­tin­ten­den­dola, la neces­sità. Sul­la Blog-divul­gazione del dott. Cavac­chi­oli, abbi­amo chiesto un com­men­to all’assessore alla cul­tura del comune di Mari­no, che didas­cali­ca­mente ci ha invi­a­to la pro­pria opin­ione. Non mi sen­to di dire molto, le immag­i­ni urlano da sé , ci ha det­to il vicensin­da­co Pao­la Tiberi: “La ‘mon­nez­za’ coz­za con la grande bellez­za arche­o­log­i­ca e nat­u­ral­is­ti­ca del­l’Ap­pia Anti­ca. Un luo­go uni­co nel suo genere. Le immag­i­ni, in bian­co e nero, edul­co­ra­no una situ­azione di inciviltà pre­oc­cu­pante.”.