REGIONE; AL VIA STRATEGIA AREE INTERNE LAZIO. FINO A 20 MLN PER I COMUNI

REGIONE; AL VIA STRATEGIA AREE INTERNE LAZIO. FINO A 20 MLN PER I COMUNI

04/01/2019 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1055 volte!

ZINGARETTI: DIMOSTRATA CON FATTI GRANDE ATTENZIONE PER TERRITORIO

Fino a 20 mil­ioni di euro per 4 gran­di aree del Lazio (Alta Tus­cia – Anti­ca Cit­tà di Cas­tro, Mon­ti Rea­ti­ni, Mon­ti Sim­bru­i­ni e Valle del Comi­no) le cosid­dette aree “interne” escluse dal­la rete prin­ci­pale di Comu­ni o aggre­gati di comu­ni. Lo stanzi­a­men­to dei fon­di region­ali, che si aggiunge a quel­li già pre­visti dal Gov­er­no Gen­tiloni, è sta­to deciso dal­la Giun­ta Zin­garet­ti che ha approva­to gli atti negoziali, che dovran­no essere sot­to­scrit­ti sin­go­lar­mente con le aree inter­es­sate, per lagov­er­nance del­la Strate­gia nazionale Aree interne.  Si entra così nel vivo del­la Strate­gia nazionale Aree interne (SNAI) nel­la Regione Lazio con l’obiettivo di pro­muo­vere inter­ven­ti di svilup­po locale in queste 4 aree e di dare risposte alle esi­gen­ze speci­fiche degli stes­si. L’obiettivo è quel­lo di inver­tire il trend demografi­co neg­a­ti­vo di queste aree nel prossi­mo decen­nio attra­ver­so una duplice azione: pro­mozione del mer­ca­to e ripristi­no del­la cit­tad­i­nan­za.

“Abbi­amo dimostra­to con i fat­ti la nos­tra grande atten­zione nei riguar­di di alcu­ni Comu­ni del­la nos­tra regione – com­men­ta il Pres­i­dente del­la Regione Lazio, Nico­la Zin­garet­ti — e deciso di des­tinare fino a un mas­si­mo di 20 mil­ioni di euro con il lim­ite di parte­ci­pazione per cias­cu­na delle quat­tro aree indi­vid­u­ate, pari a 5 mil­ioni di euro. Questi impor­ti saran­no uti­liz­za­ti per il finanzi­a­men­to degli inter­ven­ti pre­visti per lo svilup­po locale e per la cop­er­tu­ra di quan­to non risul­ti finanzi­a­bile con i fon­di min­is­te­ri­ali. Da un lato si vuole sti­mo­lare lo svilup­po locale, inten­si­vo ed esten­si­vo, nei pun­ti di forza di questi ter­ri­tori: agroal­i­menta­re, cul­tura e saper fare, tur­is­mo, ener­gia, dall’altro si vuole riequi­li­brare l’offerta dei servizi essen­ziali di base: scuo­la, salute, mobil­ità e rete dig­i­tale”.

Gli inter­ven­ti pre­visti nei tre servizi essen­ziali defin­i­ti dal­la SNAI (san­ità, trasporti e salute) tro­ver­an­no cop­er­tu­ra finanziaria, nell’ambito dei fon­di min­is­te­ri­ali per le politiche ordi­nar­ie, stanziati con la Legge di Sta­bil­ità, per un impor­to pari a 3,74 mil­ioni di euro per cias­cu­na area.

Le quat­tro aree del Lazio coin­volte dal­la Strate­gia sono.

Area 1: ALTA TUSCIA – ANTICA CITTA’ DI CASTRO (Arlena di Cas­tro, Cani­no, Capodi­monte, Cellere, Far­nese, Gradoli, Grotte di Cas­tro, Ischia di Cas­tro, Lat­era, Mar­ta, Mon­tal­to di Cas­tro, Piansano, Tessen­nano, Tus­ca­nia, Valen­tano)

Area 2: MONTI REATINI (Accu­moli, Ama­trice, Antrodoco, Ascrea, Bel­monte in Sabi­na, Bor­bona, Bor­gorose, Bor­go Veli­no, Cas­tel di Tora, Cittareale, Col­lal­to Sabi­no, Colle di Tora, Col­le­giove, Con­cer­viano, Fiamignano, Leones­sa, Lon­gone Sabi­no, Marcetel­li, Micigliano, Nespo­lo, Orvinio, Pagan­i­co Sabi­no, Peco­roc­chi­ano, Petrel­la Salto, Pos­ta, Poz­za­glia Sabi­na, Roc­ca Sini­bal­da, Tura­nia, Var­co Sabi­no)

Area 3: MONTI SIMBRUINI (Affile, Agos­ta, Anti­coli Cor­ra­do, Arci­naz­zo Romano, Arsoli, Cam­er­a­ta Nuo­va, Cer­vara di Roma, Cine­to Romano, Filet­ti­no, Jenne, Mara­no Equo, Per­cile, Riofred­do, Roc­ca San­to Ste­fano, Roviano, Sam­bu­ci, Saraci­nesco, Subi­a­co, Tre­vi nel Lazio, Vallepi­etra, Vallinfre­da, Vivaro Romano.)

Area 4: VALLE DEL COMINO (Acqua­fon­da­ta, Alvi­to, Ati­na, Bel­monte Castel­lo, Casalat­ti­co, Casalvieri, Colle San Mag­no, Gal­li­naro, Picinis­co, San Bia­gio Saracinis­co, San Dona­to Val di Comi­no, Sant’Elia Fiumer­api­do, Set­te­frati, Terelle, Vallero­ton­da, Vicalvi, Vil­la Lati­na, Viti­cu­so.)

La Valle di Comi­no è sta­ta indi­vid­u­a­ta quale area pro­totipo per l’attuazione del­la Strate­gia ed è sta­to dato l’avvio alla fase di prog­et­tazione nelle altre aree interne laziali. Allo sta­to attuale, la Regione Lazio ha approva­to la Strate­gia d’Area Valle di Comi­no per la quale il pas­so suc­ces­si­vo sarà la sot­to­scrizione dell’Accordo di Pro­gram­ma Quadro che vedrà l’immediato finanzi­a­men­to dei prog­et­ti cantier­abili.