Il Sindacato di Polizia chiede rispetto per la tragica scomparsa dei due poliziotti della Questura di Latina

Il Sindacato di Polizia chiede rispetto per la tragica scomparsa dei due poliziotti della Questura di Latina

31/12/2018 0 Di puntoacapo
Vis­ite: 421

Nel­la mat­ti­na del­lo scor­so 28 dicem­bre si sono svolte le ese­quie dell’Ispettore del­la Polizia di Sta­to Anto­nio D’Onofrio, sec­on­do Poliziot­to del­la Ques­tu­ra di Lati­na ad esser­si tragi­ca­mente tolto la vita in questo mese di dicem­bre usan­do la pis­to­la d’ordinanza. Dopo un dolore cosi grande, che toc­ca non solo le famiglie di questi due nos­tri col­leghi ma una intera comu­nità, ci chiedi­amo con quale spir­i­to si pos­sa pren­der parte ai fes­teggia­men­ti orga­niz­za­ti dal comune di Lati­na”. Così ha esor­di­to Clara Luc­ch­esi, Seg­re­tario Provin­ciale del sin­da­ca­to Ugl-LeS (ovvero l’unica voce dell’Ugl nel­la Polizia di Sta­to), che ha poi chiar­i­to: “ovvi­a­mente ci aspet­ti­amo dal Sin­da­co di Lati­na che annul­li i fes­teggia­men­ti in piaz­za per la fine di quest’anno; sarebbe un atto dovu­to per due umili servi­tori del­lo Sta­to ma anche per offrire un con­cre­to seg­no di vic­i­nan­za e di sol­i­da­ri­età nei con­fron­ti delle loro famiglie, col­pite da questi even­ti pro­prio durante il mese che dovrebbe il più gioioso dell’anno, ma anche per i loro concit­ta­di­ni. Inoltre nonos­tante il preved­i­bile, e già appu­ra­to per gli anni prece­den­ti, sparu­to numero di parte­ci­pan­ti a questi fes­teggia­men­ti, ciò costringerà i col­leghi di quei due Poliziot­ti a prestare servizio per garan­tire l’ordine pub­bli­co nel­la notte di Capo­dan­no, col magone nel cuore, solo per assi­cu­rare l’ordine pub­bli­co a chi andrà in piaz­za per diver­tir­si. Il nos­tro appel­lo è anche alla cit­tad­i­nan­za: chi vuole rispettare il dolore delle famiglie di questi poliziot­ti che ci han­no volu­to las­cia­re così, atro­ce­mente, lo fes­teg­gi con i pro­pri cari ma lo fac­cia lon­tano dal­la piaz­za, per mostrare che la sen­si­bil­ità del sin­go­lo è più forte di quel­lo di ques­ta ammin­is­trazione comu­nale. Ci sem­bra gius­to ricor­dare che dis­togliere le esigue forze del­la Ques­tu­ra per l’iniziativa musi­cale lascerà molte zone del­la cit­tà con minore vig­i­lan­za e, non dimen­tichi­amo­lo, lo scor­so Capo­dan­no, men­tre si fes­teggia­va in piaz­za del Popo­lo nel quartiere Nascosa Q4, alcu­ni mal­viven­ti face­vano saltare in tut­ta tran­quil­lità un ban­co­mat. Ha poi con­clu­so la Luc­ch­esi: “Ovvi­a­mente anch’io ricorderò con i miei famil­iari il Capo­dan­no nonos­tante il dolore nel cuore, con l’augurio che tragedie come queste non si ripetano mai più, ma lo farò in modo sobrio e lon­tano da Piaz­za del Popo­lo” per­ché, qualo­ra parte­ci­pas­si ai fes­teggia­men­ti, per me sarebbe come offend­ere la memo­ria dei miei col­leghi mor­ti, per qual­si­asi moti­vo ciò sia accadu­to.

Ugl-LeS  (Lib­ertà e Sicurez­za) Polizia di Sta­to  Seg­rete­ria Nazionale

Con­di­vi­di:
0