Il Forum del Terzo Settore interviene sul Concorso di Idee per il percorso museale del Comune di Marino

Il Forum del Terzo Settore interviene sul Concorso di Idee per il percorso museale del Comune di Marino

22/11/2018 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2802 volte!

Francesca Dane­si: “Anco­ra un con­cor­so d’idee per evitare ban­di e risorse certe per la comu­nità di Mari­no. Siamo disponi­bili a tenere un cor­so di for­mazione ad ammin­is­tra­tori e fun­zionari del Comune sul­la nuo­va Legge del Ter­zo Set­tore.”

Anco­ra un con­cor­so d’idee per evitare ban­di e risorse certe per la comu­nità di Mari­no.” 

Il Forum del Ter­zo Set­tore del Lazio, nel­la per­sona del­la sua por­tav­oce, Francesca Danese,esprime forte dis­ap­pun­to per il Con­cor­so di Idee sul per­cor­so muse­ale emana­to dal Comune di Mari­no ed in sca­den­za nel­la gior­na­ta di oggi. 

Dopo la denun­cia delle Asso­ci­azioni mari­ne­si, due delle quali, la Pro Loco e l’Archeoclub, ave­vano già da tem­po pre­sen­ta­to dei prog­et­ti riguar­do il per­cor­so muse­ale al Comune non aven­do rice­vu­to rispos­ta, l’Archeoclub Col­li Albani ha por­ta­to la vicen­da all’attenzione del Forum del Ter­zo Set­tore del Lazio, l’associazione di Enti del Ter­zo Set­tore più rap­p­re­sen­ta­ti­va in Italia, un net­work di oltre 30 reti com­poste da asso­ci­azioni di volon­tari­a­to, coop­er­a­tive sociali, ONG, Altrae­cono­mia, la finan­za eti­ca, le bot­teghe equ­osol­i­dali e le orga­niz­zazioni di sol­i­da­ri­età inter­nazionale.

Il giudizio di Francesca Danese sull’utilizzo del Con­cor­so di Idee, a fronte di pro­poste già esisten­ti e con la scusa di vol­er ‘dare una mano alle asso­ci­azioni del ter­ri­to­rio’ da parte dell’Amministrazione Comu­nale mari­nese non las­cia dub­bi: “Anco­ra una vol­ta si preferisce usare stru­men­ti impro­pri  dal pun­to di vista del mer­i­to. Fare un Con­cor­so di idee sig­nifi­ca pro­durre spec­chi per le allodole, appro­pri­ar­si delle idee gra­tuita­mente e poi des­tinare le risorse vere a chi gestirà il prog­et­to e viene deciso sen­za ban­do. Ricor­diamo al Con­sigliere Comu­nale di mag­gio­ran­za che ha rilas­ci­a­to sui social dichiarazioni offen­sive sulle asso­ci­azioni di Vivi­Mari­no che han­no con­tes­ta­to il “con­cor­so”, tac­cian­dole di vol­er fare prof­it­to sui prog­et­ti, che le asso­ci­azioni iscritte all’Al­bo Regionale pre­sen­tano ogni anno la relazione e il pro­prio bilan­cio. Anzi, sug­ge­ri­amo all’Amministrazione di inserire come val­ore sociale aggiun­to al Bilan­cio del Comune di Mari­no tut­to il lavoro vero che le asso­ci­azioni fan­no a ben­efi­cio del­la comu­nità. 

Pen­sare che le Asso­ci­azioni non deb­bano sostenere costi e spese per­ché non prof­it indi­ca un’assoluta igno­ran­za in mate­ria. Ricor­diamo che nel­la nuo­va legge sul Ter­zo Set­tore si par­la di “coprog­et­tazione” “copro­gram­mazione” e a questo pun­to ci dichiari­amo persi­no disponi­bili a tenere gra­tuita­mente un cor­so di for­mazione agli ammin­is­tra­tori ed ai fun­zionari comu­nali per far conoscere le leg­gi e i rego­la­men­ti del Ter­zo Set­tore.” 

            Le asso­ci­azioni di Vivi­Mari­no, da parte loro, rib­adis­cono che il Con­cor­so di Idee non ha sen­so alcuno e che rap­p­re­sen­ta solo un ulte­ri­ore pas­so nell’allontanamento di ogni ipote­si di col­lab­o­razione tra Asso­ci­azioni e Comune. 

L’auspicio è che l’Amministrazione ed i fun­zionari comu­nali recepis­cano cel­er­mente i det­ta­mi del­la rifor­ma del Ter­zo set­tore e com­pren­dano che una parte­ci­pazione atti­va e non ‘impos­ta’ con le asso­ci­azioni del ter­ri­to­rio non potrà che gio­vare alla qual­ità del­la vita del­la comu­nità, dan­do anche il gius­to riconosci­men­to a quan­ti, da anni, lavo­ra­no sen­za alcun prof­it­to per rian­i­mare un ter­ri­to­rio ormai esanime.