PRC GENZANO: Dalla parte dei cittadini contro l’incuria

PRC GENZANO: Dalla parte dei cittadini contro l’incuria

31/10/2018 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 621 volte!

PRC GENZANO: Dalla parte dei cittadini contro l’incuria


E’ ormai tris­te­mente vis­i­bile agli occhi di tut­ti la situ­azione in cui ver­sa il comune di Gen­zano negli ulti­mi tem­pi: cadi­toie otturate, man­ca­ta potatu­ra degli alberi, man­ca­ta mes­sa a nor­ma dei giochi per bam­bi­ni (con tutte le tragiche con­seguen­ze che il fat­to por­ta con sé).
Dati tali pre­sup­posti, nel mese di set­tem­bre il cir­co­lo “Arman­do La Fortez­za” del Par­ti­to del­la Rifon­dazione Comu­nista di Gen­zano di Roma è sce­so in cam­po per denun­cia­re la mala ges­tione delle aree pub­bliche, richiedere il rispet­to dei pun­ti min­i­mi di manuten­zione ordi­nar­ia e stra­or­di­nar­ia delle stesse ed accogliere il malu­more e la rab­bia dei cit­ta­di­ni, vit­time – spes­so anche fisiche – dell’incuria in cui ver­sa il paese tut­to.
Ha scel­to di far­lo in quel che è divenu­to il luo­go sim­bo­lo del degra­do urbano, ossia “l’Olmata”, tradizionale pun­to di ritro­vo e con­vivi­al­ità del­la comu­nità cit­tad­i­na, abban­do­na­to com­ple­ta­mente a se stes­so nonché teatro di spi­acevoli inci­den­ti, rite­nen­do che il rilan­cio del­la cit­tà deb­ba ripar­tire anche dal recu­pero di ques­ta impor­tante area.

Il richi­amo di tale inizia­ti­va è sta­to ampio ed ha attrat­to a sé un pub­bli­co molto vario, sia dal pun­to di vista politi­co, sia da quel­lo ter­ri­to­ri­ale, a dimostrazione di quan­to il prob­le­ma sia avver­ti­to come impel­lente dal­la popo­lazione non soltan­to gen­zanese, ma castel­lana tut­ta.

Chiedi­amo a ques­ta ammin­is­trazione comu­nale di far sue le richi­este dei cit­ta­di­ni affinché Gen­zano torni ad essere quel luo­go dove il verde, le aree pub­bliche e i luoghi di aggregazione pos­sano tornare a rifiorire e vengano resi acces­si­bili a tut­ti.

Il Par­ti­to del­la Rifon­dazione Comu­nista con­tin­uerà a mon­i­torare la situ­azione, augu­ran­dosi che non ci sia bisog­no di inter­venire nuo­va­mente.