CAPODARCO, ASSOTUTELA: “IMBARAZZANTE SILENZIO ISTITUZIONI SU DESTINO LAVORATORI”

CAPODARCO, ASSOTUTELA: “IMBARAZZANTE SILENZIO ISTITUZIONI SU DESTINO LAVORATORI”

29/10/2018 0 Di Marco Montini

Hits: 181

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1576 volte!

“Ques­ta asso­ci­azione esprime tut­to il pro­prio sdeg­no dei con­fron­ti delle isti­tuzioni a tut­ti i liv­el­li, in par­ti­co­lare Gov­er­no e Regione Lazio, per il reit­er­a­to silen­zio nei con­fron­ti dei 1500 lavo­ra­tori del­la Capo­dar­co, che oggi rischi­ano il licen­zi­a­men­to per le gravi neg­li­gen­ze, con­fer­mate anche dal Tar Lazio, com­piute nei con­fron­ti del­l’Inps nel peri­o­do 2017 dal Con­siglio di Ammin­is­trazione del­la Capo­dar­co e che han­no com­por­ta­to l’e­mis­sione di un durc neg­a­ti­vo che ha por­ta­to all’esclu­sione del­la Capo­dar­co da tutte le gare dei Cup, del call cen­ter Recup, e dei servizi ammin­is­tra­tivi del­la AslRm2. Una realtà scan­dalosa, dram­mat­i­ca per­chè tira in bal­lo il des­ti­no di migli­a­ia di famiglie nel com­ple­to dis­in­ter­esse del pres­i­dente Zin­garet­ti e del trio Con­te-Salvi­ni-Di Maio. Sol­leciti­amo cos­toro ad uscire dal tor­pore e pro­muo­vere un tavo­lo isti­tuzionale per affrontare in maniera com­pi­u­ta e riso­lu­ti­va la vicen­da occu­pazionale del­la Capodarco”.

Così, in una nota, il pres­i­dente nazionale di Asso­tutela, Michel Emi Maritato.