SOCIALE, MARITATO(SP): “BASTA TAGLI. I DISABILI NON SONO CITTADINI DI SERIE B”

SOCIALE, MARITATO(SP): “BASTA TAGLI. I DISABILI NON SONO CITTADINI DI SERIE B”

26/09/2018 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1422 volte!

Ques­ta mat­ti­na, in piaz­za di Monte Cito­rio a Roma, si è svolto il sit-in, orga­niz­za­to da Sud pro­tag­o­nista e dal seg­re­tario fed­erale Sal­va­tore Ronghi, insieme a numerose asso­ci­azioni, al fine di chiedere al gov­er­no e a tutte le forze par­la­men­tari una nuo­va strate­gia com­p­lessi­va che affron­ti, in tut­ti i suoi aspet­ti, la prob­lem­at­i­ca del­la dis­abil­ità e che nel­la prossi­ma manovra di bilan­cio, aumen­ti le pen­sioni di inva­lid­ità affinchè anche i dis­abili abbiano il pro­prio red­di­to di cit­tad­i­nan­za. Tan­ti gli inter­ven­ti durante la man­i­fes­tazione, inclu­so quel­lo del diri­gente nazionale di Sud pro­tag­o­nista, Michel Emi Mar­i­ta­to, da sem­pre in pri­ma lin­ea nel­la tutela dei dirit­ti dei meno for­tu­nati. “Siamo di fronte a uno Sta­to che non è in gra­do di garan­tire una vita dig­ni­tosa alle per­sone dis­abili. E’ un con­testo tragi­co, grave e che deve essere affronta­to imme­di­ata­mente dal gov­er­no del cam­bi­a­men­to. A cui ricor­do che l’11 per­cento dei dis­abili questo inver­no rischia di non avere una casa riscal­da­ta, per­chè non in gra­do di pagare le bol­lette”, ha det­to Mar­i­ta­to. Che si è poi scaglia­to con­tro quelle forze politiche, che sep­pur in pas­sato alla gui­da del Paese, “han­no prefer­i­to dare una mano alle banche, taglian­do fon­di e risorse eco­nomiche per la cul­tura, l’istruzione, la san­ità, e quin­di la dis­abil­ità. Tut­to questo non lo pos­si­amo più per­me­t­tere, e com­bat­ter­e­mo a dife­sa di questi dirit­ti negati, mai rap­p­re­sen­tati. E’ ora di dire bas­ta”, ha con­clu­so Michel Emi Mar­i­ta­to.

Con­di­vi­di: