Lupo ai Castelli Romani, nuovi segni di presenza

Lupo ai Castelli Romani, nuovi segni di presenza

16/02/2018 0 Di puntoacapo

Hits: 13

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1531 volte!

Lupo ai Castelli Romani, nuovi segni di presenza

Nell’ambito dei rego­lari mon­i­tor­ag­gi sul­lo sta­to dell’ecosistema del Par­co dei Castel­li Romani e, in par­ti­co­lare, del­la fau­na sel­vat­i­ca, sono state rac­colte ulte­ri­ori prove del­la pre­sen­za del Lupo. Forse un bran­co sta­bile. Gli accer­ta­men­ti pros­eguiran­no per definire un quadro cer­to del­la situ­azione, ma i dati sino­ra rac­colti sono inno­v­a­tivi e confortanti.
Vi sono ele­men­ti tali da las­cia­re dedurre che, con disc­re­ta prob­a­bil­ità, la (ri)colonizzazione dell’area dei Col­li Albani sia ormai sta­bile da parte di ques­ta specie, preziosa per l’ecosistema. Molto sig­ni­fica­ti­vo è, tra l’altro, l’avere indi­vid­u­a­to abbon­dan­za di seg­ni di pre­sen­za del Lupo in aree molto fre­quen­tate anche dai Cinghiali: il cer­chio potrebbe dunque chi­ud­er­si e, così, per­me­t­tere il ripristi­no dell’ancestrale rap­por­to preda­tore-pre­da. In questo stret­to legame, infat­ti, è insi­ta la soluzione del “prob­le­ma” Cinghiale e la sper­an­za che, sen­za ecces­sive intro­mis­sioni umane (brac­conag­gio, avve­le­na­men­ti, ad esem­pio), ques­ta ulti­ma specie pos­sa tornare in equi­lib­rio con il resto dell’ecosistema.
Questi rin­ven­i­men­ti con­fer­mereb­bero la ten­den­za all’espansione ter­ri­to­ri­ale del Lupo in Italia, ogget­to di sem­pre mag­giori atten­zioni da parte degli Enti di tutela ambientale.
È sem­pre oppor­tuno ricor­dare che il Lupo è un ani­male schi­vo e nutre, nei con­fron­ti dell’uomo, un istin­ti­vo tim­o­re che lo spinge a fug­girlo, mèmore delle per­se­cuzioni che, dopo decen­ni di ucci­sioni sis­tem­atiche, negli anni ’70 del sec­o­lo scor­so lo ave­vano por­ta­to vici­no all’estinzione.
L’Ente Par­co intende tute­lare la specie e, nel con­tem­po, fornire pron­to ed effi­cace ausilio agli all­e­va­tori locali, così che il Lupo e la zootec­nia pos­sano con­tin­uare a con­vi­vere sen­za conflitti.