Raccolta differenziata a Pomezia. Nel 2017 superato il 65% e incassati 482.000 euro dalla vendita dei rifiuti

Raccolta differenziata a Pomezia. Nel 2017 superato il 65% e incassati 482.000 euro dalla vendita dei rifiuti

08/02/2018 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 702 volte!

Raccolta differenziata a Pomezia. Nel 2017 superato il 65% e incassati 482.000 euro dalla vendita dei rifiuti. 

Approvato il progetto delle compostiere di comunità al Querceto

 Si attes­ta oltre il 65% la per­centuale dei rifiu­ti dif­feren­ziati a Pomezia nel 2017. Un suc­ces­so annun­ci­a­to nei mesi scor­si con la per­centuale in con­tin­ua cresci­ta gra­zie alla mes­sa a regime del servizio a Pomezia Cen­tro e alla rior­ga­niz­zazione nei mesi estivi a Torvaianica.

Oltre le aspet­ta­tive le entrate rica­vate dal­la ven­di­ta dei mate­ri­ali prove­ni­en­ti dal­la rac­col­ta dif­feren­zi­a­ta: 482mila euro totali di cui cir­ca 38mila euro per gli imbal­lag­gi in car­tone; cir­ca 157mila euro per car­ta e car­tone; cir­ca 12mila euro per gli imbal­lag­gi in plas­ti­ca prove­ni­en­ti dagli eco-com­pat­ta­tori; cir­ca 250mila euro per gli imbal­lag­gi misti (plas­ti­ca e met­al­li); cir­ca 23mila euro per gli imbal­lag­gi in vetro; cir­ca 20mila euro per i met­al­li; cir­ca 11mila euro per i Raee (apparec­chia­ture elet­triche ed elettroniche).

“Le entrate per le casse comu­nali nel sec­on­do semes­tre del 2017 sono aumen­tate di cir­ca 80mila rispet­to alla pri­ma metà dell’anno – spie­ga l’Assessore Loren­zo Sbizzera – Un dato impor­tante che dimostra innanz­i­tut­to che la per­centuale dei rifiu­ti dif­feren­ziati in Cit­tà con­tin­ua a crescere e che i rifiu­ti, quan­do sono dif­feren­ziati al meglio e rici­clati, pos­sono diventare una risor­sa per la comu­nità. Inoltre Pomezia ha rice­vu­to il finanzi­a­men­to regionale per il prog­et­to delle com­postiere di comu­nità al Querce­to, che ci con­sen­tirà di crescere anco­ra attra­ver­so tec­nolo­gie sem­pre più avanzate”.

Il prog­et­to, del val­ore di 236mila euro finanzi­a­to per il 60% dal­la Regione Lazio e per il 40% da fon­di comu­nali, prevede l’installazione nel quartiere Querce­to di 2 com­postiere di comu­nità che servi­ran­no tut­ti i res­i­den­ti, i quali con­feri­ran­no l’umido non più nei tradizion­ali con­teni­tori ma diret­ta­mente negli impianti, sen­za obbli­go di seguire il cal­en­dario di rac­col­ta, e con lo scon­to del 30% del­la parte vari­abile Tari come già avviene per il com­postag­gio domestico.

“Con­tinuiamo a trac­cia­re la stra­da del­la ges­tione vir­tu­osa dei rifiu­ti – aggiunge il Sin­da­co Fabio Fuc­ci – I risul­tati rag­giun­ti, sia in ter­mi­ni di rifiu­ti dif­feren­ziati che di ricavi, lo dimostra­no. La Cit­tà è più puli­ta, i cit­ta­di­ni pagano meno tasse, il Comune rivende i rifiu­ti rici­clati e può inve­stire i ricavi in servizi, si sper­i­men­tano nuove metodolo­gie di riu­so come il com­postag­gio di comu­nità e si pun­ta a ridurre i rifiu­ti alla fonte con il prog­et­to europeo Urban Wins. Pomezia con­tin­ua così ad essere un mod­el­lo, come con­fer­ma­to dai riconosci­men­ti rice­vu­ti nel 2017: il Pre­mio Best Prac­tice Pat­ri­moni Forum Pa e il Pre­mio Comu­ni Virtuosi”.


Tut­ti i dati sul­la rac­col­ta dif­feren­zi­a­ta —> www.comune.pomezia.rm.it/raccolta_differenziata