“COLLABORARE PER IMPARARE” IV CONVEGNO INTERNAZIONALE DI DIDATTICA CAPOVOLTA, IL NUOVO MODO DI ESSERE SCUOLA

COLLABORARE PER IMPARAREIV CONVEGNO INTERNAZIONALE DI DIDATTICA CAPOVOLTAIL NUOVO MODO DI ESSERE SCUOLA

04/02/2018 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 322 volte!

COLLABORARE PER IMPARARE

IV CONVEGNO INTERNAZIONALE DI DIDATTICA CAPOVOLTAIL NUOVO MODO DI ESSERE SCUOLA

Saba­to 24 feb­braio 2018

Uni­ver­sità degli Stu­di Roma3, via Sil­vio d’Amico 77 — Roma

(dalle 10 alle 17)

 

3.000 docen­ti capo­volti in tut­ta Italia, 4.000 asso­ciati, 50.000 iscrit­ti al grup­po Face­book, 900 parte­ci­pan­ti ai webi­nar set­ti­manali: questi sono alcu­ni dei numeri di Flip­net, l’Associazione per la pro­mozione del­la didat­ti­ca capo­vol­ta, metodolo­gia che sta riv­o­luzio­nan­do il modo di fare scuo­la in Italia e in molti pae­si del mon­do.

Per sco­prir­la, sper­i­men­ta­r­la e imple­men­tar­la, saba­to 24 feb­braio a Roma pres­so l’Università degli Stu­di Roma3 (via Sil­vio d’Amico, 77) si ter­rà il IV con­veg­no inter­nazionale di didat­ti­ca capo­vol­ta dal tito­lo “Col­lab­o­rare per impara­re”.

Il con­veg­no svilup­pa la com­pe­ten­za sociale e civi­ca, ses­ta delle com­pe­ten­ze europee per l’apprendimento per­ma­nente, indi­cate nel­la Rac­co­man­dazione del Par­la­men­to Europeo e del Con­siglio (G.U. dell’Unione Euro­pea, 18 dicem­bre 2006), recepi­ta dagli Sta­ti mem­bri, inclusa l’Italia.

In che modo? La didat­ti­ca capo­vol­ta (flipped class­room in inglese) è una metodolo­gia inno­v­a­ti­va d’insegnamento che mira a coin­vol­gere gli stu­den­ti nelle attiv­ità didat­tiche tramite l’apprendimento coop­er­a­ti­vo, che con­sente loro di esercitare e svilup­pare le abil­ità relazion­ali, comu­nica­tive e negoziali utili non solo a scuo­la, ma nei più diver­si con­testi sociali.

Mette la tec­nolo­gia al servizio dell’apprendimento, ren­den­do­lo così più “sem­plice”, dinam­i­co e qual­i­ta­ti­va­mente migliore. Se a scuo­la la lezione viene coa­d­i­u­va­ta dall’uso di tablet e altre tec­nolo­gie, a casa — e non solo… ovunque vi sia una con­nes­sione inter­net! — gli alun­ni pos­sono rivedere la lezione in pod­cast, capire meglio ciò che in classe non han­no appre­so e con­di­videre online con i pro­pri com­pag­ni, dub­bi, dif­fi­coltà e risul­tati.

L’apprendimento miglio­ra per­ché i ragazzi sono più moti­vati e il docente ha più tem­po, in aula, per occu­par­si dei bisog­ni di cias­cun alun­no.

Che mon­do tro­ver­an­no i nos­tri figli quan­do ter­min­er­an­no i loro stu­di, lo pos­si­amo prevedere?” — si inter­ro­ga Mau­r­izio Maglioni, pres­i­dente dell’Associazione Flip­net. “Dob­bi­amo asso­lu­ta­mente evitare che fra quindi­ci anni, loro ci chiedano il per­ché li abbi­amo preparati a vivere in un mon­do che non esiste più… Allo­ra il nos­tro prog­et­to è: attiv­ità, lavoro coop­er­a­ti­vo, sport, benessere, cre­ativ­ità e bellez­za, natu­ra e dig­i­tale.”

A par­lare di tut­to questo la mat­ti­na, con­frontan­do le espe­rien­ze nei più diver­si campi e pre­sen­tan­do le best prac­tices, docen­ti ed esper­ti ital­iani e stranieri, come: Dario Ianes e Mau­r­izio Maglioni, che pre­sen­ter­an­no il nuo­vo sag­gio “Capo­vol­gere la scuo­la”, una pro­pos­ta educa­ti­va nuo­va, inclu­si­va ed emozio­nante, vic­i­na alle reali esi­gen­ze del bam­bi­no e del ragaz­zo del ven­tunes­i­mo sec­o­lo che mal sop­por­ta il sapere mnemon­i­co e l’ascolto pas­si­vo; Alessan­dra Ruc­ci, una diri­gente sco­las­ti­ca con­tro­cor­rente che dimostr­erà come si può cam­biare la scuo­la unen­do la lead­er­ship comu­nica­ti­va ed empat­i­ca alla capac­ità di cogliere ogni occa­sione di miglio­ra­men­to; Daniela Di Dona­to, che farà rac­con­tare a un grup­po di ragazzi la loro espe­rien­za con la classe capo­vol­ta; Mari­ka Toivola e Domin­go Chi­ca Par­do che illus­tr­eran­no i risul­tati del flipped learn­ing nei loro pae­si, Fin­lan­dia e Spagna.

Nel pomerig­gio sarà la vol­ta dei work­shop lab­o­ra­to­ri­ali: 7 work­shop che offrono un ven­taglio di espe­rien­ze e rif­les­sioni: il rap­por­to tra la tec­nolo­gia e le relazioni inter­per­son­ali (Andrea Nicolosi), la realtà vir­tuale nel­la didat­ti­ca (Cristi­na Braila), il dibat­ti­to argo­men­ta­ti­vo (Grazia Pal­adi­no), i pon­ti tra let­ter­atu­ra, poe­sia e i prob­le­mi reali (Francesca Di Mar­co), la rif­les­sione sulle strate­gie per rag­giun­gere la felic­ità (Vanes­sa Sitzia e Rita Faustinel­la), l’apprendimento capo­volto delle lingue straniere (Irene Bres­san) e lo svilup­po del pen­siero logi­co, sociale ed emo­ti­vo con i mat­tonci­ni Lego (Cecil­ia Sta­iano).

I docen­ti avran­no modo di impara­re un nuo­vo modo effi­cace di fare, anzi di essere scuo­la assieme ai pro­pri stu­den­ti, e di acquisire stru­men­ti vali­di da uti­liz­zare in classe.

Per parte­ci­pare è nec­es­sario iscriver­si. È pos­si­bile uti­liz­zare la Car­ta del Docente.

ISCRIZIONI APERTE

  • PER SINGOLI DOCENTI:

https://flipnet.it/iscrizioni-convegno-24-febbraio-2018/

  • PER SEGRETERIE SCOLASTICHE:

https://flipnet.it/iscrizione-convegno-scuole-pubbliche/

Per i Diri­gen­ti sco­las­ti­ci è disponi­bile un numero lim­i­ta­to di posti ris­er­vati a tito­lo gra­tu­ito (pre­via richi­es­ta a info@flipnet.it)

PROGRAMMA AGGIORNATO CON I VIDEOTRAILER DI OGNI INTERVENTO

http://flipnet.it/wp-content/uploads/2018/01/A4-programma-convegno-per-stampa.pdf