LAZIO, GRANDE PARTECIPAZIONE AL TAVOLO TECNICO “VIOLENZA INFINITA — PREVENZIONE E SICUREZZA”

LAZIO, GRANDE PARTECIPAZIONE AL TAVOLO TECNICO “VIOLENZA INFINITA — PREVENZIONE E SICUREZZA”

25/11/2017 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1788 volte!

Si è svolto nel pomerig­gio di ieri, ven­erdì 24 novem­bre, pres­so il Con­siglio Regionale del Lazio, il tavo­lo tec­ni­co “Vio­len­za infini­ta” — Pre­ven­zione e sicurez­za”, per dis­cutere sulle linee gui­da con­tro la vio­len­za di genere. L’iniziativa orga­niz­za­ta dal­l’Aide provin­ciale Lazio a cui han­no pre­so parte la pres­i­dente Anna Sil­via Angeli­ni, il con­sigliere regionale del lazio Adri­ano Palozzi, Mas­si­mo Pezzel­la, è sta­ta mod­er­a­ta dal gior­nal­ista Mar­co Mon­ti­ni. Sono, inoltre, inter­venu­ti numerosi e autorevoli esper­ti tra crim­i­nolo­gi, avvo­cati, medici, psi­colo­gi, gior­nal­isti, scrit­tori: Mau­r­izio Espos­i­to, Alessan­dra Con­ti, Lara Scar­cel­la, Loredana Di Luca, Ore­na­da Dhim­itri, Lui­gi Pes­cuma, Eleono­ra Noc­i­to, Cristi­na Patrizi, Valenti­na Fas­ciani, Bar­bara Balestri­eri, Mon­i­ca Cat­ta­neo, Irma Capece Min­u­to­lo, Anto­nio Tur­ri, Ambra San­soli­ni, Alessan­dro Ruta, Noe­mi Del Giu­dice e Lau­ra Martu­fi. I lavori sono iniziati con un inter­ven­to sull’accoglienza e la pre­ven­zione pri­maria del cen­tro antiv­i­o­len­za “Usci­ta di sicurez­za” di Net­tuno, pun­tan­do l’attenzione sulle dif­fi­coltà e crit­ic­ità delle forme sot­tili del­la vio­len­za a quel­la con­cla­ma­ta e su come edu­care alla cul­tura del­la non violenza .

Si è dis­cus­so rel­a­ti­va­mente alla neces­sità di avere un proces­so più celere e di dis­porre per­son­ale alta­mente spe­cial­iz­za­to nel­la trat­tazione dei fat­ti di vio­len­za con­tro le donne, anche attra­ver­so  l’esempio di un paio di esem­pi prati­ci e di casi  di vio­len­za nelle gio­vani cop­pie di ado­les­cen­ti. Si è dibat­tuto, poi, su ciò che le forze dell’ordine dovreb­bero fare, quel­lo che fan­no e quel­lo che sarebbe aus­pi­ca­bile che facessero in relazione ai casi di mal­trat­ta­men­ti e vio­len­za di genere. Gli inter­ven­ti sono pros­e­gui­ti con una trat­tazione sul­la for­mazione del­la San­ità Ital­iana, sui seg­nali pre­co­ci di aller­ta, per sospet­ti abusi su donne o minori e sul­la sot­tosti­ma dei peri­coli, con­tin­uan­do a par­lare di pre­ven­zione, pro­tezione, punizione e ris­arci­men­to e si sono arric­chi­ti con la tes­ti­mo­ni­an­za del­la scrit­trice gior­nal­ista Bar­bara Balestri­eri. “A seguire si è aper­to un  dibat­ti­to con gli altri pro­fes­sion­isti pre­sen­ti al tavo­lo durante il quale si è prospet­ta­ta  la pos­si­bil­ità di un lavoro in sin­er­gia per far uscire delle pro­poste con­crete. Un sen­ti­to ringrazi­a­men­to va a tut­ti gli inter­venu­ti”, ha con­clu­so la pres­i­dente Angelini.