A “Cori, Vini nei Cuori” protagonisti il Nero Buono e l’enoturismo

A “Cori, Vini nei Cuori” protagonisti il Nero Buono e l’enoturismo

31/10/2017 0 Di Fabio Ciarla

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 756 volte!

Dal 27 al 29 otto­bre sec­on­da edi­zione dell’evento orga­niz­za­to dal Comune di Cori con un appro­fondi­men­to impor­tante sui vini e sulle bellezze del ter­ri­to­rio, com­pre­so il Gia­rdi­no di Nin­fa

SABATO 28 OTTOBRE DEGUSTAZIONE VERTICALE DEDICATA ALLUVA ROSSA AUTOCTONA DI CORI CON LE TRE CANTINE DELLAREA: MARCO CARPINETI, PIETRA PINTA E CINCINNATO

 

Le gran­di poten­zial­ità del Nero Buono, vit­ig­no autoctono a bac­ca rossa orig­i­nario di Cori, sono state il ful­cro del­la gior­na­ta di appro­fondi­men­to sui vini e sulle bellezze del ter­ri­to­rio che il Comune dei Mon­ti Lep­i­ni ha volu­to real­iz­zare all’interno del­la sec­on­da edi­zione di “Cori, Vini nei Cuori”. Le tre can­tine dell’area – Cincin­na­to, Pietra Pin­ta, Mar­co Carpineti – insieme all’amministrazione han­no infat­ti pro­gram­ma­to una serie di attiv­ità speci­fiche per oper­a­tori e stam­pa che si sono affi­an­cate all’offerta per il pub­bli­co, ovvero tre pun­ti di degus­tazione con prodot­ti del ter­ri­to­rio spar­si nel cen­tro cit­tadi­no gesti­ti gra­zie alla col­lab­o­razione con Sky Wine, vis­ite gui­date al com­p­lesso muse­ale e alla chiesa di Sant’Oliva, mostre, spet­ta­coli folk­loris­ti­ci e un panora­ma moz­zafi­a­to sul­la pia­nu­ra pon­ti­na.

Saba­to 28 otto­bre gli appro­fondi­men­ti han­no pre­so il via con il con­veg­no sul tur­is­mo enogas­tro­nom­i­co “Le Terre del Vino e dell’Olio — Nuove Cit­tà d’Arte”, pre­siedu­to dal sin­da­co Mau­ro De Lil­lis e coor­di­na­to da Simon­et­ta Impe­ria Asses­sore all’Agricoltura Comune di Cori all’interno del­la Chiesa di Sant’Oliva, che ha anal­iz­za­to soprat­tut­to gli stru­men­ti per fare di Cori e dei ter­ri­tori rurali nuove des­ti­nazioni tur­is­tiche gra­zie anche alle oppor­tu­nità del PSR 2014–2020 del Lazio. Un aspet­to, quest’ultimo, che ha ben­e­fi­ci­a­to del­la pre­sen­za come ospite d’onore del­la dot­tores­sa Amalia Vitagliano, diri­gente regionale per l’Area Pro­ces­si di Qual­i­fi­cazione, Val­oriz­zazione e Mul­ti­fun­zion­al­ità. Suc­ces­si­va­mente, all’interno del com­p­lesso muse­ale adi­a­cente la chiesa, si è svol­ta la degus­tazione tec­ni­ca dei vini delle tre can­tine core­si prodot­ti con Nero Buono. Una ver­ti­cale con i vini di pun­ta di Pietra Pin­ta, Cincin­na­to e Mar­co Carpineti delle annate 2014, 2013 e 2012 per oper­a­tori e gior­nal­isti di set­tore. Tut­ti han­no potu­to innanz­i­tut­to val­utare l’evoluzione che questo grande vit­ig­no, dif­fi­cile ma capace di dare otti­mi rossi, riesce a esprimere con un affi­na­men­to più lun­go. Piacev­ole quin­di nel­la ver­sione d’annata ma molto raf­fi­na­to, anche con un sapi­ente uso del leg­no, nelle sua annate più datate. Scop­er­ta ottenu­ta anche con alcune bot­tiglie ancor più indi­etro nel tem­po, 2007 ma soprat­tut­to 2009, degus­tate durante la cena di gala svoltasi pres­so la can­ti­na Carpineti con lo staff di cuci­na e di sala del ris­torante Mate­ria Pri­ma di Pon­tinia, guida­to dal gio­vane chef emer­gente Fabio Ver­rel­li D’Am­i­co. Materie prime del ter­ri­to­rio, dai Lep­i­ni al Mare, e abbina­men­ti con i vini da vit­ig­ni autoc­toni, Nero Buono per il finale e Bel­lone (uva bian­ca dif­fusa anche oltre Cori ma che qui tro­va prob­a­bil­mente le sue espres­sioni migliori) per l’apertura, anche in ver­sione spumante. Finale di altissi­mo liv­el­lo domeni­ca mat­ti­na con la visi­ta ai Gia­r­di­ni di Nin­fa, gra­zie alla disponi­bil­ità del­la Fon­dazione Cae­tani. Uno spet­ta­co­lo di col­ori e un’atmosfera uni­ca, tan­to che il New York Times l’ha defini­to il gia­rdi­no pri­va­to più roman­ti­co del mon­do, che ha let­teral­mente rapi­to i gior­nal­isti ospi­ti dell’evento.

Appun­ta­men­to quin­di alla prossi­ma edi­zione di “Cori, Vini nei Cuori”, un even­to gius­to negli obi­et­tivi, apprez­za­to da oper­a­tori e pub­bli­co, por­ta­tore di nuovi sti­moli per un ter­ri­to­rio che com­in­cia ad essere cosciente delle sue poten­zial­ità.

 

 

LA MANIFESTAZIONE

CORI, VINI NEI CUORI’ è un’iniziativa del Comune di Cori – Asses­so­rati Cul­tura, Agri­coltura e Pro­mozione del Ter­ri­to­rio – in col­lab­o­razione con la Pro Loco e la Stra­da del Vino e dell’Olio del­la Provin­cia di Lati­na, con il sosteg­no del Con­siglio Regionale del Lazio, ha nel vino il suo pro­tag­o­nista ma dà spazio anche all’altro tesoro delle colline core­si, l’olio extravergine di oli­va, e ai prodot­ti tipi­ci come il pro­sciut­to cot­to al vino e la gam­ma dei vari prodot­ti arti­gianali di Cori dai bis­cot­ti ai sott’oli. Even­ti clou del­la ker­messe saran­no due mostre ospi­tate nel chiostro del Com­p­lesso Mon­u­men­tale di Sant’Oliva, una pre­sen­terà le foto legate al vino e all’enogastronomia di ENRICO APPETITO — apprez­za­tis­si­mo fotografo di sce­na di orig­ine corese che ha lavo­ra­to con reg­isti come Mon­i­cel­li, Godard, Vis­con­ti, Rosi e Felli­ni –, l’altra accoglierà a 60 anni dal lan­cio del­lo Sput­nik un’esposizione degli scat­ti inedi­ti fat­ti a bor­do del­la stazione spaziale inter­nazionale e di mate­ri­ali illus­tra­tivi sulle mis­sioni com­piute nel­lo spazio dal­l’URSS e dal­la Rus­sia. Nell’ambito del­la man­i­fes­tazione è sta­to inser­i­to un momen­to di par­ti­co­lare impor­tan­za per la cit­tà: il 27 otto­bre è sta­to inau­gu­ra­to il restau­ra­to TEATRO COMUNALE. Il prog­et­to, finanzi­a­to dal­la Regione Lazio, nasce sot­to la prece­dente ammin­is­trazione Con­ti e giunge a com­pi­men­to ora con la fine dei lavori di restau­ro e la resti­tuzione alla cit­tad­i­nan­za del teatro così rin­no­va­to. Nell’occasione è sta­to pre­sen­ta­to il prog­et­to del­la rete d’imprese denom­i­na­to “Cori e Giu­lianel­lo in rete”, anch’esso finanzi­a­to dal­la Regione Lazio.

 

Con­di­vi­di:
error0