Assaggiatori delle Olive da Tavola, a Sonnino la 2^ edizione del Corso Capol

Assaggiatori delle Olive da Tavola, a Sonnino la 2^ edizione del Corso Capol

12/10/2017 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1734 volte!

Le 5 gior­nate for­ma­tive si svol­ger­an­no il 13, 14, 19, 20 e 21 Otto­bre pres­so la Coop. Olivi­co­la San­ti­na delle Fate. Le lezioni, tenute da esper­ti del set­tore, sono riv­olte a pro­dut­tori, com­mer­cianti, ris­tora­tori, agrono­mi, tec­ni­ci e appas­sion­ati che vogliono val­oriz­zare al mas­si­mo le pro­duzioni di olive da men­sa del­la cul­ti­var Itrana.

Ulti­mi posti disponi­bili per parte­ci­pare al Cor­so di for­mazione per Assag­gia­tori e Anal­isi Sen­so­ri­ale delle Olive da Tavola, orga­niz­za­to dal Capol nell’ambito delle sue attiv­ità for­ma­tive, in col­lab­o­razione con la Coop. San­ti­na delle Fate e l’Aspol, e riv­olto a pro­dut­tori, com­mer­cianti, ris­tora­tori, agrono­mi, tec­ni­ci e appas­sion­ati.

L’iniziativa, che gode del patrocinio del Comune di Son­ni­no, del­la XIII Comu­nità Mon­tana dei Mon­ti Ausoni e Aurun­ci e del­la Cam­era di Com­mer­cio di Lati­na, si svol­gerà a Son­ni­no, prin­ci­pale cen­tro olivi­co­lo del­la provin­cia di Lati­na, nei locali del­la Coop. Olivi­co­la San­ti­na delle Fate (Via La Sas­sa snc. — Local­ità San Bernardi­no).

Le 5 gior­nate for­ma­tive, 25 ore in totale, inizier­an­no ven­erdì 13 Otto­bre (15:30 — 20:30), e pros­eguiran­no saba­to 14 (8:30 – 13:30), giovedì 19 (15:30 – 20:30), ven­erdì 20 (15:30 – 20:30), saba­to 21 Otto­bre (8:30 – 13:30). Al ter­mine del col­lo­quio finale ci sarà la con­seg­na degli attes­ta­ti a col­oro che avran­no super­a­to l’esame.

Alla cer­i­mo­nia con­clu­si­va pre­sen­zier­an­no, tra gli altri: Luciano De Ange­lis (Sin­da­co Son­ni­no), Ono­ra­to Nar­dac­ci (Pres­i­dente XIII Comu­nità Mon­tana), Anto­nio Trot­ta (Pres­i­dente San­ti­na delle Fate). Per mag­giori infor­mazioni: capol.latina@gmail.com — info@santinadellefate.it — 3298120593 — 0773/908589 — pag­i­na Face­book del Capol.

In pro­gram­ma ci sono prove pratiche di assag­gio e appro­fondi­men­ti sul quadro nor­ma­ti­vo nazionale e comu­ni­tario e sui meto­di di trasfor­mazione tradizion­ali e indus­tri­ali, volti all’acquisizione delle basi nec­es­sarie per la conoscen­za delle tec­niche di preparazione mer­ce­o­log­i­ca e di val­u­tazione sen­so­ri­ale delle olive da tavola, sec­on­do le indi­cazioni del Con­siglio Ole­i­co­lo Inter­nazionale (C.O.I.).

Le lezioni saran­no tenute da docen­ti esper­ti: il prof. Giulio Scat­oli­ni (capo Pan­el C.O.I. e docente Uni­ver­sità dei Sapori); il prof. Mau­r­izio Servili (Uni­ver­sità degli Stu­di di Peru­gia); Cos­mo Di Rus­so (Pres­i­dente Aspol); Alber­to Bono (agronomo, esper­to cul­ti­var oli­va itrana); Mau­r­izio Sime­one (Pres­i­dente Con­sorzio per la Tutela dell’Oliva di Gae­ta D.O.P.); Tom­masi­no Noviel­lo (agronomo, esper­to oli­va Gae­ta).

“Questo per­cor­so for­ma­ti­vo risul­terà par­ti­co­lar­mente apprez­za­to dagli oper­a­tori olivi­coli inter­es­sati a val­oriz­zare al mas­si­mo le pro­duzioni di olive da men­sa del­la cul­ti­var Itrana – spie­ga il Pres­i­dente Capol Lui­gi Cen­tau­ri – anche in segui­to al riconosci­men­to del­la D.O.P. Olive di Gae­ta, che con­fer­ma la cul­ti­var autoc­tona del nos­tro ter­ri­to­rio tra i pilas­tri dell’economia agri­co­la Laziale e pon­ti­na in par­ti­co­lare”.