Nuova campagna olearia pontina: istruzioni per l’etichettatura

Nuova campagna olearia pontina: istruzioni per l’etichettatura

01/10/2017 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1134 volte!

Illus­trate al con­veg­no del CAPOL le nor­ma­tive nazion­ali e comu­ni­tarie per garan­tire la trac­cia­bil­ità degli oli pontini. 

Grande parte­ci­pazione degli oper­a­tori del set­tore al con­veg­no ‘La Fil­iera Olivi­co­la: Inno­vazione e Legal­ità’, accolti mer­coledì pomerig­gio pres­so la sala con­feren­ze del Con­sorzio per lo Svilup­po Indus­tri­ale Roma Lati­na, che ospi­ta anche la nuo­va sede dell’Associazione CAPOL, orga­niz­za­trice del meet­ing, con la parte­ci­pazione dell’ASPOL. Gli Ispet­tori del Dipar­ti­men­to dell’ICQRF del MIPAAF, Dott. Raf­faele Mon­di­ni e Dott. Michele Saragosa, han­no for­ni­to ai pro­dut­tori e fran­toiani infor­mazioni utili in vista dell’inizio del­la nuo­va cam­pagna olearia ora­mai alle porte, in par­ti­co­lare in rifer­i­men­to alle norme europee e nazion­ali rel­a­tive alle indi­cazioni obbli­ga­to­rie sulle etichette delle con­fezioni degli oli di oli­va extravergini.

L’etichetta assi­cu­ra trasparen­za e qual­ità del prodot­to, e con­sente la scelta con­sapev­ole del con­suma­tore. Il cam­po visi­vo prin­ci­pale deve riportare alcu­ni dati: denom­i­nazione, quan­tità net­ta, con­dizioni di con­ser­vazione, nome e ind­i­riz­zo dell’operatore, prove­nien­za. Da ulti­mo anche la sca­den­za e la dichiarazione nutrizionale. La loro assen­za o non cor­ret­tez­za è sanzion­a­ta. Nell’ambito del pro­gram­ma di formazione/aggiornamento del Cen­tro Assag­gia­tori Pro­duzioni Olivi­cole Lati­na, l’incontro ha rap­p­re­sen­ta­to un’appendice del Con­cor­so ‘L’Olio delle Colline’, che da sei edi­zioni ded­i­ca un’apposita sezione con pre­mio all’etichettatura degli oli pon­ti­ni, sogget­ta a giudizio tec­ni­co di una com­mis­sione di esper­ti tra Ispet­tori ICQRF, grafi­ci e giornalisti.

“L’ottima rispos­ta del ter­ri­to­rio con­fer­ma la cres­cente atten­zione per le tem­atiche con­cer­nen­ti il per­fezion­a­men­to dell’olivicoltura provin­ciale – spie­ga il Pres­i­dente del CAPOL Lui­gi Cen­tau­ri — l’edu­cazione del pro­dut­tore a fornire al com­pra­tore gli ele­men­ti nec­es­sari ad acquistare con cog­nizione il meglio, va di pari pas­so con l’edu­cazione del con­suma­tore a scegliere il prodot­to migliore.” Ringrazian­do il diret­tore dell’ICQRF Italia Cen­trale, Dott. Flazio Beril­li, e dell’ospitalità il Pres­i­dente del Con­sorzio, Comm. Car­lo Scarchilli, Lui­gi Cen­tau­ri ha anal­iz­za­to la nuo­va cam­pagna olearia locale, in lin­ea con le pre­vi­sioni nazion­ali: “Si prospet­ta migliore del­la prece­dente (che ave­va reg­is­tra­to una pro­duzione tra i min­i­mi stori­ci), nonos­tante gli effet­ti di un inver­no rigi­do, gelate pri­maver­ili e sic­c­ità esti­va. Il lieve attac­co del­la mosca e le ultime piogge garan­ti­ran­no una buona qual­ità e un adegua­to con­tenu­to di polifeno­li bioat­tivi”.

Mar­co Castaldi

Addet­to Stam­pa & OLMR