Colonizzazione della Luna, se ne parla all’Osservatorio “Fuligni” di Rocca di Papa

Colonizzazione della Luna, se ne parla all’Osservatorio “Fuligni” di Rocca di Papa

06/07/2017 0 Di Azzurra Giordani

Hits: 37

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2588 volte!

Quan­do tor­ni­amo sul­la Luna? Questo il tito­lo dell’Astroincontro che si ter­rà ven­erdì 14 luglio alle ore 21:00 pres­so l’Osser­va­to­rio “Fran­co Fulig­ni” di Roc­ca di Papa. L’evento divul­ga­ti­vo sci­en­tifi­co rien­tra nell’ambito del fit­to cal­en­dario di Astroin­con­tri all’Osservatorio pro­mossi dall’Associazione Tus­colana di Astrono­mia “Liv­io Grat­ton” (ATA) per favorire la scop­er­ta del cos­mo e per dif­fondere inter­esse ver­so l’astronomia.

Ad aprire la ser­a­ta, una pre­sen­tazione divul­ga­ti­va a cura di Pao­lo D’Angelo, gior­nal­ista sci­en­tifi­co. “La con­feren­za rac­con­terà il per­ché e come si è arrivati sul­la Luna negli anni ‘60 riper­cor­ren­do i prin­ci­pali momen­ti del­la sfi­da spaziale tra Sta­ti Uni­ti e Unione Sovi­et­i­ca”, affer­ma il gior­nal­ista. “Si spiegherà poi il moti­vo per il quale l’esplorazione del­la Luna è sta­ta abban­do­na­ta men­tre oggi si tor­na nuo­va­mente a par­lare di una sua col­o­niz­zazione in pre­vi­sione dell’obiettivo futuro che sarà il piane­ta Marte”.

Alla pre­sen­tazione divul­ga­ti­va seguirà la con­sue­ta osser­vazione degli ogget­ti celesti vis­i­bili a occhio nudo e con il tele­sco­pio prin­ci­pale pre­sente nel­la cupo­la dell’Osservatorio sot­to la gui­da degli esper­ti oper­a­tori dell’ATA. Un momen­to impor­tante ed emozio­nante, che gode sem­pre di grande suc­ces­so. Immer­so nel cuore del par­co dei Castel­li Romani, l’Osservatorio “Fulig­ni” si con­figu­ra come loca­tion d’eccezione per l’osservazione astronomica.

Come seg­nala l’Unione Astro­fili Ital­iani (UAI), sono tan­ti gli ogget­ti offer­ti dal mese di luglio su cui puntare i tele­scopi. In prim­is Sat­urno che sarà indi­vidu­a­bile sen­za dif­fi­coltà e osserv­abile per qua­si tut­ta la notte. Il piane­ta con gli anel­li si tro­va anco­ra nel­la costel­lazione dell’Ofiuco, dove si muove lenta­mente con moto ret­ro­gra­do, sopra la costel­lazione del­lo Scor­pi­one e vici­no al lim­ite con il Sagit­tario. Facil­mente osserv­abile anche Giove nelle prime ore del­la notte, dopo il tra­mon­to del Sole e fino a cir­ca mez­zan­otte, quan­do si tro­va già molto bas­so a ovest, prossi­mo al tra­mon­to. A dom­inare la vol­ta celeste, tre stelle par­ti­co­lar­mente bril­lan­ti che for­mano il cosid­det­to tri­an­go­lo esti­vo: Vega, Altair e Deneb, delle costel­lazioni del­la Lira, dell’Aquila e del Cig­no rispettivamente.

All’evento del 14 luglio, che si pre­an­nun­cia quin­di pieno di inter­es­san­ti attiv­ità, seguiran­no numerosi altri Astroin­con­tri ded­i­cati ad altre affasci­nan­ti tem­atiche dell’astronomia. In cal­en­dario, incon­tri con ricer­ca­tori per appro­fondire temi attuali e di grande ril­e­van­za sci­en­tifi­ca, even­ti incen­trati su argo­men­ti legati alla pas­sione astro­fi­la, passeg­giate not­turne per osser­vare il cielo sot­to la gui­da di esper­ti astro­fili e ser­ate all’insegna del gio­co e del­la scop­er­ta per incu­riosire i più pic­coli e avvic­i­narli al mon­do dell’astronomia. Insom­ma, inizia­tive per tutte le età per sco­prire le mer­av­iglie del nos­tro cielo e dilet­tar­si nel­la loro osser­vazione. L’appuntamento è ogni ven­erdì sera alle ore 21:00 all’Osservatorio “Fulig­ni”.


Per con­sultare il pro­gram­ma com­ple­to e per preno­tare col­le­gar­si al link:  http://lnx.ataonweb.it/wp/astrofili/astroincontri-allosservatorio-astronomico-fuligni/