Rocca di Papa, Crestini: “Antenne, le voglio abbattere. È chiaro?”

Rocca di Papa, Crestini: “Antenne, le voglio abbattere. È chiaro?”

28/06/2017 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1459 volte!

Emanuele Cres­ti­ni

Roc­ca di Papa, Cres­ti­ni: “Antenne, le voglio abbat­tere. È chiaro?”

Il sin­da­co chiarisce la posizione del­l’Am­min­is­trazione

Sono sta­to elet­to con un manda­to pre­ciso: quel­lo di togliere le antenne. Questo era un pun­to su cui mi sono impeg­na­to già da con­sigliere di oppo­sizione. Come can­dida­to sin­da­co ho ottenu­to con­sen­si e voti anche per questo. E da sin­da­co, come potrei toller­are una situ­azione come quel­la che si è strat­i­fi­ca­ta negli ulti­mi 40 anni?

Dob­bi­amo recu­per­are l’integrità e la bellez­za di questi luoghi, il ter­ri­to­rio del­la nos­tra comu­nità. Anch’io vivo qui, con la mia famiglia. Le antenne devono andare via!

Roc­ca di Papa il mese scor­so ha vin­to al Con­siglio di Sta­to. Una sen­ten­za stor­i­ca che seg­na un tra­guar­do impor­tante, che deri­va anche dall’impegno di alcune ammin­is­trazioni prece­den­ti.

L’ex sin­da­co Boc­cia, ora con­sigliere di mino­ran­za, nel 2012 ave­va emes­so un’ordinanza (n. 186/2012) nel­la quale dis­pose l’abbattimento delle antenne di Monte Cavo. Alla for­male per­en­to­ri­età del doc­u­men­to, però, non ha fat­to seguire alcun effet­to sostanziale. Le antenne sono anco­ra lì. E quelle stesse per­sone che oggi si agi­tano tan­to in Con­siglio Comu­nale sono pro­prio quelle che pote­vano abbat­tere da anni le antenne e non lo han­no fat­to. Per­ché?

Questo è il pas­sato. A oggi, gra­zie soprat­tut­to alla recente sen­ten­za del Con­siglio di Sta­to, che abbi­amo forte­mente volu­to, siamo più vici­ni all’abbattimento. Quel­lo vero. Occorre però met­tere a pun­to alcune strate­gie ammin­is­tra­tive. Le dob­bi­amo con­cor­dare con isti­tuzioni come la Regione e alcu­ni min­is­teri, che han­no voce in capi­to­lo sul tema. Ecco per­ché è sta­to nec­es­sario aprire un dial­o­go con queste isti­tuzioni, final­iz­za­to alla demolizione delle antenne.

Nel Con­siglio Comu­nale del 20 giug­no, dopo tan­ti dis­cor­si retori­ci di alcu­ni rap­p­re­sen­tan­ti del­la mino­ran­za, i cit­ta­di­ni han­no dovu­to assis­tere increduli alla loro fuga. Il Con­siglio si è chiu­so con l’assenza dei con­siglieri di mino­ran­za, che han­no abban­do­na­to i lavori. Evi­den­te­mente, preferiscono invece di cer­care soluzioni con­cor­date.

Noi andremo avan­ti comunque.

 

 

il sin­da­co, Emanuele Cres­ti­ni

Con­di­vi­di:
error0