Rosy Bindi, Commissione Antimafia: ‘Abbiamo chiesto accertamenti per il Comune di Anzio’.

Rosy Bindi, Commissione Antimafia: ‘Abbiamo chiesto accertamenti per il Comune di Anzio’.

03/06/2017 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1872 volte!

Rosy Bindi, Presidente della Commissione Antimafia: ‘Abbiamo chiesto accertamenti per il Comune di Anzio’.

Durante la con­feren­za stam­pa che si è svol­ta in prefet­tura a con­clu­sione del­la com­mis­sione che ha vis­to l’audizione dei prefet­ti di Roma, Lati­na e Frosi­none, del procu­ra­tore capo di Roma Giuseppe Pig­na­tone, del procu­ra­tore aggiun­to Michele Prestipino e del comi­ta­to per la sicurez­za, La pres­i­dente del­la Com­mis­sione Anti­mafia, Rosy Bin­di, ha fat­to il pun­to sul­la situ­azione del­la pre­sen­za del­la crim­i­nal­ità a Roma e nel Lazio: “Ad Anzio, comune del litorale a sud di Roma, ad esem­pio l’u­so del­la vio­len­za anche nel­la lot­ta polit­i­ca sta por­tan­do al bloc­co delle elezioni”, ha det­to la pres­i­dente del­la Com­mis­sione par­la­mentare Anti­mafia. “Abbi­amo chiesto al prefet­to di Roma Pao­la Basilone di val­utare se ci siano gli estre­mi per una com­mis­sione d’ac­ces­so ad Anzio — ha aggiun­to — per­ché i fat­ti che si sono ver­i­fi­cati ci pre­oc­cu­pano molto. So che la prefet­tura sta mon­i­toran­do la situ­azione”.

Fattori (M5S): Le dichiarazioni del Presidente Bindi confermano i nostri dubbi

Siamo sta­ti apos­tro­fati dal­l’am­min­is­trazione comu­nale di Anzio come “Dis­tur­bati men­tali”. In par­ti­co­lare il Sin­da­co Brus­chi­ni e i suoi lac­chè si sono sen­ti­ti offe­si e han­no minac­cia­to querele per mil­ioni di euro in segui­to all’in­ter­rogazione dove chiede­va­mo con­to, al min­istro pre­pos­to, del­la pre­oc­cu­pante esca­la­tion dei fenomeni di intim­i­dazione mafiosa nel comune di Anzio. Dopo le dichiarazioni del Pres­i­dente del­la Com­mis­sione anti­mafia Rosy Bin­di che con­fer­ma le nos­tre pre­oc­cu­pazioni cosa inten­dono fare? Quere­lare tut­ta la com­mis­sione?

Le vicende di Anzio da mesi ora­mai sono ogget­to di indagine e azione polit­i­ca da parte del Movi­men­to 5 stelle e altre forze politiche, che già ad aprile han­no richiesto una com­mis­sione di acces­so. Tan­ti sono gli inter­es­si in bal­lo: dagli affi­da­men­ti diret­ti, agli impianti a bio­gas, dalle minac­ce e intim­i­dazioni, a un atteggia­men­to che sem­bra vol­er met­tere la pol­vere sot­to al tap­peto da parte del­la classe polit­i­ca locale.

Dopo diverse inter­rogazioni, azioni sul ter­ri­to­rio, incon­tri col Prefet­to di Roma col quale abbi­amo con­di­vi­so una vas­ta doc­u­men­tazione e un incon­tro pub­bli­co molto parte­ci­pa­to nel mese di mag­gio, arrivano le dichiarazioni del Pres­i­dente del­la Com­mis­sione Anti­mafia, Rosy Bin­di, che lap­i­dari­a­mente con­fer­ma quan­to da tem­po sti­amo perseguen­do.

“Spero che l’in­vi­to del­la Bin­di ven­ga rac­colto dal Prefet­to di Roma col quale già ave­vo par­la­to nel mese di Aprile. L’in­ter­esse del­la Com­mis­sione anti­mafia aval­la le nos­tre pre­oc­cu­pazioni e con­fer­ma che sul ter­ri­to­rio di Anzio, ma non solo, la pre­sen­za delle orga­niz­zazioni mafiose è flori­da” dichiara la Sen. Ele­na Fat­tori, che si è diret­ta­mente inter­es­sa­ta del caso Anzio, che aggiunge:” I comi­tati e il grup­po locale dei Gril­li di Anzio han­no fat­to un lavoro mer­av­iglioso dimostran­do, rischi­an­do del pro­prio, quan­to tengano al pro­prio ter­ri­to­rio con una azione corale inten­sa e sen­za vol­er met­tere un cap­pel­lo di bandiera”.

Purtrop­po la stra­da ver­so la soluzione di un prob­le­ma atavi­co come questo è anco­ra lun­ga e tor­tu­osa, ma i risul­tati arriver­an­no. “A meno che il Sin­da­co di Anzio ora non si met­ta a minac­cia­re di querela tut­ti, deve pren­dere atto che le intim­i­dazioni non ci fer­mano, anzi raf­forzano la nos­tra con­vinzione di vol­er lottare per una polit­i­ca puli­ta, sen­za clien­telis­mi e fat­ta per i cit­ta­di­ni, non per il pro­prio tor­na­con­to eco­nom­i­co e politi­co” queste le parole di chiusura del­la Fat­tori.

 

Il Sindaco di Anzio, Luciano Bruschini: “Rispetto per le dichiarazioni del Presidente Bindi ma, recentemente, il Ministro dell’Interno ha chiarito che non sussistono elementi orientati al condizionamento dell’Amministrazione”

 “Pieno rispet­to per le dichiarazioni del Pres­i­dente, Rosy Bin­di, del­la quale sono a com­ple­ta dis­po­sizione per incon­tri ed audizioni, ma non pos­so che sot­to­lin­eare come il Min­istro del­l’In­ter­no, di recente, ha rib­a­di­to che non sus­sistono ele­men­ti ori­en­tati al con­dizion­a­men­to del­l’Am­min­is­trazione Comu­nale”.

Lo ha affer­ma­to il Sin­da­co di Anzio, Luciano Brus­chi­ni, in rifer­i­men­to alle dichiarazioni del Pres­i­dente del­la Com­mis­sione Par­la­mentare Anti­mafia, Rosy Bin­di.

“Il Min­istro ha rispos­to, - pros­egue Brus­chi­ni —  dal Prefet­to mi sono reca­to per­sonal­mente, così come costan­te­mente mi rap­por­to con le Forze del­l’Or­dine oper­a­tive sul nos­tro ter­ri­to­rio. Sono cer­to del­la solid­ità delle nos­tre isti­tuzioni e del­la mas­si­ma lib­ertà nel­l’e­ser­cizio delle mie fun­zioni e di quelle del­l’Am­min­is­trazione”.