I tesori di Cori in mostra per le Giornate FAI di Primavera

I tesori di Cori in mostra per le Giornate FAI di Primavera

23/03/2017 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2163 volte!

Il 25 e 26 Mar­zo, dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18, vis­ite gui­date gra­tu­ite del­la Cit­tà d’Arte a cura degli Apprendisti Ciceroni. Tem­pio di Ercole, Com­p­lesso Mon­u­men­tale di Sant’Oliva e Ora­to­rio dell’Annunziata i luoghi di visi­ta priv­i­le­giati scelti dal FAI tra il pat­ri­mo­nio delle 10 cit­tà ital­iane che pro­muovono l’evento nazionale sulle reti RAI. In pro­gram­ma anche passeg­giate arche­o­logiche e lab­o­ra­tori d’arte. Menù tur­is­ti­ci per i vis­i­ta­tori.

Anche quest’anno il Comune di Cori, la Pro Loco Cori, il Museo del­la Cit­tà e del Ter­ri­to­rio di Cori e le asso­ci­azioni cul­tur­ali Arca­dia e Ami­ci del Museo han­no ader­i­to alle Gior­nate FAI di Pri­mav­era, tramite la Del­egazione FAI Gae­ta-Lati­na. Saba­to 25 e domeni­ca 26 Mar­zo, dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18, sono in pro­gram­ma vis­ite gui­date gra­tu­ite di alcu­ni luoghi priv­i­le­giati del­la Cit­tà d’Arte, tra le tes­ti­mo­ni­anze mon­u­men­tali del pas­sato cus­todite nelle teche muse­ali e le altre che com­pon­gono il ‘museo a cielo aper­to’ in giro per il paese.

Il medievale Com­p­lesso Mon­u­men­tale di Sant’Oliva, for­ma­to dal­la Chiesa con la sua Cap­pel­la del SS. Cro­ci­fis­so, edi­fi­ca­ta su un tem­pio pagano romano. Alle sue spalle il Chiostro log­gia­to e il Con­ven­to Agos­tini­ano del Quat­tro­cen­to, oggi sede del Museo. Il mon­u­men­to nazionale Tem­pio di Ercole, eret­to in stile dori­co intorno alla metà del II sec­o­lo a.C. sull’acropoli dell’antica Cora, è uno dei più sig­ni­fica­tivi esem­pi di architet­tura ellenis­ti­ca del Lazio. L’Ora­to­rio del­l’An­nun­zi­a­ta, altro mon­u­men­to nazionale costru­ito nel XV sec­o­lo.

Con parten­za da piaz­za del­la Croce e da Piaz­za Sign­i­na, si potran­no effet­tuare passeg­giate tra i resti arche­o­logi­ci di mag­giore anti­chità: le mura polig­o­nali, l’area del foro (odier­na via delle Colonne), il Ponte del­la Cate­na, il pan­theon cora­no con il Tem­pio dei Dioscuri, Poz­zo Dori­co. Ad accom­pa­gnare i vis­i­ta­tori saran­no gli Apprendisti Ciceroni, stu­den­ti del Liceo Artis­ti­co Statale di Lati­na, che avran­no il com­pi­to di rac­con­tare, ma anche di creare un’esperienza inclu­si­va e momen­ti di incon­tro e scam­bio tra gen­er­azioni e gen­ti diverse.

I ragazzi potran­no parte­ci­pare anche ai lab­o­ra­tori d’arte orga­niz­za­ti dagli alun­ni del­la scuo­la supe­ri­ore pon­ti­na. Per l’occasione pres­so i ris­toran­ti e le trat­to­rie locali, sarà pos­si­bile gustare menù tur­is­ti­ci a base di tipic­ità enogas­tro­nomiche del ter­ri­to­rio. Infine i tesori di Cori sono sta­ti scelti dal Fon­do per l’Ambiente Ital­iano tra quel­li delle 10 cit­tà d’Italia che fino a domeni­ca pro­muover­an­no sulle reti RAI la 25^ edi­zione dell’evento nazionale ded­i­ca­to alla scop­er­ta del pat­ri­mo­nio cul­tur­ale del Bel Paese.

Mar­co Castal­di

Addet­to Stam­pa & OLMR