Cori e Oswiecim: sabato la cerimonia conclusiva del Patto di Gemellaggio

Cori e Oswiecim: sabato la cerimonia conclusiva del Patto di Gemellaggio

08/03/2017 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2508 volte!

L’11 Mar­zo, dalle ore 17:00, nel­la Chiesa di Sant’Oliva, ver­rà con­fer­ma­to il Giu­ra­men­to di Fra­ter­nità tra i due Comu­ni, già fir­ma­to in Polo­nia. A seguire il Con­cer­to di Gemel­lag­gio ad ingres­so gra­tu­ito.

Saba­to 11 Mar­zo, dalle ore 17:00, nel­la Chiesa di Sant’Oliva, si ter­rà la cer­i­mo­nia pub­bli­ca con­clu­si­va del Pat­to di Gemel­lag­gio tra i Comu­ni di Cori e Oświęcim, aper­ta dall’esibizione degli Sbandier­a­tori del Leone Ram­pante. I Sin­daci Tom­ma­so Con­ti e Janusz Chwierut con­fer­mer­an­no il Giu­ra­men­to di Fra­ter­nità già sot­to­scrit­to in Polo­nia.

Ver­ran­no così sug­gel­lati i pluri­en­nali rap­por­ti di ami­cizia e sti­ma rec­i­p­ro­ca tra le due comu­nità, impeg­nan­do le isti­tuzioni ad incor­ag­gia­re e sostenere gli scam­bi socio-cul­tur­ali e pro­mozion­ali, ed ogni altra inizia­ti­va gui­da­ta dagli ide­ali europeisti di pace, sol­i­da­ri­età e toller­an­za e che veda pro­tag­o­nisti i gio­vani.

Le relazioni tra le due cit­tà, avvi­ate da Pietro Vitel­li, ponte tra ital­iani e polac­chi, tra gli inspi­ra­tori del Viag­gio Pon­ti­no del­la Memo­ria, sono mat­u­rate nel cor­so delle con­sil­ia­ture degli ulti­mi 10 anni. Vis­ite isti­tuzion­ali, Let­tera di Inten­ti rat­i­fi­ca­ta dai due Con­sigli Comu­nali e pri­ma fir­ma del Pat­to han­no pre­ce­du­to questo momen­to.

La proiezione del video di Osh­pitzin, come viene chiam­a­to in ebraico yid­dish, per­me­t­terà di conoscere meglio questo fiorente e vitale cen­tro del­la Pic­co­la Polo­nia, spes­so noto solo col nome tedesco di Auschwitz, che per­al­tro oggi rap­p­re­sen­ta soltan­to la parte del paese dove è ubi­ca­to il cam­po di ster­minio.

Saran­no pre­sen­ti: i cos­tu­man­ti del Carosel­lo Stori­co dei Rioni di Cori, la Com­pag­nia Rinasci­men­tale Musiche e Danze Tradizion­ali Tres Lusores, che insieme alla Pro Loco Cori, e anche per il tramite del Latium Fes­ti­val, han­no accom­pa­g­na­to tut­to il per­cor­so di Gemel­lag­gio.

Oltre ad asses­sori e con­siglieri del Comune di Cori, ci saran­no, tra gli altri, una rap­p­re­sen­tan­za dell’Ambasciata del­la Repub­bli­ca di Polo­nia; una del­egazione comu­nale di Arez­zo, pri­mo e fino­ra uni­co Comune ital­iano gemel­la­to con Oświęcim; il dott. Ugo Rufi­no, Diret­tore dell’Istituto di Cul­tura Ital­iana a Cra­covia.

A chi­ud­ere il Con­cer­to di Gemel­lag­gio diret­to dal M° Gio­van­ni Mon­ti. Il M° Car­lo Vit­tori (piano) e il quin­tet­to di fiati ‘Soloist Ensem­ble’ eseguiran­no gli inni nazion­ali e musiche di Chopin, Ver­di, Rossi­ni e Puc­ci­ni, con le voci bilingue di Rossel­la Ceri­oni (sopra­no), Joan­na Bronikows­ka (mez­zo sopra­no) e il Coro Poli­fon­i­co Lumi­na Vocis.

Mar­co Castal­di

Addet­to Stam­pa & OLMR