A Marino la cultura della non violenza occupa le panchine. Rosse.

A Marino la cultura della non violenza occupa le panchine. Rosse.

07/03/2017 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1828 volte!

A Mari­no la cul­tura del­la non vio­len­za occu­pa le pan­chine. Rosse.

L’8 mar­zo è la data di un grande appun­ta­men­to: inter­nazionale, con una forte eco medi­at­i­ca, numerosi tes­ti­mo­ni­al prove­ni­en­ti dal mon­do politi­co, sociale, cul­tur­ale.

A Mari­no, l’Am­min­is­trazione Comu­nale ha accetta­to la mozione pro­pos­ta dal grup­po di Cen­tro Sin­is­tra (Eleono­ra Di Giulio, Fran­ca Sil­vani Gian­fran­co Venan­zoni, Enri­co Iozzi) nel novem­bre scor­so, por­ta­ta avan­ti anche nell’ ambito dei lavori del­la Com­mis­sione con­sil­iare delle Elette e vota­ta all’unanimità dal­lo stes­so Con­siglio Comu­nale.

Il cal­en­dario si col­or­erà di rosso: il cul­mine del­la gior­na­ta infat­ti, vede l’ade­sione alla cam­pagna “pan­chine rosse” inizia­ta nel 2014 a Tori­no e con­di­visa da numerose cit­tà ital­iane.  

Fran­ca Sil­vani

Abbi­amo volu­to sot­to­lin­eare l’im­por­tan­za del­l’im­peg­no e del­la con­sapev­olez­za di tut­ti i cit­ta­di­ni sul tema del­la vio­len­za e del fem­mini­cidio. L’Am­min­is­trazione Comu­nale ha con­di­vi­so la nos­tra inizia­ti­va” — sot­to­lin­ea il con­sigliere del Cen­tro Sin­is­tra, Fran­ca Sil­vani, che così con­tin­ua: “Occorre dare l’e­sem­pio e lo si dà lavo­ran­do sen­za sos­ta. Non è solo sen­si­bi­liz­zazione, ma è un impeg­no con­tin­u­a­ti­vo che ci siamo pre­fis­sati come espo­nen­ti politi­ci e soprat­tut­to come donne e uomi­ni di Mari­no”.  

La con­di­vi­sione di ques­ta gior­na­ta è un esem­pio di respon­s­abil­ità, polit­i­ca e sociale. Sono molto sod­dis­fat­ta del­la vic­i­nan­za d’in­ten­ti dimostra­ta dal­l’Am­min­is­trazione e sono sicu­ra che l’at­tivis­mo dell’8 mar­zo non si inter­romperà. Per­ché nes­sun silen­zio, ver­gogna, pau­ra pas­si mai nel­l’in­dif­feren­za del­la polit­i­ca. Per­ché chi­unque abbia un prob­le­ma, pos­sa sen­tir­si sicuro e ascolta­to. L’in­dif­feren­za e la pau­ra ucci­dono molto di più,” così aggiunge Eleono­ra Di Giulio, capogrup­po del Cen­tro Sin­is­tra in Con­siglio Comu­nale. “In questo sen­so par­lo di cul­tura: ecco sì, per giun­gere al rispet­to delle dif­feren­ze — ses­so, età, eco­nomiche — dob­bi­amo com­in­cia­re a pro­durre pen­sieri adat­ti allo scopo. Da qui il nos­tro impeg­no alla sen­si­bi­liz­zazione di tut­ti i cit­ta­di­ni,” con­clude la Di Giulio.

 

Le Con­sigliere Comu­nali

Fran­ca Sil­vani e Eleono­ra Di Giulio

Con­di­vi­di:
error0