SUBIACO. AURIGEMMA (FI)”ANCHE REGIONE RICONOSCE INAFFIDABILITA’ COMUNE”

SUBIACO. AURIGEMMA (FI)”ANCHE REGIONE RICONOSCE INAFFIDABILITA’ COMUNE”

10/02/2017 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1997 volte!

SUBIACO. AURIGEMMA (FI)”ANCHE REGIONE RICONOSCE INAFFIDABILITA’ COMUNE”

“Oggi durante il ques­tion time in aula abbi­amo pos­to l’attenzione sul­la tem­at­i­ca delle ex case can­toniere. Con delib­era di giun­ta, la regione ha affida­to i beni immo­bili (ex Anas) a diver­si Comu­ni, tra questi anche Subi­a­co: il Comune in ques­tione nell’atto con­ces­so­rio man­i­fes­ta­va la volon­tà di real­iz­zare due impor­tan­ti strut­ture, nell’ambito dei servizi sociali. Sono pas­sati qua­si due anni e il sin­da­co Pel­lic­cia, oltre a non aver anco­ra inizia­to il sud­det­to prog­et­to, perdip­iù non ha neanche mai paga­to il canone di affit­to alla Regione, tra l’altro di entità irriso­ria. Alla nos­tra inter­rogazione, l’assessore Sar­tore ha rispos­to innanz­i­tut­to riconoscen­do, di fat­to e in sostan­za, l’inaffidabilità dell’amministrazione comu­nale. Tra l’altro non è la pri­ma vol­ta che la giun­ta sub­la­cense annun­cia cose che poi non ven­gono con­cretiz­zate, è suf­fi­ciente ricor­dare tutte le vane promesse sui trasporti e sull’ospedale. Per­al­tro questo Comune è l’unico ad essere fer­mo, in mer­i­to al pro­gram­ma di riqual­i­fi­cazione delle ex case can­toniere. Ma adesso, a riconoscere i lim­i­ti del­l’­op­er­a­to del pri­mo cit­tadi­no non sono solo le forze di oppo­sizione, ma la mag­gio­ran­za regionale di cen­trosin­is­tra. Det­to ciò, l’assessore Sar­tore ha det­to di aver inizia­to una inter­locuzione con il Comune e se con­tin­uerà a non dare risposte, val­uterà l’ipotesi di far decadere la con­ces­sione entro ses­san­ta giorni. Per noi questo è un pri­mo pas­so impor­tante, ma insieme ai con­siglieri comu­nali Bertelet­ti e Roc­chi a breve chieder­e­mo la pos­si­bil­ità di effet­tuare un sopral­lu­o­go nelle strut­ture in ques­tione. Inoltre, chieder­e­mo agli organi pre­posti di val­utare anche l’eventuale esisten­za di un dan­no erar­i­ale, dato che il Comune ad oggi non ha por­ta­to avan­ti il prog­et­to e non ha neanche paga­to l’affitto. Noi con­tin­uer­e­mo a man­tenere alta l’attenzione per tute­lare il ter­ri­to­rio del­la Valle dell’Aniene, forte­mente penal­iz­za­to dal­l’in­ca­pac­ità di un’am­min­is­trazione comu­nale, molto bra­va negli annun­ci che pun­tual­mente non riesce a real­iz­zare, cre­an­do gravi dis­a­gi per i cittadini”