REGIONE: ZINGARETTI, NEL 2016 GRAZIE A SCREENING DIAGNOSTICATI PIÙ DI 1300 TUMORI. INVITATI AL CONTROLLO 1,5 MILIONI DI PERSONE

REGIONE: ZINGARETTI, NEL 2016 GRAZIE A SCREENING DIAGNOSTICATI PIÙ DI 1300 TUMORI. INVITATI AL CONTROLLO 1,5 MILIONI DI PERSONE

10/02/2017 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 3215 volte!

Nico­la Zin­garet­ti

REGIONE: ZINGARETTI, NEL 2016 GRAZIE A SCREENING DIAGNOSTICATI PIÙ DI 1300 TUMORI. INVITATI AL CONTROLLO 1,5 MILIONI DI PERSONE

Oggi è  la Gior­na­ta Mon­di­ale con­tro il can­cro. Nel­la lot­ta a ques­ta malat­tia, la diag­nosi pre­coce rimane lo stru­men­to fon­da­men­tale per aumentare l’ef­fi­ca­cia delle cure e le pos­si­bil­ità di gua­ri­gione. Per questo il Sis­tema San­i­tario Regionale del Lazio offre gra­tuita­mente ad una larga fas­cia del­la sua popo­lazione stru­men­ti effi­caci per iden­ti­fi­care pre­co­ce­mente, con­trastare e lim­itare le con­seguen­ze di alcu­ni tipi di tumore. Questo avviene attra­ver­so tre pro­gram­mi di screen­ing che sono sta­ti poten­ziati negli ulti­mi anni. 

1)    pre­ven­zione dei tumori del­la mam­mel­la, riv­olto alle donne nel­la fas­cia di età 50–69 anni (e aper­to nel mese di otto­bre anche alle donne fuori fas­cia)

2)    la pre­ven­zione dei tumori del col­lo del­l’utero, riv­olto alle donne nel­la fas­cia di età 25–64 anni

3)    pre­ven­zione dei tumori del colon ret­to, riv­olto a uomi­ni e donne nel­la fas­cia di età 50–74 anni. 

L’impegno del­la Regione Lazio per la pre­ven­zione è forte e costante: ogni anno le Asl inviano 1,5 mil­ioni di invi­ti per effet­tuare screen­ing. Nel cor­so del 2016, 9 per­sone su 10 degli aven­ti dirit­to han­no rice­vu­to questo invi­to per effet­tuare gli screen­ing gra­tu­iti di pre­ven­zione con­tro il tumore. E ogni anno, a par­tire dal 2013, la quan­tità degli invi­ti è aumen­ta­ta pro­gres­si­va­mente arrivan­do a rag­giun­gere un numero sem­pre più alto di popo­lazione, pas­san­do dal 67% al 90% per i tumori del­la mam­mel­la e dell’utero, e dal 32% all’84% per i tumori del colon ret­to. In par­ti­co­lare,  nel 2016, per quan­to riguar­da lo screen­ing per la pre­ven­zione dei tumori del­la mam­mel­la sono oltre 381mila gli invi­ti inviati, e 776 i tumori  fino­ra  diag­nos­ti­cati. Per quan­to riguar­da lo screen­ing per la pre­ven­zione dei tumori del col­lo del­l’utero sono oltre 470mila gli invi­ti inviati, e oltre 300 lesioni a ris­chio di degen­er­azione trat­tate. Infine, per quan­to riguar­da  lo screen­ing per la pre­ven­zione dei tumori del colon ret­to sono oltre 784mila gli invi­ti inviati: 323 i casi di car­ci­no­ma del colon ret­to iden­ti­fi­cati e 1.754 ade­no­mi avan­za­ti e 795 ade­no­mi in fase iniziale.  I dati sug­li ade­no­mi, forme pato­logiche che soli­ta­mente degen­er­a­no in car­ci­no­mi del colon ret­to, sono par­ti­co­lar­mente indica­tivi dell’importanza di rispon­dere all’invito ed effet­tuare lo screen­ing.

“Oggi è la Gior­na­ta Mon­di­ale con­tro il can­cro. Una data impor­tante — dichiara il Pres­i­dente del­la Regione Lazio Nico­la Zin­garet­ti — che spinge tut­ti ad aumentare l’im­peg­no per com­bat­tere e vin­cere ques­ta malat­tia. E la pre­ven­zione risul­ta la stra­da maes­tra per rag­giun­gere l’o­bi­et­ti­vo. Come Regione siamo sta­ti coer­en­ti, real­iz­zan­do una vera e pro­pria svol­ta sot­to il pro­fi­lo del­la pre­ven­zione. Quest’an­no infat­ti gra­zie al nos­tro pro­gram­ma di screen­ing sono sta­ti invi­tati al con­trol­lo cir­ca un mil­ione e mez­zo di donne e uomi­ni del­la nos­tra regione e diag­nos­ti­cati oltre 1300 forme tumorali. Con­tin­uer­e­mo ed imple­menter­e­mo questo nos­tro impeg­no. Per noi ogni giorno è la Gior­na­ta Mon­di­ale con­tro il can­cro”.