Genzano: basta con l’istituzione per l’Infiorata e il Carnevale. Cambiano le cose

Genzano: basta con l’istituzione per l’Infiorata e il Carnevale. Cambiano le cose

20/01/2017 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1917 volte!

GENZANO; APPROVATA LA CESSAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELL’ISTITUZIONE: ECCO COME SARANNO GETSTITI GLI EVENTI DA ORA IN POI

L’approvazione è del Con­siglio Comu­nale del 18 gen­naio 2017 nel cor­so del quale sono sta­ti anche toc­cati altri temi, tra cui: rego­la­men­to per la con­ces­sione del patrocinio comu­nale, Cen­tro Sociale Anziani, situ­azione di degra­do del­la stazione di San Gen­naro, attac­co alla Polizia Locale, even­ti del Natale.

Con­siglio Comu­nale che rimar­rà nel­la sto­ria quel­lo del 18 gen­naio. Inizia­ta con un ricor­do par­ti­co­lare al com­pianto sin­da­co Gino Cesa­roni da parte del Sin­da­co e di altri espo­nen­ti del Con­siglio, la sedu­ta ha por­ta­to a una deci­sione mem­o­ra­bile per la cit­tà di Gen­zano con l’approvazione del­la ces­sazione delle attiv­ità e l’estinzione del­l’Is­ti­tuzione comu­nale per le attiv­ità cul­tur­ali, ricre­ative e sportive.

“Non pos­si­amo negare che all’epoca del­la sua cos­ti­tuzione la scelta del­l’Is­ti­tuzione ha agevola­to la strut­tura comu­nale. Oggi, però, a dis­tan­za di 21 anni, ques­ta ‘strut­tura nel­la strut­tura’ non ha più ragion d’essere” — ha spie­ga­to nel suo inter­ven­to la con­sigliera Bon­gian­ni – “Uni­co obi­et­ti­vo oggi è quel­lo di snel­lire e ren­dere effi­ciente un sis­tema che era diven­ta­to purtrop­po estrema­mente labo­rioso. Il Cda, inoltre, era scel­to a dis­crezione e volon­tà polit­i­ca, quin­di sen­za prin­cipi vin­colan­ti da mer­i­tocrazia. Per­ché, invece, non aprire in maniera traspar­ente e mer­i­to­crat­i­ca a tut­ti i cit­ta­di­ni, ai comi­tati, alle asso­ci­azioni volen­terose, per un uni­co scopo comune? Lo scopo finale, quel­lo a cui pun­ti­amo, è il suc­ces­so del­l’In­fio­ra­ta e delle altre inizia­tive che val­oriz­zano il nos­tro ter­ri­to­rio. Scelta, sicu­ra­mente, non facile ma più cor­ag­giosa e in lin­ea con i prin­cipi per i quali i cit­ta­di­ni ci han­no elet­to. Con questo gesto, non siamo a rin­negare la sto­ria di Gen­zano, ma al con­trario vogliamo recu­per­are quel sen­so di col­lab­o­razione che ha con­trad­dis­tin­to le nos­tre gen­er­azioni pas­sate. L’Is­ti­tuzione ave­va in cari­co sostanzial­mente due even­ti: il Carnevale e l’In­fio­ra­ta. – ricor­da Bon­gian­ni che nel suo inter­ven­to ha anche spie­ga­to come saran­no gesti­ti gli even­ti non più in capo all’Istituzione – Essi ver­ran­no inser­i­ti in un pro­gram­ma annuale di piani­fi­cazione, dove saran­no coin­volti i cit­ta­di­ni, a par­tire dalle scuole. Lo snel­li­men­to delle pratiche sarà agevola­to da un prog­et­to glob­ale che preved­erà nel cor­so degli anni una strut­tura inter­na che non lavor­erà più a com­par­ti­men­ti stag­ni. L’organizzazione per il 2017 sarà a cura dell’Ufficio Attiv­ità cul­tur­ali, tem­po libero, archiv­io stori­co affi­an­ca­to dall’Ufficio Tur­is­mo, attiv­ità pro­dut­tive, beni cul­tur­ali”.

Sul­la scelta del­la ces­sazione delle attiv­ità del­l’Is­ti­tuzione, l’asses­sore Scia­r­ra ha anche sot­to­lin­eato un aspet­to non sec­on­dario: “L’Is­ti­tuzione sec­on­do legge ha l’ob­bli­go di possedere un codice fis­cale autonomo rispet­to a quel­lo del Comune, e di essere iscrit­ta alla Cam­era di Com­mer­cio, con­dizioni che non sono rispet­tate dal­l’is­ti­tuzione di Gen­zano. Quin­di ad oggi l’Is­ti­tuzione da un pun­to di vista giuridi­co non esiste”.

Ges­tione da parte degli Uffi­ci comu­nali di com­pe­ten­za e di per­son­ale adegua­to per una più effi­ciente ges­tione degli even­ti, a par­tire da quel­li più stori­ci (Infio­ra­ta e Carnevale); col­lab­o­razione tra Comune, asso­ci­azioni e cit­ta­di­ni; supera­men­to di un organo divenu­to ormai pri­vo di van­tag­gi: con queste moti­vazioni da oggi saran­no avvi­ate le pro­ce­dure di estinzione del­l’Is­ti­tuzione, nata 20 anni fa. L’ap­provazione in Con­siglio è sta­ta vota­ta con 10 voti favorevoli (mag­gio­ran­za M5S), 4 con­trari (grup­po PD), 2 asten­sioni (con­siglieri Papalia e Savi­ni).

Così, il giorno dopo del Con­siglio, il pri­mo cit­tadi­no com­men­ta la stor­i­ca deci­sione: “Tor­na alla parte­ci­pazione diret­ta dei cit­ta­di­ni la tradizione del­la cit­tà. Sono molto sod­dis­fat­to del risul­ta­to rag­giun­to, che non è un tra­guar­do ma l’inizio di un nuo­vo per­cor­so che val­orizzerà tradizione e inno­vazione, com­pe­ten­ze e sen­so di appartenenza.Per il 2017 la ges­tione degli even­ti rimane in capo all’Am­min­is­trazione con la col­lab­o­razione di asso­ci­azioni, con­tem­po­ranea­mente nel cor­so del­l’an­no si pro­ced­erà all’or­ga­niz­zazione del­l’uf­fi­cio com­pe­tente che si pren­da cari­co di tut­ti gli even­ti”.

Altra impor­tante approvazione, all’unanimità, è sta­ta quel­la del Rego­la­men­to per la con­ces­sione del patrocinio comu­nale.

Nel cor­so del Con­siglio del 18 gen­naio il sin­da­co è anche inter­venu­to sul­la vicen­da del Cen­tro Sociale Anziani, a segui­to del­la con­seg­na a mano a tut­ti i con­siglieri, poco pri­ma dell’inizio del­la sedu­ta, del­la let­tera di dimis­sioni del pres­i­dente del comi­ta­to di ges­tione.

“Non accetti­amo le dimis­sioni – ha rispos­to il sin­da­co Loren­zon all’interrogazione mossa dal con­sigliere PD Gab­bari­ni — per­ché il rego­la­men­to prevede che tale pro­ce­du­ra sia sot­to­pos­ta al voto dell’assemblea dei soci. Rin­novi­amo la disponi­bil­ità a lavo­rare insieme per la ricer­ca di una nuo­va sede e l’eventuale approvazione di un nuo­vo rego­la­men­to. Rib­adis­co inoltre l’attenzione da parte dell’Amministrazione alle esi­gen­ze degli anziani nel rispet­to delle regole con­di­vise”.

Trat­ta­ta, su inter­rogazione del Pd, anche la ques­tione degli even­ti natal­izi pres­so il Palazzet­to del­lo Sport “Cesa­roni” e in par­ti­co­lare l’annullamento degli spet­ta­coli “Schi­ac­cianoci” e del Capo­dan­no.
“Gli even­ti – ha rispos­to il sin­da­co – era­no sta­ti pro­posti da pri­vati ai quali è sta­to con­ces­so il patrocinio del Comune. Abbi­amo accetta­to con l’intenzione di alzare il liv­el­lo cul­tur­ale del­la cit­tà. Erava­mo molto inter­es­sati soprat­tut­to allo spet­ta­co­lo di bal­let­to “Schi­ac­cianoci”, tut­tavia il man­ca­to svol­gi­men­to non è dipeso dal Comune, ma da prob­le­mi interni alla com­pag­nia di bal­let­to e dall’organizzazione. Res­ta l’idea di real­iz­zare a Gen­zano un Capo­dan­no cit­tadi­no e per il 2018 ci impeg­ner­e­mo diret­ta­mente nell’organizzazione affinché non si ripetano i prob­le­mi di quest’anno”.

Nel cor­so del Con­siglio Comu­nale è sta­ta rin­no­va­ta la sol­i­da­ri­età da parte dell’Amministrazione al Cor­po del­la Polizia Locale per agli attac­chi da parte di cit­ta­di­ni e fazioni. Il sin­da­co Loren­zon: “Come già divul­ga­to a mez­zo stam­pa, l’attenzione dell’Amministrazione è alta per col­lab­o­rare per il bene e la sicurez­za del­la cit­tà”.

A segui­to delle scosse di ter­re­mo­to del 18 gen­naio, il con­sigliere Papalia ha richiesto un aggior­na­men­to sul­la situ­azione dei sopral­lu­oghi effet­tuati dalle forze dell’ordine per ver­i­fi­care la pre­sen­za di even­tu­ali dan­ni subito dopo il ter­re­mo­to, avver­ti­to anche a Gen­zano. “Le scuole di Gen­zano e i luoghi pub­bli­ci non han­no subito dan­ni. Come for­ma di atten­zione al ter­ri­to­rio e di pre­ven­zione, ho atti­va­to – ha rispos­to il sin­da­co — il Grup­po Comu­nale di Pro­tezione Civile, le forze dell’ordine (Polizia Locale e Cara­binieri) e addet­ti dell’Ufficio tec­ni­co del Comune. Sono state ese­gui­te delle oper­azioni di mon­i­tor­ag­gio; nes­sun dan­no si è reg­is­tra­to”.

All’interrogazione con­sil­iare di Papalia sul degra­do del­la stazione di San Gen­naro, al cui ridos­so è pre­sente una barac­copoli, il sin­da­co ha ricorda­to che l’Amministrazione ha già pre­so in cari­co la seg­nalazione giran­dola a Polizia locale e uffi­cio tec­ni­co e provve­den­do ad effet­tuare i pri­mi sopral­lu­oghi e con­trol­li su cui appe­na ci sarà riscon­tro si darà notizia”.

Delu­ci­dazioni in Con­siglio, dietro inter­rogazioni, anche sul­la ges­tione delle acque reflue nel­la zona di area di sos­ta per i camper, su cui l’Amministrazione sta lavo­ran­do come da piano di gov­er­no. Infine l’Amministrazione si è anche impeg­na­ta a pro­muo­vere un incon­tro con la soci­età Ita­ca per agevolare le pro­ce­dure on line di iscrizione sco­las­tiche per il nuo­vo anno 2017–2018, in par­ti­co­lare in rifer­i­men­to al codice men­sa richiesto per effet­tuare la pro­ce­du­ra com­ple­ta.

Con­di­vi­di:
error0
fb-share-icon0
Tweet 20
fb-share-icon20