1926–1939, l’Italia che affonda Appuntamento a Cori con la storia dell’antifascismo

1926–1939, l’Italia che affonda Appuntamento a Cori con la storia dell’antifascismo

17/01/2017 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1954 volte!

Saba­to 21 Gen­naio, alle ore 17:00, pres­so la Sala con­feren­ze del Museo del­la Cit­tà e del Ter­ri­to­rio di Cori, se ne par­lerà con il prof. Ugo Manci­ni, uno dei mag­giori esper­ti in mate­ria.

Saba­to 21 Gen­naio, alle ore 17:00, tor­na a Cori l’appuntamento con la sto­ria locale. Pres­so la Sala con­feren­ze del Museo del­la Cit­tà e del Ter­ri­to­rio, il pro­fes­sor Ugo Manci­ni, pres­i­dente del­la sezione Anpi di Gen­zano, pre­sen­terà il suo ulti­mo libro “1926–1939, L’ITALIA AFFONDA. Ragioni e vicende degli antifascisti a Roma e nei Castel­li Romani” pub­bli­ca­to da Infini­to Edi­zioni.

L’evento, orga­niz­za­to dall’Asso­ci­azione Famigliari Vit­time dei Bom­bar­da­men­ti di ‘Pro­pa­gan­da Fide’ ONLUS, è patro­ci­na­to dal Comune di Cori. Porter­an­no i salu­ti isti­tuzion­ali il Sin­da­co di Cori Tom­ma­so Con­ti e la Pres­i­dente del­la ONLUS Ada Scalchi. La pre­sen­tazione è affi­da­ta allo scrit­tore e sag­gista Pietro Vitel­li. Mod­er­a­trice dell’incontro la pro­fes­sores­sa e autrice Sec­on­d­i­na Marafi­ni.

Roma e la sua provin­cia han­no dato una spin­ta deci­si­va al movi­men­to antifascista, con grande con­trib­u­to di sangue. Questo libro, fir­ma­to da uno dei mag­giori esper­ti del­la mate­ria per il 70° anniver­sario del­la fine del­la Sec­on­da Guer­ra Mon­di­ale, rac­con­ta le vite di perse­gui­tati e per­se­cu­tori, trac­cian­do una inqui­etante lin­ea nera che por­ta fino agli attuali rig­ur­gi­ti nazion­al­is­ti­ci e xeno­fo­bi.

Il fas­cis­mo è sta­ta una trag­i­ca espe­rien­za, frut­to di un bisog­no di autori­taris­mo mat­u­ra­to dalle masse, sen­za il cui bene­plac­ito non ci sarebbe mai sta­ta una dit­tatu­ra fascista. Con­tro di essa nacque un movi­men­to antifascista, per anni perse­gui­tato e minori­tario, clan­des­ti­no, appar­ente­mente vici­no alla scon­fit­ta, ma des­ti­na­to a incre­mentare la sua forza man mano che il regime perde­va con­sen­so.

Ugo Manci­ni inseg­na sto­ria e filosofia al liceo clas­si­co Ugo Fos­co­lo di Albano Laziale e sto­ria con­tem­po­ranea all’U­ni­ver­sità del­la Terza età di Aric­cia. Ha col­lab­o­ra­to con le Uni­ver­sità di Roma La Sapien­za e Tor Ver­ga­ta, con il Museo Stori­co del­la Lib­er­azione di Roma. È autore di pub­bli­cazioni let­ter­arie, ma soprat­tut­to di arti­coli, mono­grafie, sag­gi e man­u­ali sco­las­ti­ci di carat­tere stori­co.

Mar­co Castal­di

Addet­to Stam­pa & OLMR