‘Stimo ‘n tre, venateci a vedè’. A Cori la mostra di dipinti del collettivo Gneo, Volpini, Buonincontro

‘Stimo ‘n tre, venateci a vedè’. A Cori la mostra di dipinti del collettivo Gneo, Volpini, Buonincontro

13/12/2016 0 Di Marco Castaldi

Hits: 15

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2301 volte!

Giovedì 15 Dicem­bre, alle ore 17:00, il vernissage. I quadri rimar­ran­no esposti a Palazzet­to Luciani fino al 23 Dicem­bre. Aper­tu­ra al pub­bli­co: tut­ti i giorni con orario 10/13 e 16/19.

Giovedì 15 Dicem­bre, alle ore 17:00, a Palazzet­to Luciani a Cori, ver­rà inau­gu­ra­ta la mostra col­let­ti­va di dip­in­ti del trio artis­ti­co, Gneo, Buon­in­con­tro, Volpi­ni, il cui tito­lo è anche un invi­to a non man­care all’appuntamento. ‘Sti­mo ‘n tre, venate­ci a vedè’, e se non sarà pos­si­bile essere pre­sen­ti al vernissage, il pub­bli­co potrà vis­i­tar­la tut­ti i giorni, ore 10/13 e 16/19, fino al finis­sage di ven­erdì 23 Dicembre.

Una quar­an­ti­na le tele mon­tate nel salone polifun­zionale di Piaz­za Sant’Oliva. Opere che attra­ver­sano buona parte dell’arco tem­po­rale del­la car­ri­era di Pier­fran­ca Gneo, Tom­ma­so Volpi­ni e Gio­van­ni Buon­in­con­tro, di Cori i pri­mi due, di Cis­ter­na il ter­zo. Tre per­son­al­ità molto diverse tra loro, e ciò si river­bera anche sui dif­fer­en­ti ogget­ti del dipin­gere di ciascuno.

Le pic­cole cose che accom­pa­g­nano la quo­tid­i­an­ità di ognuno sono le pro­tag­o­niste assolute dei quadri di Pier­fran­ca Gneo, nei quali lei stes­sa entra con la leg­giadria di una far­fal­la che aleg­gia ovunque per con­durre lo spet­ta­tore tra i pae­sag­gi e i per­son­ag­gi ritrat­ti, che oltre a colpire gli occhi accarez­zano il cuore di chi guarda.

Gio­van­ni Buon­in­con­tro è un amante del­la natu­ra. La sua è una ricer­ca con­tin­ua che lo por­ta a miglio­rar­si costan­te­mente, per­ché l’arte è una lun­ga e dura espe­rien­za che si acqui­sisce nel tem­po, con la quale bisogna vivere in armo­nia. La pit­tura mul­ti­forme di Tom­ma­so Volpi­ni infine crea un col­lega­men­to di seg­men­ti ret­ti­linei, archi, curve e un ponte stori­co diret­to con le radi­ci del suo paese.

Tre artisti di inna­ta pas­sione per l’arte e la pit­tura in par­ti­co­lare, sboc­cia­ta in sta­gioni diverse del­la loro esisten­za. Pen­nel­lo, tavoloz­za, col­ori e cav­al­let­to, non sono mai sta­ti sem­pli­ci attrezzi del mestiere, ma stru­men­ti di comu­ni­cazione per esprimere se stes­si e ciò che li cir­con­da. Giun­ti alla matu­rità artis­ti­ca, dopo varie mostre per­son­ali, espon­gono insieme per la pri­ma volta.

Mar­co Castaldi

Addet­to Stam­pa & OLMR