La Memoria dell’Ing. Alessandro Marchetti rivive nell’idrovolante della Crociera Atlantica del Decennale

La Memoria dell’Ing. Alessandro Marchetti rivive nell’idrovolante della Crociera Atlantica del Decennale

11/12/2016 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1471 volte!

Nel 50° del­la sua scom­parsa sono state pre­sen­tate al pub­bli­co le prime par­ti del­la repli­ca del S.55 X del­la trasvola­ta ocean­i­ca di Ita­lo Bal­bo esposte al Volan­dia.

A 50 anni dal­la sua scom­parsa, il genio aero­nau­ti­co dell’Ing. Alessan­dro Mar­che­t­ti (Cori, 16 Giug­no 1884 – Ses­to Cal­ende, 5 Dicem­bre 1966) riv­ive nel­la ricostruzione dell’aereo che ha fat­to la sto­ria dell’aviazione ital­iana, l’S.55 X, che nel 1933 sol­cò l’Oceano Atlanti­co nel­la Crociera del Decen­nale di Ita­lo Bal­bo. L’aereo partì il 1° Luglio 1933 da Orbetel­lo e uni­to a uno stor­mo di 24 apparec­chi, sor­volan­do Europa, Islan­da, Mon­tre­al, Detroit, Chica­go, atter­rò il 12 Luglio a New York.

Dell’idrovolante furono real­iz­za­ti 250 esem­plari, ven­du­ti anche in Rus­sia, Roma­nia e Brasile. Divenne il sim­bo­lo dell’Aeronautica e del pro­gres­so tec­no­logi­co ital­iano. In Italia è rimas­ta una pic­co­la tes­ti­mo­ni­an­za, parte del tron­cone del­lo scafo di un S.55 con­ser­va­ta a Vigna di Valle, usato pri­ma come cab­i­na da spi­ag­gia e poi come pol­laio. L’unico S.55 anco­ra intat­to, uno di quel­li che parte­cipò alla trasvola­ta del 1927 nel Sud Atlanti­co, è con­ser­va­to in Brasile al Museu da Tam.

Per questo moti­vo il Savoia Mar­che­t­ti His­tor­i­cal Group ne ha pro­mosso una sua ricostruzione con il sosteg­no di altre asso­ci­azioni di volon­tari e imp­rese pri­vate. La repli­ca in scala reale del veliv­o­lo — 24 metri di aper­tu­ra alare – si basa sui dis­eg­ni orig­i­nali e sulle tec­niche degli anni Ven­ti e Trenta. Le par­ti finite — i tim­o­ni e le derive – sono state pre­sen­tate al pub­bli­co il 3 Dicem­bre al Par­co e Museo del Volo — Volan­dia di Som­ma Lom­bar­do.

L’evento si è svolto a mar­gine del con­veg­no “L’eredità dell’ingegner Alessan­dro Mar­che­t­ti a 50 anni dal­la sua scom­parsa”, pre­ce­du­to da una mostra-con­feren­za com­mem­o­ra­ti­va il 2 Dicem­bre al Comune di Ses­to Cal­ende. A ren­dere omag­gio all’ingegner Mar­che­t­ti, che insieme all’imprenditore lom­bar­do Lui­gi Capè, trasfor­marono una seghe­ria in un’industria aero­nau­ti­ca che arrivò ad imp­ie­gare più di 11.000 per­sone, sono accor­si dal­la sua cit­tà natale il nipote Alessan­dro Cauc­ci Molara, il Sin­da­co di Cori Tom­ma­so Con­ti e l’Assessore Faus­to Nuglio.

Mar­co Castal­di

Addet­to Stam­pa & OLMR

Con­di­vi­di:
error0