Il Consiglio comunale di Cori ha approvato il PEC

Il Consiglio comunale di Cori ha approvato il PEC

02/12/2016 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2035 volte!

Il Piano di Emer­gen­za di Pro­tezione Civile Comu­nale è sta­to redat­to sul­la base delle ultime linee gui­da indi­cate dall’Agenzia Regionale di Pro­tezione Civile del­la Regione Lazio. Con­seg­na­ta anche una tar­ga al mer­i­to dell’Associazione Volon­tari e Pro­tezione Civile di Cori per l’impegno pro­fu­so a favore delle popo­lazioni ter­re­mo­tate del cen­tro Italia.

Il Con­siglio comu­nale di Cori ha approva­to all’unanimità il Piano di Emer­gen­za di Pro­tezione Civile Comu­nale. Tale doc­u­men­to con­tiene l’insieme delle pro­ce­dure oper­a­tive di inter­ven­to da attuare al ver­i­fi­car­si di un even­to calami­toso e si basa sul­la conoscen­za delle con­dizioni di peri­colosità e dei con­seguen­ti rischi che inve­stono il ter­ri­to­rio comu­nale. Da quel­lo sis­mi­co con una map­pa delle aree e degli edi­fi­ci più sen­si­bili, all’idrogeologico e boschi­vo. Nel testo, redat­to sul­la base delle ultime linee gui­da indi­cate dall’Agenzia Regionale di Pro­tezione Civile del­la Regione Lazio, sono illus­trati gli sta­ti di aller­ta per crit­ic­ità: idrauli­ca, idro­ge­o­log­i­ca, per tem­po­rali e meteo. Gli even­ti peri­colosi: neve, ghi­ac­cio, fred­do, incen­di e ter­re­moti. Le pro­ce­dure oper­a­tive da attuare in tali casi.

“Si trat­ta di uno stru­men­to fon­da­men­tale per la sicurez­za dei cit­ta­di­ni e per tutte le azioni di pro­tezione civile, sia di pre­ven­zione che di emer­gen­za – ha spie­ga­to il vice Sin­da­co di Cori con del­e­ga alla Sicurez­za Ennio Afi­lani – Esso con­sen­tirà di met­tere in atto tem­pes­ti­va­mente un’azione di pri­mo inter­ven­to e fornire agli oper­a­tori comu­nali e sovra­co­mu­nali una piani­fi­cazione capace di con­sen­tire la ges­tione dell’emergenza con rapid­ità e razion­al­ità. Una vol­ta avu­to anche l’ok dall’Agenzia Regionale di Pro­tezione Civile — pros­egue Afi­lani — ver­rà invi­a­to a tut­ti gli uffi­ci ter­ri­to­rial­mente com­pe­ten­ti, pub­bli­ca­to sul sito isti­tuzionale del Comune di Cori e illus­tra­to in apposi­ti incon­tri con la cit­tad­i­nan­za”.

L’8° Con­siglio comu­nale di Cori del 2016, il 33° del­la sec­on­da leg­is­latu­ra Con­ti, si è riu­ni­to mart­edì 29 Novem­bre. Sono state approvate tutte le delibere all’ordine del giorno aven­ti ad ogget­to i seguen­ti argo­men­ti: ‘Art. 175 del D.Lgs. 267/2000 vari­azione n. 5 al bilan­cio di pre­vi­sione 2016/2018 – Ass­es­ta­men­to’ (11 sì e 4 no: Bianchi, Ric­ci, Canale, Sil­vi); ‘Mod­i­fi­ca Rego­la­men­to Tosap – Occu­pazione Tem­po­ranea’ (13 sì e 1 astenuto:Silvi); ‘Ade­sione al gemel­lag­gio tra le Cit­tà di Cori e Oswiec­im’ (una­nim­ità). L’assise si è aper­ta con la con­seg­na di una tar­ga all’Associazione Volon­tari­a­to e Pro­tezione Civile di Cori da parte del Sin­da­co Tom­ma­so Con­ti a nome dell’Amministrazione comu­nale: “Per il pron­to aiu­to presta­to alla popo­lazione del Comune di Accu­muli all’indomani del ter­re­mo­to che ha col­pi­to il cen­tro Italia il 24 Agos­to 2016, in par­ti­co­lare per la real­iz­zazione del­la ten­dopoli di pri­ma accoglien­za, dimostran­do ele­vati val­ori di sol­i­da­ri­età, spir­i­to di abne­gazione e sac­ri­fi­cio, uni­ti ad indis­cusse note di professionalità”.

Mar­co Castaldi

Addet­to Stam­pa & OLMR