Ardea: i Carabinieri fermano 3 marocchini per spaccio

Ardea: i Carabinieri fermano 3 marocchini per spaccio

10/11/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 4293 volte!

foto-cc-ardeaARDEA – SERVIZIO ANTIDROGA DEI CARABINIERI SUL LUNGOMARE DEGLI ARDEATINI. CARABINIERI FERMANO TRE MAROCCHINI PER DETENZIONE AI FINI DI SPACCIO E DETENZIONE ABUSIVA DI MUNIZIONAMENTO. 

ARDEA (RM) – I Cara­binieri del­la Tenen­za di Ardea, a con­clu­sione di numerosi servizi pre­dis­posti negli ulti­mi giorni nei pres­si del Lun­go­mare degli Ardea­ti­ni, in prossim­ità di alcu­ni eser­cizi pub­bli­ci aree già ogget­to di altre analoghe attiv­ità in quan­to piazze per lo smer­cio di sostanze stu­pe­facen­ti, han­no sot­to­pos­to a fer­mo di indizia­to di delit­to tre uomi­ni maroc­chi­ni, tut­ti mag­gioren­ni e già noti alle forze dell’ordine. I mil­i­tari, che già da tem­po ave­vano nota­to i movi­men­ti sospet­ti di diver­si sogget­ti noti come assun­tori di droghe, sono inter­venu­ti bloc­can­do i tre sospet­tati. Il modus operan­di del­la ban­da era sem­pre lo stes­so: durante il giorno stazion­a­vano nelle vic­i­nanze di un bar ove veni­vano avvi­c­i­nati dai cli­en­ti e rice­vu­to da loro il denaro, uno dei push­er si reca­va all’interno di un vici­no ter­reno abban­do­na­to ove prel­e­va­va lo stu­pe­facente per poi deposi­tar­lo in un luo­go pat­tuito con il cliente, il quale, indis­tur­ba­to, si reca­va a rac­coglier­lo per poi allon­ta­nar­si. Bloc­cati i tre sogget­ti, veni­vano perquisi­ti e uno di loro veni­va trova­to in pos­ses­so di oltre 800 Euro in ban­conote di vario taglio ritenu­ti il proven­to dell’attività di spac­cio, men­tre a segui­to di un accu­ra­ta ispezione del cam­po veni­va sco­v­a­to il luo­go in cui veni­va con­ser­va­to lo stu­pe­facente, un sec­chio di plas­ti­ca occul­ta­to tra l’erba. Oltre a 27 dosi di hashish con­fezion­ate, per un totale di 103 gram­mi, e ad un bilan­ci­no, i mil­i­tari dell’Arma han­no rin­venu­to un pic­co­lo arse­nale di ben 167 car­tuc­ce di vari cal­ib­ri sia per pis­to­la che per fucile da cac­cia. I tre veni­vano quin­di sot­to­posti a fer­mo di indizia­to di delit­to in quan­to ritenu­ti respon­s­abili di deten­zione ai fini di spac­cio di sostan­za stu­pe­facente e deten­zione abu­si­va di munizion­a­men­to e por­tati nel carcere di Vel­letri in atte­sa dell’udienza di con­va­l­i­da pre­vista per la gior­na­ta odier­na. 

I mil­i­tari dell’Arma sono già al lavoro per fare luce sul pos­ses­so delle munizioni da parte dei fer­mati.

Con­di­vi­di:
error0
fb-share-icon0
Tweet 20
fb-share-icon20