Femminicidi. Provincia di Roma. Si conclude il processo contro Eraldo Marchetti. Uccise la moglie a martellate nel 2014 a Segni

Femminicidi. Provincia di Roma. Si conclude il processo contro Eraldo Marchetti. Uccise la moglie a martellate nel 2014 a Segni

26/10/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2425 volte!

il-sottufficiale-eraldo-marchetti-viene-trasferito-in-procura-a-velletri-02Fem­mini­ci­di. Provin­cia di Roma. Si con­clude il proces­so con­tro Eral­do Mar­che­t­ti. Uccise la moglie a martel­late nel 2014.

Asso­ci­azioni: “Ci siamo cos­ti­tu­ite par­ti civili a sosteg­no del­la famiglia e per sen­si­bi­liz­zare con­tro la vio­len­za”
Si è cel­e­bra­ta il 24 otto­bre, pres­so la corte di assise di Frosi­none, l’u­dien­za con­clu­si­va del proces­so nei con­fron­ti di Eral­do Mar­che­t­ti, accusato e reo con­fes­so, di aver ucciso la moglie il 16 mar­zo 2014 a Seg­ni, pic­co­lo cen­tro in Provin­cia di Roma. L’uo­mo uccise la don­na con numerose martel­late inferte sul cranio, alla pre­sen­za del­la figlia di nove anni.
Social­mente­Donna  e Ponte Don­na,  asso­ci­azioni con­tro la vio­len­za di genere oper­an­ti nel­la zona in cui è avvenu­to il fem­mini­cidio, si sono cos­ti­tu­ite par­ti civili nel proces­so, medi­ante l’avv. Simona Sime­one, al fine di sostenere la famiglia del­la vit­ti­ma e sen­si­bi­liz­zare sui temi del­la vio­len­za di genere.
“Da alcu­ni anni ormai — dichiara­no le due asso­ci­azioni — parte­cip­i­amo atti­va­mente al prog­et­to del Piano di Zona RMG6, “Il Filo di Ari­an­na”, nato su nos­tra pro­pos­ta per la ges­tione di sportel­li di ascolto a Colle­fer­ro, Carpine­to e Lab­i­co, al fine di pre­venire episo­di di vio­len­za e tute­lare le donne vit­time di abusi, che trop­po spes­so avven­gono in ambito domes­ti­co. È atti­vo e a dis­po­sizione delle donne — con­cludono le due asso­ci­azioni — un tele­fono h 24, n. 3668166496, al quale invi­ti­amo, sen­za esi­tazione, a fare rifer­i­men­to per avviare, con il nos­tro sosteg­no, un per­cor­so di riconosci­men­to e denun­cia degli abusi subiti”.
Con­di­vi­di:
error0