Cori: la Biblioteca civica ‘Elio Filippo Accrocca’ ospita la mostra fotografica “The long run” di Giuseppe Chiantera

Cori: la Biblioteca civica ‘Elio Filippo Accrocca’ ospita la mostra fotografica “The long run” di Giuseppe Chiantera

08/10/2016 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2135 volte!

Si trat­ta di un viag­gio tes­ti­mo­ni­ale lun­go la trat­ta dei Bal­cani, in par­ti­co­lare in Croazia, una delle ultime tappe del­la ‘rot­ta bal­cani­ca’, il cor­ri­doio che dal­la Turchia por­ta al cuore dell’Europa, inter­rot­ta brus­ca­mente dal muro ungherese volu­to da Orban e dalle cor­tine nazion­al­is­tiche minac­ciate dagli altri Sta­ti.

Pres­so la Bib­liote­ca Comu­nale di Cori ‘Elio Fil­ip­po Accroc­ca’ è sta­ta allesti­ta la mostra fotografi­ca ‘The long run’ di Giuseppe Chi­antera, già pre­sen­ta­ta lo scor­so Luglio a Giu­lianel­lo durante il fes­ti­val Book’n’roll – Rasseg­na di scrit­ture urgen­ti, edi­zione 2016. Il pub­bli­co potrà vis­i­tar­la nei mesi di Otto­bre e Novem­bre, dal lunedì al giovedì, dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 15:30 alle 19.

Si trat­ta un viag­gio tes­ti­mo­ni­ale lun­go la trat­ta dei Bal­cani, in par­ti­co­lare in Croazia, una delle ultime tappe del­la ‘rot­ta bal­cani­ca’, il cor­ri­doio che dal­la Turchia por­ta al cuore dell’Europa e che a par­tire dal­la scor­sa estate è sta­to attra­ver­sato da un inten­so flus­so migrante, inter­rot­to brus­ca­mente dal muro ungherese volu­to da Orban e dalle cor­tine nazion­al­is­tiche minac­ciate dagli altri Sta­ti.

Nel giro di pochissi­mi giorni la pic­co­la Tovarnik, cit­tad­i­na rurale ai con­fi­ni con la Ser­bia, nel­la zona di Vuko­var, e il cam­po di tran­si­to di Opa­to­vac diven­tano un nuo­vo impor­tante pun­to d’accesso per migli­a­ia di migranti. La mag­gior parte di questi sono rifu­giati siri­ani che fug­gono dal­la guer­ra e dal regime di Assad. Il flus­so che risale la peniso­la bal­cani­ca attra­ver­sa alcu­ni pas­sag­gi per­cor­si ven­ti anni fa dai profughi che fug­gi­vano la guer­ra in Yugoslavia.

L’autore degli scat­ti è Giuseppe Chi­antera, fotografo e videografo free­lance e cor­rispon­dente UNCAV pres­so le Nazioni Unite. Col­lab­o­ra con riv­iste e tes­tate ital­iane ed estere con com­mis­sion­ati e prog­et­ti per­son­ali. Cura la comu­ni­cazione video-fotografi­ca, le pho­toac­tion e le pub­bli­cazioni di fundrais­ing per le ONG Amnesty Inter­na­tion­al, Save the Chil­dren e Green­peace.

For­ma­to a Roma pres­so l’I.S.F.C.I. dove con­segue il Mas­ter in Foto­gior­nal­is­mo e a Milano pres­so l’agenzia LUZ, Chi­antera segue lavori e prog­et­ti di carat­tere sociale, uman­i­tario e ambi­en­tale sia in Italia che all’estero soprat­tut­to nell’Africa Occi­den­tale, in India e nell’Europa dell’Est.  Affi­an­ca all’attività foto­gior­nal­is­ti­ca quel­la di inseg­na­men­to del­la fotografia con cor­si base, avan­za­to e reportage. Fa parte del Col­let­ti­vo Ulix­es Pic­ture.

Mar­co Castal­di

Addet­to Stam­pa & OLMR