Il Partito Comunista Italiano si ricostituisce in provincia di Latina

Il Partito Comunista Italiano si ricostituisce in provincia di Latina

07/10/2016 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1347 volte!

Dopo l’Assemblea Orga­niz­za­ti­va Provin­ciale di Cori ripartono le prime sezioni pon­tine del PCI.  

Dan­do segui­to all’Assemblea Nazionale Cos­tituente, si è tenu­ta a Cori il 5 Otto­bre la Pri­ma  Assem­blea Orga­niz­za­ti­va Provin­ciale del Par­ti­to Comu­nista Ital­iano per rac­cogliere le iniziali  ade­sioni al Par­ti­to e dare avvio, con la cos­ti­tuzione di sezioni e nuclei di iscrit­ti, ad una pre­sen­za sig­ni­fica­ti­va nel­la provin­cia di Lati­na. Oltre alla rap­p­re­sen­tan­za di Cori, era­no pre­sen­ti i com­pag­ni di Ter­raci­na, Gae­ta e Lati­na. A questi si aggiunge l’adesione di Sezze e Ser­mon­e­ta.

La dis­cus­sione ha toc­ca­to innanz­i­tut­to l’esi­gen­za di riavvic­inare quan­ti si sono allon­ta­nati  dal­la polit­i­ca del­la sin­is­tra comu­nista a causa di posizioni oscil­lan­ti fra rad­i­cal­is­mo e  mod­er­atismo, lon­tane dall’affrontare i prob­le­mi con rifer­i­men­to alla classe lavo­ra­trice. Le scis­sioni han­no com­ple­ta­to l’emarginazione delle forze comu­niste. Spazio poi alla polit­i­ca euro­pea, che ha penal­iz­za­to gli Sta­ti del Mediter­ra­neo, e i gov­erni ital­iani, sub­al­terni ad essa, avviati ver­so la perdi­ta di sovran­ità e pron­ti a scari­care i costi del­la crisi sulle masse popo­lari.

Forte è sta­to il richi­amo al marx­is­mo e a Gram­sci, fonti teoriche per inter­pretare l’evoluzione  del­la soci­età e dell’economia. In ambito locale è sta­ta data notizia all’Assemblea del rein­te­gro, oltre al ris­arci­men­to per dan­ni fino a 12 men­sil­ità, sta­bil­i­to dal Tri­bunale di Lati­na, di quat­tro lavo­ra­tori del­la Sapa Pro­fili di Fos­sano­va, a con­fer­ma dell’importanza dell’art. 18 del­la Legge 300/70. È sta­ta sot­to­lin­ea­ta l’esigenza del con­fron­to con le Asso­ci­azioni locali per deter­minare  con­ver­gen­ze di azione su prob­le­mi speci­fi­ci. L’Assemblea si è chiusa con l’impegno ad esten­dere la cam­pagna di tessera­men­to a tut­ta la provin­cia pon­ti­na.

 

 

Con­di­vi­di:
error0