Monterotondo: apre la Torre civica, sede comunale decentrata

Monterotondo: apre la Torre civica, sede comunale decentrata

30/09/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1324 volte!

Palazzo_Orsini_(Monterotondo)Attivi da  lunedì 3 Otto­bre gli sportel­li URP, Ana­grafe, Polizia locale, Edilizia pri­va­ta e SUAP

Monterotondo: apre la Torre civica, sede comunale decentrata 

Apre al pub­bli­co la sede decen­tra­ta comu­nale pres­so la Torre civi­ca di Piedi­cos­ta.

Da lunedì 3 otto­bre, nel­la mod­er­na strut­tura ad alte prestazione ambi­en­tali di via dell’Artigianato (Green Vil­lage), saran­no infat­ti attivi l’URP-Uffi­cio Relazioni col pub­bli­co, l’Ana­grafe, lo sportel­lo di Polizia locale, il Servizio Edilizia Pri­va­ta e il SUAP, lo Sportel­lo Uni­co per le Attiv­ità pro­dut­tive.

Il trasfer­i­men­to dei servizi pres­so la Torre civi­ca com­por­ta, per quan­to riguar­da URP, Ana­grafe e Polizia locale, la chiusura del­la del­egazione di via Monte Santo/piazza Berlinguer, nonché il decen­tra­men­to del Servizio Edilizia Pri­va­ta e del SUAP che las­ciano defin­i­ti­va­mente la sede di palaz­zo Orsi­ni.

Gli uffi­ci osser­vano i medes­i­mi orari di aper­tu­ra e di rice­vi­men­to al pub­bli­co in vig­ore pres­so la sede cen­trale di palaz­zo Orsi­ni. Lo sportel­lo di Polizia locale è invece aper­to nei giorni di lunedì, mer­coledì e ven­erdì dalle ore 9:00 alle ore 12:00.

L’attivazione dei servizi nei pri­mi tre liv­el­li dell’edificio com­ple­ta l’avvio del­la piena fun­zion­al­ità del­la Torre civi­ca, inau­gu­ra­ta lo scor­so 4 luglio con l’apertura del Museo stori­co di Mon­tero­ton­do, allesti­to al quar­to e quin­to piano.

Finanzi­a­ta e real­iz­za­ta nell’ambito del Plus, il Piano locale Urbano di svilup­po pre­vis­to nel pro­gram­ma oper­a­ti­vo del­la Regione Lazio, Fon­di europei 2007–2013, la Torre civi­ca risponde ad un duplice obi­et­ti­vo. In pri­mo luo­go all’esigenza di delo­cal­iz­zare servizi pub­bli­ci nel­la parte geografi­ca­mente bas­sa del­la cit­tà, riequi­li­bran­do lo stori­co gap che la penal­iz­za­va rispet­to al cen­tro cit­tadi­no e con­tribuen­do ad alleg­gerire questo dall’ordinario vol­ume di traf­fi­co. Non sec­on­dari­a­mente, la Torre civi­ca vuole rap­p­re­sentare il nuo­vo ful­cro dell’identità di un quartiere in via di espan­sione, sor­to sull’area pri­va­ta stori­ca­mente occu­pa­ta dal­la for­nace Scac, fino ad un decen­nio fa abban­do­na­ta, degra­da­ta e con­t­a­m­i­na­ta d’amianto, ogget­to di uno dei più ril­e­van­ti piani di recu­pero e val­oriz­zazione com­ple­tati a liv­el­lo nazionale.

 «Anche per l’attivazione dei servizi nel­la Torre civi­ca – affer­ma l’asses­sore ai Lavori pub­bli­ci e vicesin­da­co Lui­gi Cav­al­lisono sta­ti per­fet­ta­mente rispet­tati i tem­pi pre­visti dal Plus. Già da ven­erdì 30, aven­do com­ple­ta­to traslo­co e alles­ti­men­ti tec­ni­ci, gli uffi­ci potran­no essere prati­ca­mente oper­a­tivi. Abbi­amo però ritenu­to oppor­tuno avviare l’apertura al pub­bli­co dal­la gior­na­ta di lunedì, in modo da ver­i­fi­care la piena fun­zion­al­ità di spazi, alles­ti­men­ti e attrez­za­ture».

«Con l’apertura com­ple­ta del­la Torre civi­ca – dichiara il sin­da­co Mau­ro Alessan­dri real­izzi­amo un’altra, impor­tante parte del nos­tro pro­gram­ma e pros­eguiamo nel­la con­cretiz­zazione di un’idea poli­cen­tri­ca del­la cit­tà, incen­tra­ta sul decen­tra­men­to dei servizi e sul miglio­ra­men­to delle con­dizioni di via­bil­ità, veico­lare e ciclope­donale. Una cit­tà più servi­ta in ogni quartiere e allo stes­so tem­po più uni­ta e comu­ni­cante, una cit­tà che cresce in servizi ed oppor­tu­nità».

Con­di­vi­di:
error0