M5S MARINO: CAMBIAMENTO IN ATTO: PARTIAMO DALLA COMMISSIONE ELETTORALE

M5S MARINO: CAMBIAMENTO IN ATTO: PARTIAMO DALLA COMMISSIONE ELETTORALE

23/09/2016 1 Di puntoacapo

Hits: 45

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 5167 volte!

Walter Petrini

Val­ter Petrini

M5S MARINO: CAMBIAMENTO IN ATTO: PARTIAMO DALLA COMMISSIONE ELETTORALE

Si è riu­ni­ta ieri Giovedì 22 Set­tem­bre, per la pri­ma vol­ta dall’insediamento del­la Neo-Giun­ta, la Com­mis­sione Elet­torale alla pre­sen­za del Sin­da­co Car­lo Col­iz­za e dei due mem­bri di Mag­gio­ran­za Val­ter Petri­ni e Flavio Sil­vestre. All’odg la rifor­ma del Dis­ci­pli­nare per la nom­i­na degli Scru­ta­tori Elet­torali, che tante polemiche ha sem­pre sus­ci­ta­to per qualche aspet­to – dici­amo così – di car­ente trasparen­za nelle procedure.

La rifor­ma sos­ti­tuirà la nom­i­na ad per­son­am degli Scru­ta­tori, fino ad oggi ris­er­va­ta ai con­siglieri ed eserci­ta­ta in totale dis­crezion­al­ità, con un cri­te­rio di selezione ogget­ti­vo sot­to­pos­to a selezione tramite Ban­do e tenen­do in ril­e­vante con­sid­er­azione gli ele­men­ti di vul­ner­a­bil­ità socio-eco­nom­i­ca dei can­di­dati Scrutatori.

Sarà fat­to il pos­si­bile per­ché il Dis­ci­pli­nare abbia effet­to a par­tire dal­la prossi­ma tor­na­ta ref­er­en­daria. Qualo­ra così non fos­se, si adot­terà comunque un sis­tema di selezione per sorteg­gio: più ogget­ti­vo e sicu­ra­mente più equo del­la soli­ta selezione per “coop­tazione” usa­ta dalle scorse amministrazioni.

Altra pic­co­la stoc­ca­ta ai sis­te­mi clien­te­lari che per anni han­no degrada­to Mari­no e vio­la­to gli inter­es­si pub­bli­ci del­la cittadinanza.

Avrem­mo con­di­vi­so con piacere questo momen­to di cam­bi­a­men­to anche con l’Opposizione, che invece ha rispos­to con la des­olante assen­za del Con­siglieri Lapun­z­i­na e Pisani (suo sos­ti­tu­to). D’al­tronde, ben rap­p­re­sen­ta l’assen­za delle Isti­tuzioni comu­nali nei con­fron­ti dei deboli sen­za “san­ti in Par­adiso”, che da anni abbat­te la sua scure su Mari­no: por­ta­ta avan­ti dal­la destra col bene­plac­ito del­la sinistra.