I CITTADINI PER IL MOVIMENTO 5 STELLE PER ROCCA DI PAPA, CI SONO, SONO ATTIVI E PRESENTI

I CITTADINI PER IL MOVIMENTO 5 STELLE PER ROCCA DI PAPA, CI SONO, SONO ATTIVI E PRESENTI

22/09/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 3451 volte!

rocca-di-papaI CITTADINI PER IL MOVIMENTO 5 STELLE PER ROCCA DI PAPA, CI SONO, SONO ATTIVI E PRESENTI 

L’ar­ti­co­lo com­par­so sul Seg­no in questi giorni, ci dà modo una vol­ta per tutte, di far conoscere ai cit­ta­di­ni roc­cheg­giani che il Movi­men­to c’è, è atti­vo e ha già pro­pos­to una serie di inizia­tive impor­tan­ti, alcune delle quali con modal­ità diver­sa sono state adot­tate dal Comune.

Nel­l’ar­ti­co­lo com­par­so sul Seg­no, di pochi giorni fa, si legge che per la scarsa comu­ni­cazione, una car­ente trasparen­za e la poca inci­siv­ità sui fat­ti politi­ci roc­cheg­giani, a Roc­ca di Papa il movi­men­to non è mai nato e/o rischia di non avere luce.

Cercher­e­mo di dimostrare attra­ver­so fat­ti con­creti le attiv­ità svolte in questi mesi subito dopo le elezioni di giugno.

Nel pez­zo si scrive del­l’e­sul­tan­za di alcu­ni del movi­men­to la sera del­la vit­to­ria di Crestini.

La certez­za di aver allon­tana­to lo “spet­tro” del Sin­da­co uscente ha prodot­to un’eu­fo­ria gen­erale, non lega­ta alla per­sona ma all’even­to fuori dal­l’or­di­nario, reg­is­tra­to dopo 20 anni di ammin­is­trazione del PD. La let­tura del­l’al­le­gria di quel­la sera ave­va dunque, una natu­ra diversa.

Riguar­do le assun­zioni a Mon­do Migliore di due espo­nen­ti attivi, le sono state date speci­fiche spie­gazioni sul­la realtà dei  fat­ti  su   Facebook.

Lei scriven­do l’ar­ti­co­lo, ave­va il com­pi­to di non tralas­cia­re le moti­vazioni date dal sig. D’An­toni, per dar modo ai let­tori del Seg­no di  far­si una pro­pria opin­ione del­l’ac­cadu­to, sen­za che una delle due par­ti la suggerisse.

Non le neghi­amo il ben­efi­cio del dub­bio, sig­no­ra Di Rosa, cre­di­amo però, che chi infor­ma abbia una grossa respon­s­abil­ità: fornire un’in­for­mazione ogget­ti­va dei fat­ti.

A seguire il gior­nale ripor­ta che tra i “Cit­ta­di­ni per il Movi­men­to 5 Stelle di Roc­ca di Papa”, ci siano dei crestiniani.

Sen­tir­si definire dei cres­tini­ani non ci fa piacere, anzi, lo con­sid­e­ri­amo un ter­mine impro­prio e sto­na­to; siamo una “lib­era asso­ci­azione di cit­ta­di­ni attivi” con­vin­ti, sen­za mezzi ter­mi­ni. Cre­di­amo fer­ma­mente nei val­ori fon­dan­ti del Movi­men­to: lib­ertà, uguaglian­za, dig­nità, sol­i­da­ri­età, fratel­lan­za e rispet­to, in tut­to ciò ci riconosciamo.

Infine l’e­len­co del­la nos­tra attiv­ità, come cit­ta­di­ni attivi, in questi 100 giorni di Ammin­is­trazione cres­tini­ana, pur fuori dal Palazzo:

15 luglio –  dopo due set­ti­mane di inse­di­a­men­to del­la nuo­va giun­ta,   abbi­amo pro­to­col­la­to la richi­es­ta di atti­vazione di un net­work: Deco­ro Urbano, un servizio gratu­ti­to, con il quale si pos­sono fare varie seg­nalazioni  attra­ver­so un Pc e/o Smart­phone, con una sem­plice iscrizione, stru­men­to sem­plice, imme­di­a­to e alta­mente funzionale.

Il Comune non ha accetta­to la nos­tra richi­es­ta ma ha atti­va­to, da pochi giorni, un servizio di mes­sag­gis­ti­ca: whatsapp.

Siamo sta­ti noi cit­ta­di­ni attivi che con la nos­tra “pre­sen­za” sol­lecitan­do il Comune, con let­tera, e con un arti­co­lo pub­bli­ca­to su paco online, gior­nale di Mari­no, a far si che i cit­ta­di­ni potessero diventare parte atti­va del pro­prio paese.

Obi­et­ti­vo raggiunto!

8 agos­to – Ref­er­en­dum Cos­ti­tuzionale, parte­ci­pazione dei cit­ta­di­ni all’even­to, abbas­tan­za numerosa. Il video posta­to sul­la nos­tra pag­i­na Face­book ne dà conferma.

20 agos­to — pro­ce­du­ra d’ur­gen­za di der­at­tiz­zazione, petizione invi­a­ta al Comune, alla Polizia Munic­i­pale e con­seg­na­ta a mano alla Asl di competenza.

La rac­col­ta delle firme ser­vi­va a doc­u­mentare e ren­dere veloci i tem­pi di decon­t­a­m­i­nazione. La Asl, una vol­ta ver­i­fi­ca­ta la con­sis­ten­za del­la seg­nalazione, provvede a trasmet­tere il rap­por­to all’Uf­fi­cio Dis­in­fes­tazioni del Set­tore Politiche Ambi­en­tali ed Ener­getiche del Comune indi­can­do le modal­ità di un even­tuale trat­ta­men­to di der­at­tiz­zazione. Il servizio però al Comune non esiste, il con­trat­to con la dit­ta che si occu­pa del­la dis­in­fes­tazione e der­at­tiz­zazione è scadu­to tra 3 anni. (Notizia avu­ta da fonte attendibile).

Con­travvenire a quan­to sta­bil­i­to dal­la legge, pone i cit­ta­di­ni in una situ­azione di ris­chio igien­i­co-san­i­tari, all’am­bi­ente, agli impianti e alle der­rate alimentari.

I topi mor­ti sono frut­to di un fai da sé, peri­coloso anche per gat­ti, cani randa­gi e bam­bi­ni, qualo­ra quest’ul­ti­mi venis­sero a con­tat­to con mate­ri­ali nocivi.

10 set­tem­bre – Con­feren­za Cos­ti­tuzionale: rela­tori il prof. C. Corset­ti, l’eu­rodep­u­ta­to M. Castal­do, la Sen­a­trice E. Fat­tori, Con­sigliere regionale D. Deni­colò, i sin­daci 5 Stelle, C. Col­iz­za e  Loren­zon e il Con­sigliere regionale D. Bar­il­lari, per la  pre­sen­tazione del pro­prio libro.

Con­seg­na di un dossier sulle antenne a Monte Cavo, doc­u­men­tazione giun­ta a Bruxelles!

luglio- agos­to- set­tem­bre: vari info point sul­la rifor­ma Cos­ti­tuzionale e Italicum.

Non è molto ne siamo con­sapevoli, ma sti­amo “lavo­ran­do” per rag­giun­gere altri obi­et­tivi. Lo fac­ciamo sen­za dichiarare guer­ra a nes­suno per­ché le guerre pro­ducono solo mac­erie, ce lo inseg­na la Storia.

Nel 46 gli Ital­iani furono chia­mati a scegliere tra monar­chia e repub­bli­ca, loro scelsero la Repubblica.

Dunque, farebbe bene a tut­ti ricor­dare che il pri­mo pres­i­dente del­la Repub­bli­ca fu E. De Nico­la e il sec­on­do, L. Ein­au­di: due monar­chi­ci, in un’ Italia ormai Repubblicana!

Noi, oggi, non siamo anco­ra pron­ti ad accogliere i diver­si pun­ti di vista politi­ci, reli­giosi e cul­tur­ali, un pat­ri­mo­nio di unic­ità, orig­i­nal­ità e aut­en­tic­ità da con­di­videre come bene prezioso. Peccato.

Cam­biare atteggia­men­to però è pos­si­bile, se ci si crede.

Le ingius­tizie devono essere seg­nalate, cer­ta­mente, noi siamo i pri­mi a  cred­er­ci. Chi sbaglia paga, non ci sono san­ti! Atten­zione però a non con­fondere la ver­ità ogget­ti­va con la sogget­tiv­ità emotiva.

La nos­tra “por­ta” è aper­ta a chi­unque che, con umiltà e trasparen­za voglia con­tribuire a far crescere il Movi­men­to e di con­seguen­za il Paese. “Bus­si”, vedrà che le sarà aperto.

Le siamo comunque grati, per aver­ci dato la pos­si­bil­ità di chiarire alcune ques­tione e spie­gare la nos­tra posizione sul ter­ri­to­rio roc­cheg­giano, nonos­tante fuori dal Palazzo.

Cit­ta­di­ni attivi per il Movi­men­to 5 Stelle per Roc­ca di Papa