Il Lago Cantato. A Giulianello la XXIV edizione della rassegna dedicata alla cultura e alla civiltà contadina

Il Lago Cantato. A Giulianello la XXIV edizione della rassegna dedicata alla cultura e alla civiltà contadina

09/09/2016 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2215 volte!

In pro­gram­ma: Mat­ti­na­ta Eco­log­i­ca, colazione con­tad­i­na, mostre fotografi­ca e d’arte, musi­ca no stop, pran­zo sociale, attual­ità con l’assemblea pub­bli­ca ded­i­ca­ta alla tutela del Lago di Giu­lianel­lo e con­cer­to degli Acquara­gia Drom per il gran finale del ‘Pé ì ndó’.

La ter­ra, la memo­ria, la musi­ca. Domeni­ca 11 Set­tem­bre ritor­nano a Giu­lianel­lo i can­ti e le tradizioni popo­lari, con l’ormai con­sue­ta inizia­ti­va di fine estate Il Lago Can­ta­to, la rasseg­na ded­i­ca­ta alla cul­tura e alla civiltà con­tad­i­na, idea­ta da Raf­faele Mar­che­t­ti. Giun­to alla sua 24^ edi­zione, l’evento orga­niz­za­to dal MAG avrà luo­go nel­la sug­ges­ti­va cor­nice del Mon­u­men­to Nat­u­rale Lago di Giu­lianel­lo, cir­conda­to dagli ulti­mi lem­bi del­la cam­pagna romana e dagli antichi trat­turi del­la tran­suman­za, attra­ver­sa­ti fino alla metà del sec­o­lo scor­so.

Un’occasione per dis­cutere di ambi­ente e svilup­po sosteni­bile, per pro­muo­vere le tipic­ità enogas­tro­nomiche e le usanze del pos­to, tra con­vivi­al­ità e diver­ti­men­to. La man­i­fes­tazione inizierà alle ore 08:30 con la Mat­ti­na­ta Eco­log­i­ca: armati di ras­trel­lo, palet­ta e sec­chiel­lo, uni­ti con­tro l’inciviltà, l’indifferenza e la male­d­u­cazione, per dare una mano a tenere pulite le sponde del Lago e la stra­da Doganale, impor­tan­tis­si­ma via di comu­ni­cazione fin dall’età pre­romana, che dal­la SP Vel­letri Anzio I immette all’oasi.

Dopo la colazione con­tad­i­na (pan­zanel­la, olive e bis­cot­ti) ver­ran­no inau­gu­rate le mostre tem­atiche fotografi­ca e d’arte a cura dell’Associazione Il Sipario e di Gian­ni Cupic­cia. Dal­la mat­ti­na al tra­mon­to si esi­bi­ran­no in ordine spon­ta­neo le Donne di Giu­lianel­lo, Francesca Trenta, i Canu­sia e gli altri artisti che inter­ver­ran­no nel cor­so del­la gior­na­ta, come I Poeti in Otta­va Rima, Camil­lo De Felice, Anto­nio Tomei, Francesco Cic­cone, i Fab­bri­c­as­trofe ed Eras­mo Treglia. Chi sa suonare può portare con sé il suo stru­men­to.

Alle ore 13:00 il pran­zo sociale (ognuno por­ti qual­cosa). Nel pomerig­gio spazio all’attualità con l’assem­blea pub­bli­ca delle ore 15:30 dove si par­lerà di Stru­men­ti di Tutela del Mon­u­men­to Nat­u­rale Lago di Giu­lianel­lo. Le regole, la ges­tione e i prog­et­ti da attuare per la sal­va­guardia e la val­oriz­zazione’. A seguire il lab­o­ra­to­rio di ces­te­ria per risco­prire un’antica tradizione: dal riconosci­men­to delle erbe spon­ta­nee alla loro trasfor­mazione in ces­ti. Sarà allesti­to uno stand infor­ma­ti­vo del Comi­ta­to con­tro l’autostrada Roma-Lati­na e Cis­ter­na-Val­montone.

Il ‘Pé ì ndó: Fes­ti­val di musi­ca, radi­ci e sen­ti­men­ti (im)popolari’, orga­niz­za­to dall’Associazione cul­tur­ale ‘Zoo Con­cept’, dall’ASBUC di Giu­lianel­lo e dal Comune di Cori si con­clud­erà a piaz­za Umber­to I, alle ore 22:00, con il con­cer­to degli Acquara­gia Drom, grup­po stori­co del­la musi­ca popo­lare ital­iana. Una mis­cela vibrante ed iron­i­ca, tra un saltarel­lo molisano e un unza unza di stile bal­cani­co, una ser­e­na­ta sin­ti e uno stan­dard rock and rom di pro­fu­mo con­tadi­no nell’originale stile for­gia­to dagli Acquara­gia Drom.

Mar­co Castal­di

Addet­to Stam­pa & OLMR