A Giulianello il doppio concerto di ‘Gnut’ e Ilaria Graziano & Francesco Forni

A Giulianello il doppio concerto di ‘Gnut’ e Ilaria Graziano & Francesco Forni

07/09/2016 0 Di Marco Castaldi

Hits: 7

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1843 volte!

La grande scuo­la di musi­ca parteno­pea pro­tag­o­nista del­la sec­on­da ser­a­ta del  ‘Pé ì ndó — Fes­ti­val di musi­ca, radi­ci e sen­ti­men­ti (im)popolari’.

Doppio con­cer­to saba­to 10 Set­tem­bre a Giu­lianel­lo per la sec­on­da ser­a­ta del ‘Pé ì ndó: Fes­ti­val di musi­ca, radi­ci e sen­ti­men­ti (im)popolari’, man­i­fes­tazione orga­niz­za­ta dall’Associazione ‘Zoo Con­cept’, dall’ASBUC di Giu­lianel­lo e dal Comune di Cori. Dalle ore 19:00 saran­no aper­ti gli stand gas­tro­nomi­ci e bir­ri­fi­ci arti­gianali. La con­dot­ta locale Slow food alle­stirà spazi ded­i­cati al mer­ca­to con­tadi­no e a lab­o­ra­tori di pan­i­fi­cazione e biodiversità.

Il pri­mo a salire sul pal­co di piaz­za Umber­to I, alle ore 22:00, sarà Clau­dio Domes­ti­co, in arte Gnut, 35enne musicista partenopeo autore di 4 album. Un can­tau­tore errante, sem­pre in giro e per questo capace di ampli­are gli oriz­zon­ti tradizion­ali del­la can­zone napo­le­tana, dagli esper­ti annover­a­to tra gli artisti di pun­ta del­la sce­na musi­cale emer­gente nazionale.

Il suo ulti­mo EP, pub­bli­ca­to a mar­zo di quest’anno, si inti­to­la ‘Domes­ti­co’, come lui, ma anche nel sen­so di fat­to in casa, per­ché reg­is­tra­to nel­la sua dimo­ra nel cen­tro stori­co del capolu­o­go cam­pano. Un dis­co nato davan­ti al panora­ma delle finestre casal­inghe, real­iz­za­to gra­zie al sosteg­no dei fan che han­no con­tribuito alla cam­pagna di crowd­fund­ing e inciso insieme ad alcu­ni dei suoi ami­ci storici.

Dopo di lui toc­cherà ad Ilar­ia Graziano e Francesco Forni. L’unione dei due artisti avviene gra­zie al loro esor­dio ‘From Bed­lam to Lenane’, che mette insieme le espe­rien­ze di ognuno, cre­an­do un dis­co dal­la stra­or­di­nar­ia comu­nica­tiv­ità, acclam­a­to come uno dei migliori episo­di del 2012. Vinci­tore del pre­mio MarteAwards2012, alcu­ni brani sono sta­ti scelti come colon­na sono­ra di cele­bri film.

Di suc­ces­so anche il sec­on­do album, ‘Come2Me’. L’amore, la guer­ra, la morte, il mon­do di sog­ni, il viag­gio, sem­bra­no venire diret­ta­mente da un immag­i­nario che ritro­vi­amo nei romanzi di pirati, nei west­ern, nei blues rurali. Musi­cal­mente toc­ca ad una vec­chia chi­tar­ra, un ban­jo, un ukulele, una cas­sa ton­da ma pul­sante e l’intreccio delle due voci resti­tuire tut­to ciò. Anche in questo caso è con­tin­u­a­to il feel­ing con il cinema.

Mar­co Castaldi

Addet­to Stam­pa & OLMR